All About Jazz

Home » Articoli » Interviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

0

Riccardo Brazzale - Direttore Artistico di Vicenza Jazz

Libero Farnè By

Sign in to view read count
Nel mondo del jazz italiano Riccardo Brazzale è un personaggio ben noto per le attività interconnesse che da decenni svolge con competente coerenza. Innanzi tutto dirige con chiarezza di concezione la Lydian Sound Orchestra, larga formazione attiva dal 1989 e con una decina di CD al suo attivo, che raccoglie alcuni protagonisti dell'ambito veneto. We Resist, il prossimo ambizioso lavoro, sarà pubblicato entro l'estate dal Parco della Musica. Brazzale inoltre è insegnante di jazz, ma non solo, in vari istituti e ricopre un ruolo di responsabilità presso il Comune di Vicenza nel settore cultura. In particolare è da sempre il direttore artistico del festival del jazz vicentino, che fra pochi giorni aprirà la sua ventiduesima edizione. In tale veste lo abbiamo intervistato per approfondire gli obiettivi e i criteri, le dinamiche e la storia dell'importante manifestazione.

All About Jazz: Siamo giunti alla ventiduesima edizione di Vicenza Jazz, che da sempre porta il sottotitolo New Conversations. In tanti anni come sono cambiati gli obiettivi e i criteri nelle tue scelte di programma?

Riccardo Brazzale: Sono responsabile delle scelte artistiche del festival sin dalla prima edizione del 1996. Da allora qualcosa è certamente cambiato, soprattutto da quando il festival ha assunto dimensioni più importanti, per popolarità, per budget, per attenzioni complessive. Al di là delle fondamentali questioni di bilancio, i committenti (cioè, principalmente, il Comune di Vicenza e il principale sponsor in coproduzione, la Trivellato Mercedes) chiedono una certa risposta di pubblico, e in generale di immagine; quindi in fase di programmazione non posso che tenerne conto. Il pubblico stesso richiede rispetto e ha tanti gusti, ovviamente anche diversi dai miei, ma io cerco comunque di non transigere riguardo alla qualità.

Forse una volta azzardavo di più su qualche produzione speciale, ma i costi generali erano indubbiamente inferiori, soprattutto quando si pagava in lire. Se guardo a ritroso certi cartelloni di una quindicina di anni fa, mi accorgo che ora non sarebbero nemmeno immaginabili, per mere richieste di cachet e relativi costi di organizzazione e promozione. In generale il mercato pare ubriaco: molti concerti continuano a costare troppo in relazione alle reali possibilità di incasso. Vale per il jazz come per altre musiche e altre arti performative colte.

AAJ: Tu ricopri, e hai sempre ricoperto, importanti cariche pubbliche, oltre a insegnare e ad essere leader della Lydian Sound Orchestra. Queste cariche e impegni hanno interferito, positivamente o negativamente, nella direzione del festival?

RB: Sono un funzionario del Comune di Vicenza che si occupa di programmazione artistica, in particolare di progetti speciali per il Teatro Olimpico che, come è noto, è un monumento patrimonio dell'umanità. Insegno storia del jazz nei conservatori di Vicenza e Castelfranco Veneto e materie teoriche di tipo classico (teoria, armonia, storia) all'Istituto Musicale Veneto di Thiene, di cui sono direttore. Come sono il direttore della Lydian Sound Orchestra. Posso tranquillamente dire che essere di qua e di là della barricata, musicista e promoter, insegnante e (un tempo, ora non più) giornalista, mi ha certamente giovato, dandomi la possibilità di vedere le stesse cose da angolature differenti.

Ritengo che lavorare da tanti anni in vari campi della cultura (teatro, danza, cinema, letteratura, arti visive, musica classica...) possa caratterizzare le mie scelte, magari allargando un po' le vedute. Come musicista-direttore di festival, credo di avere il primato inarrivabile di minori presenze come artista all'interno del proprio festival. Anni fa mi chiedevo se fosse una scelta che mi danneggiava: ora, a conti fatti credo di no. I lati negativi di tutto ciò? Da collega e spesso amico di musicisti, vorrei poter dire di sì a tutti. Ma è oggettivamente impossibile.

AAJ: Riguardo ai partner organizzativi e finanziari, istituzioni pubbliche o sponsor privati, cosa è cambiato nel tempo?

RB: Il nucleo è stabilissimo fin dalla nascita, con un binomio fra ente pubblico (il Comune) e privato-locale (la Trivellato) collaudato e solido. Avere al fianco uno sponsor invidiabile e molto presente ci ha giovato persino al di là del fatto puramente economico, pur importante ovviamente, perché ha funzionato quasi come una garanzia. Un limite può essere che altri sponsor privati trovano un po' di difficoltà a entrare nella squadra. Negli ultimi anni si è aggiunto poi l'apporto della Fondazione Teatro Comunale di Vicenza che, oltre al rischio d'impresa sugli incassi, ha portato in dote uno staff preparato ed esperienze tutt'altro che trascurabili nel campo organizzativo. Diverso è il caso degli altri enti pubblici. Per motivi direi sostanzialmente politici la Regione non ci segue più da qualche anno. Da un triennio inoltre siamo stati penalizzati (noi come una quarantina di altri festival in Italia, non solo di jazz) dalla mancata attribuzione di contributi statali: è stata ed è una palese ingiustizia ma ho deciso da tempo che non vale la pena tornarci su.

Tags

comments powered by Disqus

Related Articles

Read Randy Weston: The Spirit of Our Ancestors Interviews
Randy Weston: The Spirit of Our Ancestors
by Ludovico Granvassu
Published: September 7, 2018
Read Val Wilmer: Dues And Testimony Interviews
Val Wilmer: Dues And Testimony
by Ian Patterson
Published: September 5, 2018
Read Bob James: Piano Player Interviews
Bob James: Piano Player
by R.J. DeLuke
Published: September 3, 2018
Read Ben Wolfe: The Freedom to Create Interviews
Ben Wolfe: The Freedom to Create
by Stephen A. Smith
Published: September 1, 2018
Read Peter Epstein: Effortless Precision Interviews
Peter Epstein: Effortless Precision
by Stephen A. Smith
Published: September 1, 2018
Read Dan Shout: In With a Shout Interviews
Dan Shout: In With a Shout
by Seton Hawkins
Published: August 31, 2018
Read "Django Bates: Generous Abundance" Interviews Django Bates: Generous Abundance
by Ludovico Granvassu
Published: June 22, 2018
Read "Salim Washington: To Be Moved to Speak" Interviews Salim Washington: To Be Moved to Speak
by Seton Hawkins
Published: May 30, 2018
Read "Jamie Saft: Jazz in the Key of Iggy" Interviews Jamie Saft: Jazz in the Key of Iggy
by Luca Canini
Published: October 20, 2017
Read "William Parker: Embracing The Unknown" Interviews William Parker: Embracing The Unknown
by Luke Seabright
Published: February 14, 2018
Read "Randy Weston: The Spirit of Our Ancestors" Interviews Randy Weston: The Spirit of Our Ancestors
by Ludovico Granvassu
Published: September 7, 2018