All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

1

The Dowland Project - John Potter: Romaria

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
The Dowland Project - John Potter: Romaria
John Potter (ex Hilliard Ensemble) è un tenore la cui voce è ben nota a chi frequenta le incisioni dell’ECM. Romaria è oramani il terzo album, dopo In Darkness Let Me Dwell e Care-Charming Sleep, del suo Dowland project. Per l’occasione espande il repertorio, esplorando diciassette canzoni d’amore, canti e mottetti, scritti dal XII secolo ad oggi, di Oswald von Wolkenstein (1377-1445), Orlando di Lasso (1532-1594), Josquin Desprez (1450-1521), Hans Neusidler (1508-1563) e altri anonimi. Le canzoni spaziano da testi pre-Carmina Burana, come “Ora pro-nobis” e “O beata infantia” (frammento gregoriano) a canzoni tradizionali dell’inizio del XX secolo, scritte tra Spagna e Portogollo, come “Lá lume” e “O Rosa”. Chiude un poetico e atemporale “Ein iberisch Postambel” scritto da Valent, Surman e Stubbs.

Il repertorio di questo nuovo progetto è dunque un po’ più vecchio dei precenti, poiché si affonda nei primordi del Medioevo musicale lasciando in secondo piano il repertorio rinascimentale, ma allo stesso tempo è anche più nuovo e trasversale nel riferimento geografico (Spagna, Francia e Germania). Nel rimanere fedeli allo spirito dei precedenti lavori, l’obiettivo rimane il medesimo - ossia preservare gli originali e liberare la musica dal suo contesto storico - riservando ancora grande spazio all’esecuzione live.

La registrazione, che come sempre per ECM è di grandissima profondità sonora, testimonia una forte e palpabile empatia tra i musicisti che sembrano trovarsi perfettamente a loro agio calati in sonorità per alcuni versi molto distanti da quelle che gli sono proprie.

Nuovo al progetto, ma perfettamente immerso in questa atmosfera, il vibrante violinista slovacco Miloš Valent che pare sia perfettamente a suo agio anche in progetti che hanno tra loro sonorità assai diverse. Impressionante la capacità sua, di John Surman e di Stephen Stubbs di creare (post)modernità a partire dall’antico. Gli strumenti, che siano copie degli originali o originali poco cambia, tirano fuori dal passato una ricchezza sonora toccante a cui si lega la voce strepitosa, stagionata e piena di John Potter.

Risultato eccellente. Operazione elegante, raffinata, profonda.

Track Listing

01. Got schepfer aller dingen; 02. Veris dulcis; 03. Pulcherrima rosa; 04. Ora pro nobis; 05. Lá lume; 06. Dulce solum, 07. Der oben swebt; 08. O beata infantia (fragment); 09. O Rosa; 10. Saudade; 11. In flagellis; 12. Kyrie Jesus autem transiens; 13. O beata infantia; 14. Credo Laudate dominum; 15. Ein gut Preambel (vihuela solo); 16. Sanctus; 17. Tu solus qui facis. Ein iberisch Postambel

Personnel

John Potter (tenore); Milos Valent (violino, viola); John Surman (sassofoni, clarinetto basso, registratori); Stephen Stubbs (chitarra barocca, vihuela)

Album information

Title: Romaria | Year Released: 2008 | Record Label: ECM Records

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

Read Improdimensions
Improdimensions
Agustí Fernández / Liudas Mockūnas
Read In Baltimore
In Baltimore
George Coleman
Read Escape The Flames
Escape The Flames
Binker and Moses

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, shelter in place and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary effort that will help musicians now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the bottom right video ad). Thank you.

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.