1

Peter Kerlin Octet: Salamander

Claudio Bonomi By

Sign in to view read count
Peter Kerlin Octet: Salamander Ormai la legge del crossover o della commistione tra generi regna sovrana. Se al jazz, ma la regola vale per qualsiasi genere, non si sommano almeno un paio di ritmi e sonorità presi da qualche altra fonte musicale si è decisamente fuori moda.

A questa legge non sfugge nemmeno questo ottetto americano capitanato da Peter Kerlin, bassista e compositore di Brooklyn. Le cinque bass driven compositions (il collettivo, oltre a Kerlin, allinea altri due bassisti elettrici e due batteristi, e stiamo parlando solo della ritmica) che compongono Salamander sono molto ben congegnate e si muovono in una zona grigia dove il jazz confina con la musica da camera e con certe atmosfere europee stile "Rock in Opposition."

Kerlin è bravissimo a mischiare le carte. Succede, ad esempio, nel brano di apertura "Bulbs" che sviluppandosi su una piattaforma di giri di basso ripetitivi si trasforma ben presto in una ballad intrigante vivacizzata da interventi di viola e vibrafono. Ma è solo un attimo, perché la musica sembra a un certo punto planare su territori free dove l'accento è posto sulle sonorità percussive del vibrafono. Ma è solo un'illusione. E presto tutto rientra nei confini della composizione originaria.

Un basso saltellante e ipnotico è anche il protagonista di "Ballad of the Bewildered Herd," forse il brano più convincente della cinquina e caratterizzato da un crescendo placido e rassicurante dove sembrano confluire le tante anime delle correnti musicali, dal folk jazz all'avanguardia, che caratterizzano la verve compositiva di Peter Kerlin. C'è spazio anche in questo brano per viole dissonanti e intermezzi quasi cacofonici, ma l'intervento dinamico di bassi e vibrafono riequilibra alla fine il tutto. E il risultato finale è una ballad ben orchestrata.

Una formazione da tenere d'occhio, quella di Kerlin, che proprio per l'originalità delle scelte timbriche e ritmiche si distingue fra l'oceano di nuove proposte.


Track Listing: Bulbs; Snake Eats Electric Blanket; Cenozoan Warp; Wanna Let the Bell-Tower Ring; Ballad of the Bewildered Herd.

Personnel: Peter Kerlin: basso; Taylor Bergren-Chrisman: basso; Brent Cordero: basso; Sam Sowyrda: vibrafono; Cesare Papetti: vibrafono; Amy Cimini: viola; Jessica Pavone: viola; Karen Waltuch: viola; Emily Manzo: organo; Mike Pride: batteria, percussioni; Charles Burst: batteria, percussioni.

Year Released: 2014 | Record Label: Innova Recordings


Related Video

Shop

More Articles

Read June CD/LP/Track Review June
by Karl Ackermann
Published: February 19, 2017
Read The Final Concert CD/LP/Track Review The Final Concert
by John Sharpe
Published: February 19, 2017
Read Desire & Freedom CD/LP/Track Review Desire & Freedom
by Glenn Astarita
Published: February 19, 2017
Read On Hollywood Boulevard CD/LP/Track Review On Hollywood Boulevard
by Budd Kopman
Published: February 19, 2017
Read The Motorman's Son CD/LP/Track Review The Motorman's Son
by Dan Bilawsky
Published: February 18, 2017
Read "Birdwatching" CD/LP/Track Review Birdwatching
by Mark Sullivan
Published: April 5, 2016
Read "Interesting" CD/LP/Track Review Interesting
by John Eyles
Published: June 28, 2016
Read "Chance Meeting" CD/LP/Track Review Chance Meeting
by Jack Bowers
Published: September 28, 2016
Read "I Walk Amongst Humans" CD/LP/Track Review I Walk Amongst Humans
by Nicholas F. Mondello
Published: August 3, 2016
Read "The Linda Sessions" CD/LP/Track Review The Linda Sessions
by Dan McClenaghan
Published: April 30, 2016

Post a comment

comments powered by Disqus

Sponsor: ECM Records | BUY NOW  

Support our sponsor

Support All About Jazz's Future

We need your help and we have a deal. Contribute $20 and we'll hide the six Google ads that appear on every page for a full year!

Buy it!