All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

0

John Vanore: Stolen Moments

Angelo Leonardi By

Sign in to view read count
Oliver Nelson incise il magistrale The Blues and the Abstract Truth in una sola session nel febbraio 1961 con sette strumentisti lui compreso. Aveva 29 anni e guidava una formazione strepitosa con Eric Dolphy, Freddie Hubbard, George Barrow in front line e una ritmica comprendente Bill Evans, Paul Chambers e Roy Haynes. Quei nomi e la sua geniale scrittura crearono un sound unico, dotato della ricchezza di un ampio organico.

Questa celebrazione della sua musica viene dal trombettista e bandleader John Vanore che nel 1966, quando frequentava il college, seguì un seminario estivo con Nelson che cambiò la sua vita. Galvanizzato da quell'esperienza decise di dedicarsi professionalmente alla musica: entrò nell'orchestra di Woody Herman e ha continuato per decenni, insegnando, collaborando con nomi di primo piano e incidendo vari album a suo nome.

Come dice il sottotitolo del disco, la musica di Oliver Nelson è reinventata da Vanore senza la pretesa (ovviamente inutile oltre che impossibile) di un'esecuzione fotocopia. I suoi arrangiamenti si mantengono fedeli a quel sound ma aggiungono apporti personali. Ogni brano ha una sua fisionomia e presenta pochi interventi solisti (spesso solo uno) con strumentisti di valore come il trombettista Dave Ballou, il trombonista Ryan Keberle, i sassofonisti Steve Wilson e Bob Malach.

Dall'album di Oliver Nelson citato Vanore riprende solo «Stolen Moments». La sua indagine spazia tra temi originali dell'arrangiatore e tra quelli di altri autori reinterpretati. I brani del disco sono tutti pregevoli, sia quelli che puntano sulla raffinatezza degli impasti timbrici che quelli dinamici e swinganti. Le nostre personali preferenze vanno a «Greensleeves», impreziosito da un vibrante assolo di Ryan Keberle al trombone; all'equilibrata riscrittura di «Stolen Moments» e all'appassionante versione di «El Gato» con i pregevoli interventi di Mallach al sax tenore, Wilson al contralto e Greg Kettinger alla chitarra.

Track Listing: Self Help Is Needed; A Taste of Honey; Stolen Moments; El Gato; St. Louis Blues; Blues & the Abstract Truth; Greensleeves; I Hope in Time a Change Will Come; Reuben’s Rondo.

Personnel: John Vanore: conductor, arranger, trumpet (3); Tony Kadleck: trumpet, flugelhorn; Augie Haas: trumpet, flugelhorn; Jon Owens: trumpet, flugelhorn; Dave Ballou: trumpet, flugelhorn; Steve Wilson: alto, soprano sax, flute; Bob Malach: tenor sax, bass clarinet; Ryan Keberle: trombone; David Taylor: bass trombone; George Barnett: French horn; Adam Unsworth: French horn; Jim Ridl: piano; Greg Kettinger: guitar; Mike Richmond: bass; Danny Gottlieb: drums; Beth Gottlieb: percussion (4).

Title: Stolen Moments | Year Released: 2017 | Record Label: Acoustical Concepts

About John Vanore
Articles | Calendar | Discography | Photos | More...

Tags

Watch

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related

Read Cause and Effect
Cause and Effect
By Ian Patterson
Read Geschmacksarbeit
Geschmacksarbeit
By John Eyles
Read Emergence
Emergence
By Geannine Reid
Read Never More Here
Never More Here
By Dan McClenaghan
Read Lanzarote
Lanzarote
By Gareth Thompson
Read Strong Thing
Strong Thing
By Geannine Reid
Read Ocean in a Drop
Ocean in a Drop
By Geno Thackara