All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

2

Giuppi Paone: The Acadia Session

Alberto Bazzurro By

Sign in to view read count
Giuppi Paone: The Acadia Session
Di Giuppi Paone—collaborazioni con Alvin Curran, Giovanna Marini, Roberto Laneri, Giancarlo Schiaffini, gruppi propri, un'ampia attività didattica—avevamo un po' perso le tracce. Fa quindi doppiamente piacere ritrovarla oggi, e in un così felice stato di forma. Questo lavoro, inciso nel Maine (Portland, per l'esattezza) nell'agosto 2012 a seguito dell'incontro con un gruppo di musicisti locali, ci restituisce in effetti tutta la curiosità intellettuale e creativa che riconoscevamo alla cantante romana.

Abbinando temi originali con grandi classici opportunamente trasfigurati, il quartetto protagonista del disco (quintetto in metà dei brani, cioè dove compare anche la tromba di Mark Tipton) opera perennemente sul filo del rasoio, improvvisando generosamente, ma con un senso della forma complessiva, della struttura, assolutamente invidiabile.

Vogliamo parlare di "camerismo radicale"? Facciamolo pure, perché di fatto è un po' questa l'aria che si respira, con agganci al lessico cosiddetto "contemporaneo" tutt'altro che episodici, pur senza eccessi o voli pindarici, anzi rimanendo sempre saldamente ancorati al rigore (anche climatico) più assoluto.

La misura (di tratto) nella temerarietà è in effetti con tutta probabilità il pregio maggiore del lavoro, che non sbraca mai, conservando un'eleganza, una vaporosità, un aplomb (ecco perché abbiamo parlato di camerismo) costanti, anche se non mancano periodiche (salvifiche) increspature (per esempio in "Trio Backstage Warm-up" e in "Maine Rush Hour"), pur entro un tessuto—come si sarà intuito—alquanto monolitico.

Prezioso il ruolo di tutti: della cantante, ovviamente, che sa impastarsi nell'amalgama collettivo senza mai pretenderla da primadonna (una lezione—o se preferite una possibile indicazione di percorso—per fin troppe colleghe) e, per il resto, soprattutto di Carl Dimow, autentico ago della bilancia di svariati brani o singoli snodi degli stessi.

Track Listing

Sul fiato; Trio Backstage Warm-up; Late-Late Nite Ferry Blues; When Johnny Comes Marching Home; What Is This Thing Called Love; La porta sull'oceano; Ninna nanna siciliana; Lover Man; Strada Bianca; Maine Rush Hour.

Personnel

Giuppi Paone: voce; Carl Dimow: flauto, flauto basso; Mark Tipton: tromba; John Clark: contrabbasso; Hayes Porterfield: percussioni, batteria.

Album information

Title: The Acadia Session | Year Released: 2014 | Record Label: Zone Di Musica

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

Read The Lockdown Blues
The Lockdown Blues
Professor Cunningham and His Old School
Read Symbiosis
Symbiosis
Jeff Coffin / Derek Brown
Read Garden of Expression
Garden of Expression
Joe Lovano, Marilyn Crispell, Carmen Castaldi
Read Rain Painting
Rain Painting
John Stowell & Dan Dean
Read Beyond
Beyond
Futari (Satoko Fujii / Taiko Saito)

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, shelter in place and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary effort that will help musicians now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the bottom right video ad). Thank you.

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.