All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

1

Adam Nussbaum: The Lead Belly Project

Maurizio Comandini By

Sign in to view read count
Adam Nussbaum: The Lead Belly Project
Il noto batterista Adam Nussbaum guida un bel quartetto con il saxofonista Ohad Talmor e i due chitarristi Steve Cardenas e Nate Radley in un viaggio alla riscoperta delle melodie piane e semplici di Huddie William Ledbetter, meglio noto come Leadbelly o, se vogliamo aderire alla versione preferita da Nussbaum, Lead Belly. Un viaggio profumato ovviamente di blues, visto che Lead Belly è stato uno degli story teller più acclamati di questa musica, nella sua versione più tradizionale e genuina. Nato nel 1888, morto nel 1949, diventò molto popolare, anche nel vecchio continente, soprattutto negli anni del dopoguerra. Alcune sue canzoni, come per esempio la "Good Night Irene" che chiude questo tributo, per esempio erano molto note anche fra i ragazzi inglesi che fecero partire il boom del blues negli anni sessanta.

Lead Belly fu attivo nella prima metà del secolo scorso, con la sua chitarra a dodici corde, la sua voce potente ma flessibile e la sua capacità di essere anche ottimo entertainer. Era nato in Louisiana ma si trasferì a cinque anni in Texas e dal di lì partì poi per continui viaggi negli stati del sud che lo videro alternare la carriera di musicista con svariati lavori spesso occasionali, senza scordare i periodi, anche lunghi, passati dietro alle sbarre per risse e amenità varie. Questa era spesso la vita degli artisti di strada, in quella parte degli USA, nella prima metà del secolo scorso.

Nussbaum e i suoi partono dalla musica di questo protagonista storico del blues americano, per arrivare, senza alcun sforzo, ad un impasto assolutamente contemporaneo che ricorda immediatamente le riletture della musica americana fatte da Bill Frisell. L'intreccio delle due chitarre è particolarmente stimolante anche perché Cardenas e Radley si integrano in maniera pressoché perfetta, favoriti anche dalla assenza del basso che permette loro di far lievitare in maniera ancora più leggera questa musica fatta di poche cose che però stanno benissimo assieme. Una ricetta apparentemente tradizionale che però magicamente si fa modernissima e perfettamente calata nei giorni nostri.

Ohad Talmor si innesta in questo contesto con una perfetta padronanza del suo strumento che gli permette di soffiare assoli spesso brevi, ma mai banali. A volte curiosamente riesce ad evocare il suono della 'armonica a bocca, un profumo che in questo contesto non dispiace affatto. Il drumming di Adam Nussbaum è sempre perfettamente al centro di tutto ma non invade mai lo spazio riservato ai suoi compagni e la musica respira nella maniera giusta e adeguata. Le atmosfere sono pacate, ammiccanti, suggestive. Questo album sa ricavarsi una nicchia dai colori sfumati, felpata, pacifica e a suo modo solenne, un luminoso luogo della memoria che ci permette di divagare con la mente e con il cuore. Stupisce che si tratti del primo album di Nussbaum, che ha 62 anni, dopo decine e decine di sessioni da co-leader o side-man. A volte il buon giorno si vede dal pomeriggio!

Track Listing

Old Riley; Green Corn; Black Girl (Where Did You Sleep Last Night); Bottle Up and Go; Black Betty; Grey Goose; Bring Me a Little Water, Sylvie; You Can't Lose Me Cholly; Insight, Enlight; Sure Would Baby; Good Night Irene.

Personnel

Adam Nussbaum: drums; Steve Cardenas: electric guitar; Nate Radley: electric guitar; Ohad Talmor: saxophone.

Album information

Title: The Lead Belly Project | Year Released: 2017 | Record Label: Sunnyside Records

Post a comment about this album

Watch

Tags

Shop Amazon

More

Read ALQE
ALQE
Antti Lotjonen Quintet East
Read Apura!
Apura!
Karl Evangelista
Read McModal
McModal
Markos Chaidemenos

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, shelter in place and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary effort that will help musicians now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the bottom right video ad). Thank you.

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.