All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

1

Darren Johnston: The Edge of the Forest

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Nato nell'Ontario, ma attivo musicalmente nell'area californiana, il trombettista Darren Johnston ha collaborato con i musicisti del Rova Saxophone Quartet, con Fred Frith, Myra Melford e Ben Goldberg. Quest'ultimo è presente nella formazione che ha registrato The Edge of the Forest, un quintetto che Johnston ha selezionato con cura per la propria musica, giungendo a risultati eccellenti.

L'organico riunisce quattro fiati, affidati a tre solisti, in grado di fornire una gamma timbrica ampia e articolata: tromba, clarinetto, sax tenore o clarinetto basso. A questi si affianca una ritmica senza pianoforte, quanto di meglio per dare respiro a composizioni ricche di spunti.

Le coordinate sulle quali si muove la musica di Johnston sono evidenti fin dal primo brano dell'album: un sapiente incastro tra il ritmo in cinque movimenti, scandito dal contrabbasso e contrappuntato da tromba e sax, con il tema melodico espresso dal clarinetto. Tutto si arricchisce e si addensa nel corso del brano, con l'ingresso della batteria, l'assolo della tromba e la libera digressione affidata al duetto delizioso di sax tenore e clarinetto. Il quintetto ha un proprio carattere ben definito, in grado di modellare trame dense e sontuose ambientazioni timbriche.

Clarinetto basso e contrabbasso disegnano una trama ritmica complessa in "Foggy," dove l'intervento della fisarmonica, presente solo in questo brano, apre uno squarcio intenso di lirismo e spiritualità. Ciò che caratterizza e rende interessante la musica di Johnston è l'alternanza tra la densità di certi arrangiamenti, in cui fiati e ritmi sono guidati con grande maestria, e le sequenze rarefatte, affidate a piccoli sottoinsiemi o a strumenti singoli, che sprigionano la creatività dei solisti. Tali modalità, con l'alternanza e la compenetrazione di episodi a densità variabile, ricordano la lezione dei chicagoani storici, come "Muhal" Richard Abrams e Henry Threadgill. I risultati sono però diversi, fanno pensare anche a Jimmy Giuffre, Dave Douglas, Dave Holland, pur mantenendo una propria fisionomia e un carattere ben definito. La spontaneità e la freschezza che si respirano scaturiscono da una sintonia intensa dei musicisti.

Musica che guarda con sobrietà a orizzonti nuovi, pur senza ignorare una forte spinta alla comunicazione. "Broken," un vero cammeo incastonato nel centro del disco, si dipana su un disegno sfilacciato tra i fiati, dopo un'introduzione di corpo formidabile della tromba, e giunge solo nel finale al suo tema denso, vigoroso, assertivo. Il tema propulsivo appare invece subito in "Apple," esposto prima dalla tromba, poi dai fiati insieme. Il denso tempo ternario di "The Edge of the Forest" è un veicolo ideale per i notevoli interventi di Goldberg e di Johnston.

Non meno degne delle sue qualità di scrittura, sono le doti solistiche del leader, che richiama Douglas ma anche Steven Bernstein, con timbri spessi, carnosi, materici, e un fraseggio nervoso, errabondo. Ben Goldberg e Sheldon Brown sono perfetti nel loro apporto. Devin Hoff è un bassista dalle doti melodiche notevoli e Smith Dobson V alla batteria è un prodigio di finezza e profondità. La sua scansione dal feeling vicino a Elvin Jones introduce l'ultimo brano del disco, il più vicino allo spirito di Threadgill. Uno scrigno di sorprese, di creatività ispirata, a tratti sfrenata.

Track Listing: Be the Frog; Foggy; Cabin 5; Broken; Apples; The Edge of the Forest; Sippin' With Lou.

Personnel: Darren Johnston: trumpet; Ben Goldberg: clarinet; Sheldon Brown: tenor saxophone, bass clarinet; Devin Hoff: upright bass; Smith Dobson V: drums; Rob Reich: accordion (2).

Title: The Edge of the Forest | Year Released: 2009 | Record Label: Clean Feed Records

Tags

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Album Reviews
Read more articles
Shipwreck 4

Shipwreck 4

NoBusiness Records
2016

buy
 

The Big Lift

Gallery-in-the-Field
2012

buy
The Big Lift

The Big Lift

Porto Franco Records
2011

buy
 

Cylinder

Clean Feed Records
2011

buy
The Edge of the Forest

The Edge of the Forest

Clean Feed Records
2009

buy

Upcoming Shows

Related Articles

Read Nexus Album Reviews
Nexus
By Jakob Baekgaard
May 23, 2019
Read The Second Coming Album Reviews
The Second Coming
By Daniel Barbiero
May 23, 2019
Read Luminária Album Reviews
Luminária
By John Sharpe
May 23, 2019
Read Jazz Band/Rock Band/Dance Band Album Reviews
Jazz Band/Rock Band/Dance Band
By Jerome Wilson
May 23, 2019
Read When Will The Blues Leave Album Reviews
When Will The Blues Leave
By Karl Ackermann
May 22, 2019
Read Infinite Itinerant Album Reviews
Infinite Itinerant
By Geno Thackara
May 22, 2019
Read Pulcino Album Reviews
Pulcino
By Nicholas F. Mondello
May 22, 2019