1

Mario Pavone: Street Songs

Neri Pollastri By

Sign in to view read count
Mario Pavone: Street Songs Mario Pavone ha un posto centrale nella musica creativa statunitense, avendo suonato con alcuni dei più importanti innovatori degli ultimi cinquant'anni—come Anthony Braxton, Wadada Leo Smith e Marty Ehrlich—e avendo avuto sodalizi stabili prima con Paul Bley, poi con Bill Dixon e infine con il compianto Thomas Chapin. Dopo la morte di quest'ultimo, con il quale aveva suonato per diciotto anni, Pavone ha registrato quasi esclusivamente con gruppi a proprio nome, l'ultimo dei quali è il sestetto che dà vita a questo notevole CD.

Il cuore del gruppo è costituito dal bassista, dal pianista Peter Madsen e dal batterista Steve Johns, la cui lunga collaborazione garantisce loro un forte affiatamento. Attorno ad essi Pavone costruisce un gruppo caratterizzato da scelte precise a livello di suono: un secondo contrabbassista, Carl Testa, conosciuto in un gruppo di Braxton; un eccellente trombettista, Dave Ballou, che contribuisce anche agli arrangiamenti; infine Adam Matlock, interprete di uno strumento relativamente atipico, la fisarmonica, con il quale Pavone richiama alla memoria il suono dei musicisti di strada italiani, portoghesi e polacchi della sua infanzia.

Sia ben chiaro: in questo Street Songs non c'è molto, almeno esplicitamente, della musica popolare, neppure in tracce come l'iniziale "Elkna," che si basa su un ritmo di danza; al contrario, i due contrabbassi spesso duettano creando spazi meditativi, oasi di calma inquietudine, così come le improvvisazioni a momenti astratte del pianoforte, gli interventi asciutti e mai melodici della fisarmonica, i drammaturgici assoli della tromba (talvolta splendidamente ed esplosivamente sordinata, come in "Cobalt Stories")—rimandano pienamente a quella ricerca musicale da sempre frequentata da Pavone e che qui trova un nuovo capitolo.

Al tempo stesso, tuttavia, Street Songs è un disco dall'ascolto immediato, che a poco a poco cattura anche per la sua complessità, per i sofisticati contributi dei solisti, per l'originalità del suono. In sostanza, è un lavoro completo, di altissimo livello, come può essere quello di un protagonista del jazz contemporaneo qual è Pavone.

Track Listing: Elkna; Streetsong; Cobalt Stories; Short Story; Alban Berg; Mythos; The Dom; Dees; Eyto.

Personnel: Mario Pavone: contrabbasso; Dave Ballou: tromba, flicorno; Peter Madsen: pianoforte; Adam Matlock: fisarmonica; Carl Testa: contrabbasso; Steve Johns: batteria.

Title: Street Songs | Year Released: 2015 | Record Label: Playscape Recordings


Tags

comments powered by Disqus

More Articles

Read BACHanalia CD/LP/Track Review BACHanalia
by Jack Bowers
Published: June 24, 2017
Read Hallways CD/LP/Track Review Hallways
by Paul Rauch
Published: June 24, 2017
Read The Crave CD/LP/Track Review The Crave
by John Sharpe
Published: June 24, 2017
Read Chase The Light (Excursions in Soul, Reggae, Funk, and Dub) CD/LP/Track Review Chase The Light (Excursions in Soul, Reggae, Funk, and Dub)
by Joe Gatto
Published: June 24, 2017
Read Kickin' Child - The Lost Album 1965 CD/LP/Track Review Kickin' Child - The Lost Album 1965
by Doug Collette
Published: June 24, 2017
Read Towards Language CD/LP/Track Review Towards Language
by John Eyles
Published: June 23, 2017
Read "Voices in the Void" CD/LP/Track Review Voices in the Void
by Glenn Astarita
Published: March 3, 2017
Read "Zanshin" CD/LP/Track Review Zanshin
by Karl Ackermann
Published: September 3, 2016
Read "Ziljabu Nights - Live at Theater Gutersloh" CD/LP/Track Review Ziljabu Nights - Live at Theater Gutersloh
by Glenn Astarita
Published: March 22, 2017
Read "Just Get In" CD/LP/Track Review Just Get In
by Glenn Astarita
Published: October 22, 2016
Read "Hank Mobley" CD/LP/Track Review Hank Mobley
by Greg Simmons
Published: December 6, 2016
Read "The Invariant" CD/LP/Track Review The Invariant
by Karl Ackermann
Published: February 17, 2017

Join the staff. Writers Wanted!

Develop a column, write album reviews, cover live shows, or conduct interviews.