All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

1

Misha Mengelberg: Senne Sing Song

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
È un disco che muove sentimenti contrastanti questo Senne Sing Song, in cui troviamo il pianista olandese Misha Mengelberg in un trio con gli statunitensi Greg Cohenal contrabbasso e Ben Perowsky alla batteria, che sembra la naturale prosecuzione delle collaborazioni iniziate negli anni Novanta nelle incisioni DIW, proprio con Cohen o Brad Jones e Joey Baron.

Altrettanto naturale è il rapporto con l'etichetta Tzadik, dal momento che John Zorn è sempre stato un grande ammiratore - e in alcuni casi collaboratore - del musicista di Kiev, mentre ha un sapore di maggiore prevedibilità la scelta di un repertorio già riletto più e più volte: sette brani su nove erano infatti già presenti nello splendido Four In One del 2001, in quartetto con Jones, la tromba di Dave Douglas e il compagno di sempre Han Bennink.

Certo, si tratta di "classici" mengelberghiani come "Hypo Xmas Tree Fuzz" [la grafia cambia ogni volta!] che aveva avuto il suo "battesimo" nei lontano ultimi giorni di Eric Dolphy nel 1964, come "Blues For Piet" oppure come "Reef" e "Kneebus", qui riunite in una sola. E il trio suona con l'elasticità e la fantasia che ti aspetti, fraseggiando attorno agli spigoli e ai dettagli.

Si sente però la mancanza - probabilmente la cosa è più evidente per un ascoltatore europeo, abituato a conoscere i tanti aspetti della folle creatività di Mengelberg - di quella ironia iconoclasta e amara che il pianista sa infondere alle diverse situazioni che si trova ad affrontare. Non si vuole certo, intendiamoci, imbrigliare Mengelberg in quello stereotipo di istrionico dadaista che troppo ha banalizzato il valore suo o di artisti come Bennink; la incredibile padronanza lessicale delle sfumature più intense del linguaggio jazz viene infatti sottolineata con grande chiarezza.

Cohen e Perowsky, dal canto loro, sono musicisti la cui sensibilità è fuori discussione, ma manca quella imprevedibilità - a volte anche fuori bersaglio - che caratterizza le sortite più audaci dei progetti del pianista.

Il disco suona così tanto ben suonato e fantasioso [consigliato comunque] quanto riduttivo per le possibilità "eversive" di Mengelberg: proprio la Tzadik, che spesso ha affidato i pugnali più affilati a nomi che sapevano a malapena impugnarli, poteva osare di più.

Track Listing: 01. Hypo Xmas Tree Fuzz; 02. We Are Going Out for Italian; 03. Kwela P Kwana; 04. Blues for Piet; 05. Reef und Kneebus; 06. Brozziman; 07. Poor Wheel; 08. Tieriogre; 09. Senne Sing Song

Personnel: Misha Mengelberg (pianoforte); Greg Cohen (contrabbasso); Ben Perowsky (batteria)

Title: Senne Sing Song | Year Released: 2006

About Misha Mengelberg
Articles | Calendar | Discography | Photos | More...

Tags

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related