Home » Articoli » Album Review » John Coltrane: Song Of Praise: New York 1965 Revisited

John Coltrane: Song Of Praise: New York 1965 Revisited

By

Sign in to view read count
John Coltrane: Song Of Praise: New York 1965 Revisited
John Coltrane è uno dei pilastri centrali attorno ai quali si è strutturato il jazz moderno. Un suo concerto newyorkese del 1965, al Half Note, era uscito dopo 40 anni sul CD doppio One Down, One Up: Live at the Half Note (Impulse!) nel 2005. In quel caso si era mantenuto l'ordine strettamente cronologico partendo con i due brani tratti dal concerto del 26 marzo ("One Down, One Up" e "Afro-Blue") per poi procedere con i due brani tratti dal concerto del 6 maggio. ("Song Of Praise" e "My Favorite Things").

L'etichetta svizzera Ezz-thetics, nella sua formidabile serie denominata 'Revisited,' fa invece una scelta coraggiosa rimescolando le carte per porre il brano più iconico come chiusura finale. Una scelta che condividiamo perché quel brano è veramente perfetto per rappresentare una sorta di crescendo immortale che fornisce ulteriore significato ad una musica superlativa che un senso avrebbe comunque. Per fortuna il remixaggio, curato dall'ottimo Michael Brandli, riesce a migliorare il suono di questo concerto dal vivo e ci proietta proprio di fronte al palco, dove possiamo farci sommergere da un flusso sonoro inarrestabile.

Questi quattro brani hanno la prerogativa di rappresentare una sorta di ponte che fa da arrivo per l'esperienza dei 4 anni precedenti, con particolare riferimento ai concerti del Village Vanguard del 1961 che per la prima volta avevano visto riuniti i quattro musicisti passati alla storia come il quartetto classico di John Coltrane. Allo stesso tempo i quattro brani dell'Half Note sono un chiaro punto di partenza verso il livello successivo che John Coltrane avrebbe raggiunto di lì a poco, anche pagando un doloroso costo costituito dai cambi di personale che si resero necessari per avanzare nel futuro.

Il brano che consente di capire meglio il percorso evolutivo di Coltrane è proprio quel "Chasin' the Trane" che chiudeva l'album Coltrane "Live" at the Village Vanguard. Una cavalcata di 16 minuti senza pianoforte, con il batterista Elvin Jones impegnato a sostenere coi suoi poliritmi feroci e incalzanti un inarrestabile John Coltrane alle prese con la completa destrutturazione delle dodici battute del blues. Quattro anni dopo la stessa situazione strutturale si dilata in una cavalcata di oltre 27 minuti, stavolta denominata "One Down, One Up." Si parte con una lunga esplorazione che vede impegnati anche McCoy Tyner al pianoforte e Jimmy Garrison al contrabbasso per poi giungere ad una lunghissima sezione dove il sax e la batteria sono assoluti, disperati protagonisti che si rincorrono, si scontrano, si sostengono, proseguendo senza tregua alcuna in un viaggio interminabile che va a toccare ogni cantuccio, ogni pertugio, ogni fessura, ogni nascondiglio, compresi quelli che non ci sono. Con i picchi altissimi toccati in questo volo interminabile, la destrutturazione del linguaggio modale è decisamente completata. Poco più di un mese ancora e si arriverà alla registrazione del manifesto della nuova fase artistica di John Coltrane, il geniale Ascension. Una fase artistica che sarà purtroppo anche l'ultima del saxofonista di Hamlet, North Carolina, vista la sua prematura dipartita dal pianeta Terra, avvenuta il 17 luglio 1967, a soli 41 anni non ancora compiuti.

Anche i tre brani restanti sono di assoluto valore, con aree più riflessive, spazi di confronto, spunti lirici e divagazioni sempre spinte in avanti, verso l'impatto con territori mai battuti. I compagni di viaggio del saxofonista si confermano musicisti di assoluto valore e, anche a quasi sessant'anni di distanza, rimangono protagonisti di una stagione straordinaria della musica che più amiamo.

Album della settimana.

Track Listing

Song of Praise; My Favorite Things; Afro Blue; One Down, One Up.

Personnel

John Coltrane
saxophone
Jimmy Garrison
bass, acoustic
Additional Instrumentation

John Coltrane: tenor saxophone (1, 4), soprano saxophone (2, 3).

Album information

Title: Song Of Praise: New York 1965 Revisited | Year Released: 2022 | Record Label: Ezz-thetics

Comments


For the Love of Jazz
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

You Can Help
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Tags

More

Skyllumina
Ruth Goller
Wonderful!
Mike LeDonne
Heart Mind and Soul
Randy Bernsen
Tidal Currents: East Meets West
Winnipeg Jazz Orchestra

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.