All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

0

Vijay Iyer: Solo

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Vijay Iyer: Solo
Il suo è un tocco pesante e deciso. Immagina gli 88 tasti del pianoforte come gli attrezzi di una palestra. Dopo i fasti dell'acclamato Historicity, Vijay Iyer doveva andare da solo. E per farlo non poteva che mettere a fuoco la sua forza, la sua dirompenza, il tocco cristallino e rotondo: doveva irrobustire le tessiture con elementi di percussività pianistica.

Non solo: doveva volgere lo sguardo verso il genio sregolato di Theloniuos Monk, amplificandone le turbolenze e le "note" sbagliate ("Epistrophy"); doveva ravvivare l'attitudine all'arpeggio, ai raga indiani, alla velocizzazione degli assolo e al minimalismo stile Philip Glass ("Patterns"). Tutto in uno, e subito, preferibilmente.

"Il corpo è nello spazio musicale e interagisce con gli strumenti". Ecco perché l'artista statunitense di origini indiane non poteva che accentuare le sue singolari ricerche di fisica applicata alla musica, proprio partendo dalla gestualità e dalla postura del musicista dietro cui si nascondo spesso i materiali musicali, le condotte armoniche e ritmiche e lo stile di un artista ("Autoscopy"). "The role of the body in music perception and cognition" era stata la sua tesi di dottorato alla University of California a Berkley, non a caso.

Maledettamente bizzarra quanto condivisibile la sua idea, quindi. Plasma i temi ("Human Nature" di Michael Jackson, "Black and Tan Fantasy," di Duke Ellington) come se avesse sotto le sue dita un corpo da massaggiare con cura e perizia.

Li rallenta, come farebbe con una pratica shiatsu, e ne moltiplica le dimensioni: nella versione di "Fleurette Africaine," di Ellington, Iyer sembra evocare la presenza di Charles Mingus e di Max Roach. O, non contento, ne accelera il respiro, fino a farlo diventare incontenibile ("One for Blount," dedicata a Sun Ra).

Solo è una prova convincente di fisicità mentale e musicale.

Track Listing

Human Nature; Epistrophy; Darn That Dream; Black & Tan Fantasy; Prelude: Heartpiece; Autoscopy; Patterns; Desiring; Games; Fleurette Africaine; One For Blount.

Personnel

Vijay Iyer: piano.

Album information

Title: Solo | Year Released: 2010 | Record Label: ACT Music

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

Read Prickly Pear Cactus
Prickly Pear Cactus
Ikue Mori / Satoko Fujii / Natsuki Tamura
Read Time OutTakes
Time OutTakes
Dave Brubeck Quartet
Read In Baltimore
In Baltimore
The George Coleman Quintet

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, shelter in place and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary effort that will help musicians now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the bottom right video ad). Thank you.

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.