All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

Marlene VerPlanck: The Mood I'm In

Angelo Leonardi By

Sign in to view read count
Marlene VerPlanck: The Mood I'm In
Chi si ricorda di Marlene VerPlanck? La storia del jazz è una miniera di artisti dimenticati o sottovalutati che hanno brillato una sola, breve, stagione o sono rimasti a lungo in ombra. Marlene è una di questi e l'ascolto di The Mood I'm In (inciso a 82 anni, ultimo di una serie d'incisioni pubblicate in tarda età) rinnova il rimpianto per una carriera che non s'è sviluppata come poteva e non ha avuto i riconoscimenti che meritava.
A dispetto del cognome, trasmessogli dal marito -l'orchestratore William VerPlanck -la cantante è un'italiana di terza generazione, educata in un'ampia famiglia che gestiva un ristorante a Newark e si chiamava Pampinella. Il suo debutto discografico a 22 anni (I Think of You with Every Breath I Take, Savoy, 1955) fu quanto mai promettente: il produttore Ozzie Cadena che le affiancò musicisti del calibro di Hank Jones, Herbie Mann e Kenny Clarke. Negli anni successivi lavorò con le orchestre di Charlie Spivak e Tommy Dorsey ma non incise da protagonista per il successivo quarto di secolo (salvo una partecipazione nel 1965 in Goodie di J.J. Johnson).

Le sue doti vocali andarono al servizio di un oscuro lavoro di studio, come corista o cantante di jingles commerciali. Il ritorno al jazz s'è avuto negli anni ottanta con vari dischi a suo nome, basati sul grande songbook della canzone americana.

Ascoltando questo lavoro, non si può che ammirare la perfetta intonazione della VerPlanck, la giovanile nitidezza espositiva, l'elegante gusto interpretativo, il caldo e raffinato incedere colloquiale. Una natura jazzistica che viene espressa nelle sfumature timbriche, nella sicurezza ritmica, nell'arioso slancio improvvisativo.
Un disco pregevole, dunque, che che si snoda in una classicità senza tempo, sviluppando un repertorio di 12 standard poco frequentati, eccetto gli ellingtoniani "It Shouldn't Happen to a Dream," "All to Soon" e la lirica ballad "This Is Always."
Marlene VerPlanck è accompagna un quintetto di validi professionisti che intervengono con ottimi assoli.

Track Listing

The Mood I’m In’ Me and the Blues’ Free and Easy; It Shouldn’t Happen to a Dream; Certain People; I want to Talk About You; Come on Strong; All Too Soon; It Started All Over Again / Second Time Around; This is Always; My Kind of Trouble is You; Too Late Now.

Personnel

Marlene VerPlanck: vocal; John Pearce: piano; Paul Morgan: bass; Bobby Worth: drums; Mark Nightingale: trombone; Andy Panayi: saxophones, flute.

Album information

Title: The Mood I’m In | Year Released: 2016 | Record Label: Audiophile Records

Post a comment about this album

Watch

Tags

Shop Amazon

More

Live At No Black Tie
Jeremy Monteiro, Jay Anderson, Lewis Nash
King of Dowling Street
Lightnin' Hopkins
Mariposas Cantan
Joe Rizo's Mongorama

Popular

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded albums and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, limited reopenings and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary step that will help musicians and venues now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the sticky footer ad). Thank you!

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.