All About Jazz

Home » Articoli » Live Reviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

0

Il Claudia Quintet al Sudwerk Club di Bolzano

Giuseppe Segala By

Sign in to view read count
The Claudia Quintet
Club Series
Sudwerk Club
Bolzano
18.03.2015

Il Sudwerk Club di Bolzano funziona come supporto alla programmazione dell'Alto Adige Jazz Festival, in una sorta di tessuto connettivo che distribuisce i concerti lungo tutto l'arco dell'anno (dall'autunno alla primavera), per arrivare senza una dolorosa pausa invernale al cartellone del festival, programmato quest'anno dal 26 giugno al 5 luglio. Dunque spesso agli appuntamenti del piccolo club, che ha l'atmosfera di una cave parigina, intervengono musicisti che poi si vedranno con altri progetti nella rassegna estiva, e comunque il discorso legato alla programmazione nel club anticipa o prosegue quanto è proposto nel festival.

Il concerto del Claudia Quintet, guidato dal batterista e compositore John Hollenbeck, portava a Bolzano per la prima volta il musicista, con un'edizione della storica formazione che vede il nuovo entrato Jeremy Vimer al clarinetto e sax tenore in luogo di Chris Speed. Il giovane solista è perfettamente integrato nei complessi meccanismi del quintetto, e porta nei suoi momenti in solo una verve muscolare, a volte di stampo coltraniano. Ma naturalmente ciò che risalta in primo luogo nell'organizzazione del gruppo è proprio l'immagine di insieme, del meccanismo perfettamente oliato in cui si muovono come ruote dentate i singoli elementi.

Il motore di Hollenbeck per un verso dà l'impressione di muoversi come un sistema basato su ruote dentate di varie dimensioni: ognuna, a seconda della dimensione, si muove a velocità diversa, ma tutte contribuiscono a creare un moto costante, fluido, implacabile. Naturalmente la metafora del motore è solo una delle possibili, e descrivere la musica del quintetto attraverso una suggestione meccanicista sarebbe davvero riduttivo. Al contrario, è proprio la quantità e la qualità dei contrasti tra precisione meticolosa e respiro emotivo che apre continuamente nuove dimensioni e prospettive alla musica.

Conosciamo le caratteristiche della composizione di Hollenbeck: il quintetto è usato con criteri orchestrali, talvolta a vere e proprie sezioni, sempre con grande attenzione al dosaggio e alla fusione delle singole voci. Le voci del vibrafono di Matt Moran, della fisarmonica di Red Wierenga, del contrabbasso di Drew Gress, delle ance e della batteria entrano in un gioco di abbinamenti e contrasti in cui i ruoli si scambiano nella creazione di linee melodiche, riff e scansioni ritmiche, in continua tensione e fusione. In certi episodi si evocano gli schemi iterativi e le sonorità della minimal music, ma è solo un ingrediente funzionale: si esce subito e con intelligenza creativa da quei modelli, passando ad altro. Le virate espressive e tematiche sono spesso affidate alla batteria del leader, che passa con disinvoltura dalla funzione connettiva a quella di indicatore di una nuova direzione. Esemplare in tal senso il brano "September 9th Wayne Phases," tratto dal più recente album del quintetto, in cui è la stessa batteria che tiene le redini di tutta la narrazione, pur non cedendo mai allo schema stantio del brano "batteristico."

Foto
Daniele Torresan.

Tags

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Album Reviews
Year in Review
Album Reviews
Live Reviews
Album Reviews
Profiles
Interviews
Extended Analysis
Album Reviews
Extended Analysis
Album Reviews
Extended Analysis
Read more articles
Mix of Sun and Clouds

Mix of Sun and Clouds

Yolk Records
2017

buy
Super Petite

Super Petite

Cuneiform Records
2016

buy
J.A.S.S.

J.A.S.S.

Yolk Records
2014

buy
Jass

Jass

Yolk Records
2014

buy
John Hollenbeck: Songs I Like a Lot

John Hollenbeck:...

Sunnyside Records
2013

buy
September

September

Cuneiform Records
2013

buy

Related Articles

Live Reviews
40th Annual Blues Music Awards at Cook Convention Center
By C. Michael Bailey
May 25, 2019
Live Reviews
Spring Quartet at Dalton Recital Hall
By John Ephland
May 24, 2019
Live Reviews
The Ben Paterson Trio At The Jazz Corner
By Martin McFie
May 22, 2019
Live Reviews
Charlotte Jazz Festival 2019
By Mark Sullivan
May 16, 2019