All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

0

Phil Haynes: Sanctuary

Neri Pollastri By

Sign in to view read count
Phil Haynes: Sanctuary
Uscito nel 2015 ma registrato a Berlino nel 1999, presso gli studi della SFB e con il supporto di Gebhard Ullmann, questo disco documenta l'attività in solo di Phil Haynes, un tipo di performance piuttosto rara per un batterista ma che al contrario egli ha sempre portato avanti nel corso della sua lunga carriera.

Il lavoro si divide in ventisei brevi tracce (la più lunga, "Kabuki," è di tre minuti e dieci secondi) a loro volta raccolte in cinque suite, di lunghezza variabile. I cinquantaquattro minuti di musica sono il risultato di due giorni di registrazione, a posteriori selezionati e poi organizzati in modo da rendere il senso di una performance dal vivo.

Fondamentale l'ispirazione di tipo mistico, che si intuisce dal titolo ed è caratteristica di Haynes, che definisce il suo approccio "Zen meets West": i brani nascono infatti sempre in modo molto soffuso, crescendo spesso solo lentamente, perlopiù senza assumere mai tempi e dinamiche tipicamente batteristici; i suoni sono estremamente vari, frutto di un set percussivo ricercato e utilizzato con grande attenzione e sensibilità. Il tutto si presenta come una ricerca personale prima ancora che musicale, da ascoltare con grande attenzione per coglierne le sfumature sonore, talvolta astratte e trascendenti, anche se di quando in quando ravvivate da squarci ritmici anche molto coinvolgenti.

Quasi inutile sottolineare come il tutto si sviluppi in un clima di straordinaria libertà, la quale -pur nel predominare dell'astrattezza -tiene alta l'aspettativa dell'ascoltatore allo scorrete della registrazione.

Lavoro ovviamente singolare, Sanctuary richiede attenzione e pazienza all'ascoltatore, ma offre suoni e dettagli realmente inusitati.

Track Listing

I Awaken: Spirits; Aqua; Rapid Eye Movement; Pollock; Hands and Stones; II Eastern Thoughts: Ritual Call; An Answer; Sympathetic Membranes; Wind in the Chime; Kabuki; III Western Habits: Longer Shorter; Whispers; Metal at Warp; ACME Mechanism; Free Radicals; Wood Spirits; Cat Toyz; Puttering; Bent Offerings; Feline Dreams; Cha-Cha Cha; IV Junkyard Blues: Dumpster Diving; Jurassic Lark; Garbage on Parade; Run, Hide... Frack!; V al Coda: Bop Be; Chug-a-lug.

Personnel

Phil Haynes: batteria, percussioni, strumenti improvvisati.

Album information

Title: Sanctuary | Year Released: 2016 | Record Label: Self Produced

Post a comment about this album

Watch

Tags

Shop Amazon

More

Read The Rise Up
The Rise Up
Mehmet Ali Sanlikol
Read New York Moment
New York Moment
JC Hopkins Biggish Band
Read Pollinator
Pollinator
Matt Ulery
Read Hug!
Hug!
Matt Wilson Quartet
Read Touch & Go
Touch & Go
Susan Tobocman
Read The Ilkley Suite
The Ilkley Suite
Jamil Sheriff
Read Moving Through Worlds
Moving Through Worlds
Fiona Joy Hawkins

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, shelter in place and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary effort that will help musicians now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the bottom right video ad). Thank you.

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.