All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

1

Gentle Giant: Santa Monica 1975

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
I Gentle Giant sono stati una delle band di rock progressivo inglese più amate nel nostro paese. La loro profonda competenza musicale aveva saputo colpire la fantasia di una generazione di appassionati che era partita col rock per poi spaziare verso il jazz e la musica che sapeva fondere diverse influenza, compresa quella della musica classica. In particolare, era sembrata del tutto straordinaria la loro capacità di raccontare storie che si dipanavano da climi medioevali per giungere a scorribande strumentali che si sviluppavano in punta di penna e che si spostavano in avanti rapidamente, rivelandosi assolutamente contemporanee se non addirittura in anticipo sui tempi.

Va precisato che questo successo non era stato omogeno in tutti i paesi europei e l'interesse degli appassionati e della critica era stato molto più accentuato in alcune nazioni (Italia e Germania in particolare) rispetto al tiepido interesse che la loro proposta artistica aveva inizialmente suscitato nella natia Inghilterra. La band dei fratelli Shulman aveva riscosso un buon interesse anche negli Stati Uniti e proprio da due loro tour americani sono tratti i sette brani presentati in questo album che la Glasshouse (di proprietà del tastierista Kerry Minnear) mette adesso in circolazione attraverso la distribuzione assicurata da Voiceprint.

I primi cinque brani provengono da una data live a Santa Monica che si tenne il primo gennaio 1975, mentre gli ultimi due brevi brani sono stati registrati in Texas nel mese di marzo del 1977. La registrazione live soffre in qualche momento di evidenti decadimenti del supporto magnetico utilizzato all'epoca per la registrazione ma in generale è di discreta qualità. Il sestetto guidato dai tre fratelli Shulman è in piena forma e dimostra una grande capacità di anticipare situazioni musicali che si consolideranno solo in anni recenti. Certe sezioni della lunghissima "Proclamation" suonano decisamente contemporanee e la sovrapposizione di scansioni ritmiche differenziate fa venire in mente certe cose che solo Miles Davis aveva fatto all'epoca nel celeberrimo On the Corner, un album che era stato bocciato da moltissimi addetti ai lavori dell'epoca e che adesso è portato ad esempio della eccezionale lungimiranza del trombettista.

Track Listing

Cogs in Cogs; Proclamation; Experience; So Sincere; Advent of Panurge; For Nobody #1; For Nobody #2.

Personnel

Derek Shulman: vocals, alto saxophone, descant recorder, bass, percussion; Ray Shulman: bass, violin, acoustic guitar, descant recorder, trumpet, vocals, percussion; Kerry Minnear: all keyboards, cello, vibes, tenor recorder, vocals, percussion; Gary Green: electric, acoustic and twelve-string guitars, alto and descant recorders, vocals, percussion; John Weathers: drums, vibes, tambour, vocals, percussion.

Album information

Title: Live in Santa Monica 1975 | Year Released: 2007 | Record Label: Glasshouse Records

Tags

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and through our retail affiliations you'll support us in the process.


MUSICSTACK

Rare vinyl LPs and CDs from over 1,000 independent sellers

AMAZON

CDs, Vinyl, Blu-Ray DVDS, Prime membership, Alexa, SONOS and more

HD TRACKS

Specializing in high resolution and CD-quality downloads

CD UNIVERSE

Specializing in music, movies and video games

REVERB

Marketplace for new, used, and vintage instruments and gear

More

Read GMQ
GMQ
Geoff Mason
Read For Now
For Now
Brian Landrus
Read Welcome Adventure Vol. 1
Welcome Adventure Vol. 1
Daniel Carter, Matthew Shipp. William Parker, Gerald Cleaver