1

Rabih Abou-Khalil: Songs for Sad Women

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
C’è sempre la solita elegiaca “bellezza” mielosa nei dischi di Rabih Abou-Khalil, libanese trapiantato a Monaco di Baviera dai tempi della guerra civile di trent’anni fa e discusso suonatore di oud dei tempi che corrono.

Bella la copertina, come quasi tutte le precedenti quindici della sua storia discografica, belli i “suoni”, come in quasi tutti i precedenti quindici lavori, intelligente la scelta dei musicisti che lo accompagnano, come quasi tutte le precedenti quindici volte, divertente ed irriverente l’humour che lo contraddistingue (specialmente nella scelta dei titoli), come in molti dei precedenti CD, furbo e architettato il mix che riesce da sempre a mischiare osmoticamente acque arabe, mediterranee ed occidentali tout-court.

Un’eclettica via al world jazz che è ormai un marchio di fabbrica, passato di moda diversi anni fa, ma che lui è riuscito bravamente a cavalcare dall’inizio degli anni Ottanta e a continuare a perseguire, quale atto di fede continua. Dopo le ultime “frequentazioni” mediterranee (vedi i Gabriele Mirabassi e i Gavino Murgia utilizzati con grande successo nelle penultime avventure), la guest star dell’occasione è Gevorg Dabaghyan, eccelso nome del duduk armeno, vero e proprio must contemporaneo delle terre una volta tradizionalmente “lontane”, già noto ai più attenti per avere incrociato i territori dei signori Garbarek e Kremer.

Una sorta di input al disco solo filosoficamente medievale, intelligentemente filtrato dal serpent dell’ormai vecchio compagno di viaggio Michel Godard. Forse più riflessivo di molti altri lavori, ma sostanzialmente non una delle cose migliori che la creatività e la prolifica arte compositiva di Abou-Khalil ci abbia donato. Sicuramente poco adatto agli ammiratori delle varie “Paranze” ritmiche contemporanee, è sicuramente da consigliare quale ascolto da sottofondo, per ricercati ambienti new “new-age”, ove relax e fragranze di oli essenziali deliziano menti e corpi stanchi. Utile musica settoriale che può continuare a piacere moltissimo o a farne preferire altra.


Title: Songs For Sad Women | Year Released: 2007 | Record Label: World Village


Tags

comments powered by Disqus

More Articles

Read Whispers on the Wind CD/LP/Track Review Whispers on the Wind
by Jack Bowers
Published: October 23, 2017
Read Shropshire Lads: Songs to the Poems of AE Housman CD/LP/Track Review Shropshire Lads: Songs to the Poems of AE Housman
by C. Michael Bailey
Published: October 23, 2017
Read Heptagon CD/LP/Track Review Heptagon
by Glenn Astarita
Published: October 23, 2017
Read ON Tour CD/LP/Track Review ON Tour
by John Kelman
Published: October 22, 2017
Read On a Distant Shore CD/LP/Track Review On a Distant Shore
by C. Michael Bailey
Published: October 22, 2017
Read Friends & Heroes: Guitar Duets CD/LP/Track Review Friends & Heroes: Guitar Duets
by Roger Farbey
Published: October 22, 2017
Read "Tied Together, Not to the Ground" CD/LP/Track Review Tied Together, Not to the Ground
by Geno Thackara
Published: July 9, 2017
Read "Threes" CD/LP/Track Review Threes
by Hrayr Attarian
Published: July 12, 2017
Read "The Spirit Of Trane" CD/LP/Track Review The Spirit Of Trane
by Roger Farbey
Published: October 4, 2017
Read "Desire & Freedom" CD/LP/Track Review Desire & Freedom
by John Sharpe
Published: January 25, 2017
Read "My Iris" CD/LP/Track Review My Iris
by Phil Barnes
Published: April 12, 2017
Read "Ultimate Hits" CD/LP/Track Review Ultimate Hits
by Doug Collette
Published: September 17, 2017

Sponsor: ECM Records | BUY IT!  

Support our sponsor

Join the staff. Writers Wanted!

Develop a column, write album reviews, cover live shows, or conduct interviews.