All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

3

Glenn White: Sacred Machines

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
La presenza di Jamie Baum, flautista, compositrice, arrangiatrice di gran classe ma soprattutto musicista spesso avventurosa, faceva sperare in un disco di livello, che solleticasse la curiosità del’ascoltatore.

E invece Sacred Machines, delude, e profondamente, perché risulta anonimo, uguale a mille altri prodotti di modern jazz presenti sul mercato, a tratti decisamente noioso.

Ben suonato s’intende, e ci mancherebbe, ma senz’anima e con poco cuore, dove nemmeno l’introduzione del tanto à la page Fender Rhodes, riesce a dare un qualche scrollatina ad una musica piuttosto incolore. Così che l’unico brano veramente interessante risulta essere l’ultimo, guarda caso a nome Baum.

Scansione ritmica articolata, flauto e sax tenore che disegnano arabeschi poco calligrafici ma tremendamente efficaci, il pianoforte che abbandona comode armonizzazioni per affondare con frasi volitive cariche di tensione, fanno di “Aftermath“ un brano finalmente consono alle qualità del gruppo. Peccato che siano solo gli ultimi quattro minuti del disco...

Track Listing

Sacred Machines; Split Infinity; Triality; Washington Heights; Phobia; Wish; Aftermath.

Personnel

Glenn White: tenor sax; Roberta Piket: piano, Rhodes; Jamie Baum: flute, alto flute; Gary Wang: bass; Jeff Hirshfield: drums; Patrick Hay: guitar.

Album information

Title: Sacred Machines | Year Released: 2008 | Record Label: OA2 Records

Tags

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related Articles

Read Three
Three
By Mark Sullivan
Read Bossing in the Rain
Bossing in the Rain
By Edward Blanco
Read The reMission
The reMission
By Mike Jurkovic
Read Moment of Clarity
Moment of Clarity
By Jack Bowers
Read Elegant Traveler
Elegant Traveler
By Dan McClenaghan
Read Natural Gifts
Natural Gifts
By Nicholas F. Mondello
Read Work
Work
By Edward Blanco