All About Jazz

Home » Articoli » Live Reviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

0

Stefano Bollani Que Bom all'Estate Fiesolana

Neri Pollastri By

Sign in to view read count
Stefano Bollani Que Bom
Estate Fiesolana
Teatro Romano
Fiesole
10.7.2018

A distanza di dieci anni dalla precedente immersione nella musica brasiliana con Carioca, Stefano Bollani convoca nuovamente tre dei suoi compagni di allora —Jorge Helder Rodrigues al contrabbasso, Jurim Moreira alla batteria e Armando Marçal alle percussioni —e aggiunge un altro percussionista —Thiago da Serrinha —per tingere di giallo-oro una musica perlopiù della sua penna.

A differenza di quel lontano lavoro, infatti, questo spettacolo —tratto dall'appena uscito disco Que bom —non si basa su composizioni brasiliane, bensì —come ha detto lo stesso Bollani nel corso del concerto con la consueta ironia —su musiche di "un compositore italiano contemporaneo che usa una ritmica brasiliana." Aperte peraltro da un virtuosistico piano solo, in classico stile Bollani, che ha infiammato subito lo strapieno Teatro Romano di Fiesole —nel quale peraltro il pianista giocava in casa, vuoi perché fiorentino d'adozione, vuoi perché proprio qui ha per anni diretto il festival Vivere Jazz.

L'oltre ora e mezza di concerto ha visto susseguirsi gran parte dei brani inclusi nel disco, da "Galapagos" a "Ho perduto il mio pappagallino," da "Habarossa" ad "Accettare tutto," fino a "La Nebbia a Napoli," nel disco cantata da Caetano Veloso e qui giocoforza interpretata come bis dallo stesso Bollani.

Tra momenti malinconici nei quali l'anima brasiliana emergeva con chiarezza e passaggi lirici nei quali viceversa al centro rimaneva quella mediterranea, la serata è vissuta soprattutto sulle indiscutibili qualità di Bollani, certo non appannate né dal tempo, né dai suoi mille impegni extramusicali. Alla tastiera il pianista è infatti apparso una volta di più vivacissimo, ricco di inventiva e di entusiasmo —suonando, infatti, ballava, saltava e si dimenava senza posa. E le variazioni —ritmiche, cromatiche, dinamiche —cui sottoponeva i temi sembravano interminabili e sempre coinvolgenti.

Il limite —del concerto, ma forse ancor più del disco, visto che la dimensione live ampliava gli spazi creativi —è semmai parso quello di un progetto un po' angusto, di fatto limitato a una "brasileirizzazione" di temi nati dalla passione di Bollani per la canzone italiana degli anni Sessanta e Settanta. Adatto forse a catturare un pubblico "popular" più che gli appassionati del jazz.

Sia chiaro però che —a differenza di tante altre proposte di anche autorevoli jazzisti nazionali —quella di Que Bom è musica jazz, non foss'altro per la ricchezza di variazioni, invenzioni e improvvisazioni che Bollani vi riversa, ma anche —aggiungeremmo —per un sincero e divertito spirito comunicativo, che era una delle chiavi del jazz delle origini (e che forse si è oggi un po' troppo ridotto). Un jazz forse poco sorprendente, ma non per questo di bassa qualità. Un jazz, dunque, che sarebbe ingiusto svalutare, se non altro perché, così proposto, può davvero alzare il livello dell'ascolto di coloro che si recano ai concerti più per il personaggio Bollani che per la musica che suona. Una cosa che, francamente, non si può dire di tutte le proposte del jazz nazionale, spesso assai più patinate e appiattite.

Foto: Andrea Paoletti.

Tags

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Upcoming Shows

Related Articles

Live Reviews
Charlotte Jazz Festival 2019
By Mark Sullivan
May 16, 2019
Live Reviews
Nubya Garcia at Cathedral Quarter Arts Festival 2019
By Ian Patterson
May 16, 2019
Live Reviews
Electronic Explorations in Afro-Cuban and UK Jazz
By Chris May
May 15, 2019
Live Reviews
Charlotte Jazz Festival 2019
By Perry Tannenbaum
May 13, 2019
Live Reviews
Savannah Music Festival 2019
By Martin Longley
May 12, 2019
Live Reviews
Eyolf Dale at April Jazz
By Anthony Shaw
May 10, 2019
Live Reviews
Imogen Heap with guy Sigsworth at Lincoln Theatre
By Geno Thackara
May 10, 2019