2

Roberto Gatto Quintet al Soresina Jazz Fest 2014

Vincenzo Roggero By

Sign in to view read count
Soresina Jazz Festival 2014
03.07.2014

Nell'ambito della seconda edizione del Soresina Jazz Fest—organizzato con il solito entusiasmo e competenza da White Bird, associazione che da tempo opera sul territorio per la promozione della musica jazz—abbiamo assistito all'esibizione del Roberto Gatto Quintet Tribute to Miles Davis, nella splendida cornice di Palazzo Ponzini.

Il repertorio preso in considerazione, tra la sterminata produzione del trombettista di Alton, è quello della transizione verso il secondo grande quintetto—Wayne Shorter, Herbie Hancock, Ron Carter e Tony Williams per intenderci— con il conseguente abbandono degli standard in favore di brani originali provenienti dalla penna di tutti i componenti del gruppo.

Gatto, batterista dalla conoscenza enciclopedica e versatile come pochi, evita il cliché e i rischi di una rivisitazione strettamente filologica del repertorio dando spazio alla sensibilità e alla creatività dei propri musicisti. Così la riconoscibilità dei temi presentati diventa il trampolino di lancio sia per assoli a volte entusiasmanti sia per intraprendere nuove direzioni che rivestono i brani di nuove, spesso imprevedibili suggestioni.

La batteria del leader e il contrabbasso di Luca Bulgarelli sono il motore inesauribile dell'esibizione, implacabili ma anche elastici pronti a decisi cambi ritmici così come abili nel giostrare su meno evidenti slittamenti metrici. A trarne giovamento sono naturalmente i due fiati della front line. Il sax tenore di Max Ionata sa destreggiarsi con disinvoltura sia sui tempi lenti -dove evidenzia una coloritura timbrica vicina a sassofonisti storici come Ben Webster e Coleman Hawkins- sia su ritmi serrati affrontati con eloquio fluido e assoluto controllo dello strumento. Francesco Lento, ventitreenne trombettista sardo, mostra buone qualità, con la tromba sordinata evoca le delicate invenzioni sonore di Miles, sa graffiare quanto basta e fa intravedere un talento dalle interessanti prospettive. E infine Roberto Tarenzi al pianoforte, un po' la mina vagante del gruppo, leggermente straniante in fase di accompagnamento, esuberante, se non esplosivo negli spazi solistici sempre e comunque sul filo di una palpabile tensione.

Gran finale a sorpresa con Nick the Nightly, storico dj di Radio Monte Carlo, che sale sul palco e con una swingante "Bye Bye Blackbird," seguita da un rap indiavolato al ritmo di funky, scatena l'entusiasmo del numerosissimo pubblico presente.

Foto
Danilo Codazzi.

Tags

comments powered by Disqus

More Articles

Read Redwood City Salsa Festival 2017 Live Reviews Redwood City Salsa Festival 2017
by Walter Atkins
Published: October 17, 2017
Read AJAZZGO Festival in Cali, Colombia Live Reviews AJAZZGO Festival in Cali, Colombia
by Mark Holston
Published: October 13, 2017
Read CEO Experiment With Kurt Rosenwinkel at The Sugar Club Live Reviews CEO Experiment With Kurt Rosenwinkel at The Sugar Club
by Ian Patterson
Published: October 11, 2017
Read "Babel Med Music 2017" Live Reviews Babel Med Music 2017
by Martin Longley
Published: April 12, 2017
Read "Steve Reich @ 80: Music for 18 Musicians" Live Reviews Steve Reich @ 80: Music for 18 Musicians
by C. Andrew Hovan
Published: March 29, 2017
Read "Marquis Hill Blacktet at Scullers Jazz Club" Live Reviews Marquis Hill Blacktet at Scullers Jazz Club
by Nat Seelen
Published: September 6, 2017

Join the staff. Writers Wanted!

Develop a column, write album reviews, cover live shows, or conduct interviews.