All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

0

Gary Smulyan: Smul's Paradise

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
L'incontro tra un sax baritono e una ritmica costituita da un trio con organo Hammond, chitarra e batteria ha dell'insolito. Inconsueto è, di conseguenza, il risultato timbrico.

Proprio il suono scuro, temperato dalle escursioni al registro acuto della chitarra, è l'elemento più sperimentale di un disco che, per il resto, è dichiaratamente e felicemente di genere.

Gary Smulyan è un baritonista con alle spalle una carriera da solista e parecchi riconoscimenti. In Smul's Paradise si fa accompagnare da musicisti esperti, che hanno già collaborato in passato, ma che si ritrovano qui in una formazione sin ora inedita. Davvero è corretto impiegare la parola "accompagnare," perché Smulyan agisce inequivocamente da leader.

Immediata è la collocazione delle otto tracce del disco nella tradizione del soul jazz, che vide la sua stagione più prolifica negli anni '60. A quel periodo appartengono le quattro composizioni non originali presenti nell'album, tra cui un brano come "Sunny," che ha travalicato i confini del genere e che viene riproposto qui in una versione swingante, in 6/8. Perfettamente integrate nella tradizione sono anche le composizioni scritte da Smulyan per l'occasione. La discontinuità tra vecchi e nuovi brani nemmeno s'avverte.

Ne deriva un lavoro senz'altro omogeneo, fatto di temi semplici, spesso canzoni o blues e di molto groove.

Smulyan si costruisce musica ed atmosfere a lui congeniali. Si muove fluidamente nelle improvvisazioni, mentre LeDonne, Bernstein e Washington soffrono un poco i tempi rapidi. Chitarrista ed organista, in specie, appaiono imprecisi quando Washington imprime una decisa accelerazione in "Smul's Paradise".

Efficacie e frenetico, invece, il dialogo di baritono e batteria nella conclusiva "Heavenly Hours". Elegante e lirica, l'esecuzione della ballad "Aires," in cui risalta la capacità timbrica di Mike LeDonne.

In breve, Smul's Paradise è un disco ben eseguito, privo di guizzi particolari e innovazioni, radicato in un mainstream ben interpretato, pur se un poco troppo "conservatore".

Track Listing: Sunny; Up In Betty's Room; Pistaccio; Smul's Paradise; Little Miss Half Steps; Aires; Blues For D.P.; Heavenly Hours.

Personnel: Gary Smulyan: baritone sax; Mike LeDonne: Hammond B-3 organ; Peter Bernstein: guitar; Kenny Washington: drums.

Title: Smul's Paradise | Year Released: 2012 | Record Label: Capri Records

About Gary Smulyan
Articles | Calendar | Discography | Photos | More...

Tags

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related

Read A Throw Of Dice
A Throw Of Dice
By Dan McClenaghan
Read Roma
Roma
By Mike Jurkovic
Read e-motion
e-motion
By Nicholas F. Mondello
Read The Real Blue
The Real Blue
By Jack Bowers
Read City Abstract
City Abstract
By Dan Bilawsky
Read Spectrum
Spectrum
By Mike Jurkovic
Read Munich 2016
Munich 2016
By Karl Ackermann
Read Sounds of 3 Edition 2
Sounds of 3 Edition 2
By Geno Thackara