All About Jazz

Home » Articoli » Interviews

0

Secondo capitolo per il trio di Giovanni Guidi

Angelo Leonardi By

Sign in to view read count
A distanza di un anno da City of Broken Dreams, l'ECM pubblica in questi giorni il nuovo capitolo del trio di Giovanni Guidi con Thomas Morgan e João Lobo, This Is the Day. Un lavoro particolarmente raffinato e maturo, con nuove splendide composizioni e una ricca empatia. Il pianista umbro ce ne parla in quest'intervista.

All About Jazz Italia: Partiamo da This Is the Day. Che percorsi avete sviluppato per questo album con il tuo trio ?

Giovanni Guidi: Ho sempre amato suonare sia con Thomas Morgan che con Joao Luis Lobo, ancor prima della nascita del nostro trio. João era presente già in Indian Summer, il mio primo disco per la Cam Jazz. Quella con lui è una collaborazione che non s'è mai interrotta. Con Thomas ho iniziato a lavorare nel mio quintetto con Gianluca Petrella, Michael Blake e Gerald Cleaver che ha inciso We Don't Live Here Anymore. Quando Manfred Eicher mi ha proposto di fare un disco, istintivamente ho pensato subito a loro sapendo che sarebbe stata la cosa giusta per me. I brani che ho scritto, sia per il primo album che per il secondo, sono pensati proprio per le peculiarità di questa formazione, e per questi partner. Il nostro secondo capitolo è un po' differente dal primo perchè i miei brani hanno molto a che fare con la forma canzone anche se il brano poi vive della composizione collettiva ed estemporanea.

AAJI: La mia impressione, ascoltando l'album, è che ci sia un maggior equilibrio tra i vari ambiti musicali... momenti romantici, altri astratti, altri ancora liberamente improvvisati più due magnifici standard.

G.G.: Questo probabilmente è vero anche se non è stata una cosa intenzionale. Piuttosto rappresenta la fase che adesso vive questo trio. Ci sono molte delle cose che suoniamo dal vivo ma poi, è inutile spiegarlo, un'incisione in studio è qualcosa di completamente diverso.

AAJI: Hai avuto la massima libertà da parte di Eicher?

G.G.: Si certo. Lavorare con Manfred Eicher è veramente un piacere e ogni volta che torno da una registrazione sono sempre pieno di motivazioni e idee che mi vengono grazie alla possibilità di lavorare con un grandissimo professionista come lui. Ma Eicher non è solo questo: è anche un artista che vive il processo creativo dell'incisione come se fosse una parte integrante del gruppo.

AAJI: Guardando indietro al tuo debutto discografico c'era proprio un piano trio con Ponticelli e Maniscalco. Cos'è cambiato in generale da allora nella tua musica?

G.G.: Innanzi tutto da parte mia c'è una diversa consapevolezza, dell'idea del trio, della musica e del modo di suonare. Sono passati più di dieci anni, non rinnego affatto quello che ho fatto allora ma ho il piacere di sentirmi un musicista sviluppato. Spero tra dieci anni di poter dire la stessa cosa rispetto a ora.

AAJI: I tuoi brani sono spesso costruiti attorno a una linea melodica cantabile. Viene da un'intuizione nel corso della giornata oppure nasce mentre sei al pianoforte?

G.G.: I brani nascono in maniera abbastanza casuale, dipende dall'occasione, dal momento, oppure da un'idea estemporanea durante un'improvvisazione. I due brani del disco, che dal punto di vista della forma canzone credo sono i più felici, li ho composti la mattina stessa della registrazione quando sono andato a provare il piano e li ho poi presentati a Thomas Morgan e João Lobo che li hanno imparati e non li dimenticheranno più.

AAJI: Dopo Bill Evans e Keith Jarrett sembrava che il piano trio avesse già espresso tutto. Poi sono venuti Brad Mehldau, l'E.S.T. di Esbjorn Svensson, i The Bad Plus, e più recentemente Vijay Iyer, Tord Gustavsen, Neil Cowley e tanti altri. Come spieghi questa proliferazione di piano trio? Come ti senti in questa affollata compagnia?

G.G.: Quando suono in piano trio cerco di concentarrmi su quello che voglio trasmettere, senza pensare che esistono gli altri straordinari trii di pianisti che hai citato. Altrimenti sarebbe un'angoscia terribile... Poi è difficile stabilire qual'è l'ultima reale evoluzione del piano trio. Molte delle formazioni recenti, a parte Mehldau, apportano delle novità al piano trio ma non ne stravolgono la concezione. Intendo dire che il piano trio s'è modificato ma non vedo qualcuno che lo stia facendo nel modo in cui l'hanno fatto Bill Evans o Paul Bley. Però onestamente quando faccio il piano trio o qualunque altra cosa non penso a che posto devo occupare nella storia di quel tipo di formazione. Come dicevo, la cosa più importante per me è sentire che siamo degli artisti che stanno esprimendo una loro idea che, ovviamente, vive dentro una tradizione ma che mentre suono è l'unica cosa possibile, l'unica cosa che esiste.

AAJI: Tra i pianisti statunitensi ne apprezzi qualcuno in particolare?

Tags

Watch

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Album Reviews
Live Reviews
Album Reviews
Live Reviews
Album Reviews
Interviews
Album Reviews
Read more articles

Related Articles

Read A Young Person's Guide to the Jazz Bastard Podcast Interviews
A Young Person's Guide to the Jazz Bastard Podcast
By Patrick Burnette
June 11, 2019
Read Joey DeFrancesco: From Musical Prodigy to Jazz Icon Interviews
Joey DeFrancesco: From Musical Prodigy to Jazz Icon
By Victor L. Schermer
June 2, 2019
Read Moers Festival Interviews: Marshall Allen Interviews
Moers Festival Interviews: Marshall Allen
By Martin Longley
May 30, 2019
Read Sam Tshabalala: Returning Home Interviews
Sam Tshabalala: Returning Home
By Seton Hawkins
May 27, 2019
Read The Baylor Project: A Brand New Day Interviews
The Baylor Project: A Brand New Day
By K. Shackelford
May 24, 2019
Read Moers Festival Interviews: Scatter The Atoms That Remain Interviews
Moers Festival Interviews: Scatter The Atoms That Remain
By Martin Longley
May 23, 2019