All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

Jen Shyu and Jade Tongue: Sounds and Cries of the World

Angelo Leonardi By

Sign in to view read count
Jen Shyu and Jade Tongue: Sounds and Cries of the World
Nota al pubblico del jazz per la decennale collaborazione con Steve Coleman (ma l'abbiamo ascoltata anche con Anthony Braxton, Bobby Previte, Chris Potter e altri nomi di primo piano), Jen Shyu è strumentista e vocalist d'impronta sperimentale, che trae ispirazione da ricerche d'etno-musicologia presso popolazioni tradizionali del Centro e Sud America ma soprattutto di Cina, Sud Corea, Indonesia, Taiwan e Timor Est.
Queste due ultimi Paesi sono anche le regioni d'origine dei suoi genitori e sono stati a lungo oggetto delle sue indagini.

Il suo stile è unico, altamente originale per la sintesi che trova tra specifiche forme espressive dell'Oriente (ad esempio il cinese shuochang, forma vocale che alterna elementi recitati e cantati) e la sua specifica capacità interpretativa, che non ha immediati riferimenti con la tradizione del canto jazz. La Shyu si esprime in modo sofisticato: abbandoni lirici e astratte introspezioni coesistono con soluzioni vocali dissonanti o abrasive, che risultano generalmente inquietanti e possono risultare ostiche a chi non è avvezzo. Il suo è un gioco acrobatico e bizzarro tra canto e recitazione, che si sviluppa in un continuo variare di accenti, riverberi della voce, impennate drammatiche, sussurri e grida.

In questo sesto disco da leader la vocalist interpreta sue composizioni nate durante il lavoro etnografico del 2010 a Timor Est. Alcune di esse (dalla traccia 5 alla 9) sono già state presentate nella performance Solo Rites: Seven Breaths, data a Brooklyn nel 2014.
La parte strumentale non è meno interessante di quella vocale, integrandosi magistralmente con essa, in un continuum ritmico-melodico parallelo, che ne sottolinea o accentua i valori espressivi. Particolarmente in vista sono la tromba, generalmente lirica e ieratica, di Ambrose Akinmusire e la viola tumultuosa di Mat Maneri.

Track Listing

Song of Kwan Wen; Bloom’s Mouth Rushed In; Mother of Time; Moxa; Aku Yang Lahir Dari Air Mata | Båwå Sidå Asih; Para Pembakar Ombak; She Held Fire; Rai Nakukun Ba Dadauk On a; Song for Naldo; Thoughts of Light and Freedom.

Personnel

Jen Shyu: voce, pianoforte, lute, zither gong, idiophone; Ambrose Akinmusire: tromba; Dan Weiss: batteria; Mat Maneri: viola; Thomas Morgan: contrabbasso.

Album information

Title: Sounds and Cries of the World | Year Released: 2016 | Record Label: Pi Recordings

Post a comment about this album

Watch

Tags

View events near New York City
Jazz Near New York City
Events Guide | Venue Guide | Get App | More...

Shop Amazon

More

Aufbruch
J. Peter Schwalm & Markus Reuter
Purvs
Liudas Mockūnas / Arvydas Kazlauskas
Chapter One
Marieke Koopman
Griots
Gerald Cleaver

Popular

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded albums and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, limited reopenings and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary step that will help musicians and venues now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the sticky footer ad). Thank you!

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.