All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

1

Raul Midón: State of Mind

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Fratelli e sorelle del soul, ascoltate: un nuovo messia è tra noi. Raul Midón, cieco dalla nascita, è giunto da Embudo (New Mexico), via Miami - New York, a cantarcele e suonarcele. Di santa ragione.

Ha con sé una grande tristezza (madre scomparsa prematuramente e padre tangueros argentino girovago), ma anche tanta voglia di farsi spazio. Attributi di stima di qua e di là. Spike Lee lo chiama per un brano della colonna sonora di "She Hate Me"; Jeff Beck riconosce il suo talento; Herbie Hancock lo convoca per il suo ultimo CD (ascoltate la versione di Midón di "I Just Call to Say I Love You" contenuta nell'ultimo CD del tastierista, Possibilities).

Un'infanzia passata tra dischi di Charlie Parker e Miles Davis, tra una lezione di flamenco, una di jazz e l'altra di classica: passaggi obbligati per formare uno stile chitarristico, percussivo e eclettico, che in molti dovrebbero conoscere e ammirare.

Dovrebbero conoscere la sua "parola" e la sua abilità di imitare la tromba (ai più questa finezza potrebbe ricordare i maestri del vocalizzo pindarico).

Dovrebbero conoscere la facilità con la quale riesce a creare song, agili ed essenziali, che fondono gli insegnamenti dei padri del soul e gli aromi latin ("State of Mind", "Keep on Hoping", "Everybody", "Sunshine").

Perfino padre Wonder (Stevie) gli è vicino, con la sua armonica, a diffondere il verbo ("Expression of Love"). Così come gli è vicino, spiritualmente, Donny Hathaway (il tributo di "Sittin' in the Middle"), e una pletora di musicisti (tra cui i percussionisti Cyro Baptista, Sammy Figueroa) che infondono ritmo e movimento a pie' sospinto ("All in Your Mind").

Con una produzione, simil unplugged, Arif Mardin (già mente e braccio della soul sister, Aretha Franklin, e del fenomeno Norah Jones) e suo figlio Joe sono sacerdoti e custodi di un disco, State of Mind, che è un'iradiddio di buoni motivi per far conoscere il diacono del nuovo soul: Raul Midón.

Fedeli, abbiate fede.

Track Listing: 01. State of Mind; 02. If You’re Gonna Leave; 03. Keep on Hoping (duetto con Jason Mraz); 04. Mistery Girl; 05. Waited All My Life; 06. Everybody; 07. Expression of Love (con Stevie Wonder); 08. Sittin in the Middle; 09. Suddenly; 10. Never Get Enough; 11. Sunshine; 12. I Would Do Anything; 13. All in Your Mind.

Personnel: Raul Midon (chitarra; voce; percussioni); Cyro Baptista (percussioni); Jerry Barnes (basso elettrico); Lisa Fischer (cori); Sammy Figueroa (percussioni); Richard Hammond (basso acustico); Stefon Harris (vibrafono); Joe Mardin (piano; batteria; percussioni); Gregoire Maret (armonica); Jonathan Maron (basso elettrico); Shedrick Mitchell (organo Hammond); Jason Mraz (voce; chitarra acustica; whistle); Eric Revis (basso acustico); Daniel Sadownick (percussioni); Dave Valentine (flauto); Stevie Wonder (armonica).

Title: State of Mind | Year Released: 2006 | Record Label: Tompkins Square

Tags

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Upcoming Shows

Related Articles

Read Play The Bird And The Bee Album Reviews
Play The Bird And The Bee
By Dan Bilawsky
June 15, 2019
Read Appleblueseagreen Album Reviews
Appleblueseagreen
By Dan McClenaghan
June 15, 2019
Read The Rolling Thunder Revue: The 1975 Live Recordings Album Reviews
The Rolling Thunder Revue: The 1975 Live Recordings
By Doug Collette
June 15, 2019
Read Arc Album Reviews
Arc
By John Eyles
June 15, 2019
Read In The Face Of Chaos Album Reviews
In The Face Of Chaos
By Dan Bilawsky
June 14, 2019
Read Time Changes Album Reviews
Time Changes
By Karl Ackermann
June 14, 2019
Read Blacks And Blues Album Reviews
Blacks And Blues
By Chris May
June 14, 2019