All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

1

The Mahavishnu Project: Return to the Emerald Beyond

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Il gruppo guidato dal batterista Gregg Bendian affronta un compito davvero arduo: riproporre dal vivo l’intero secondo album della seconda edizione della Mahavishnu Orchestra, intitolato Visions of the Emerald Beyond. Un lavoro affascinante, ma non particolarmente fortunato dal punto di vista del successo discografico. Un'opera molto ambiziosa registrata in studio dalla band di John McLaughlin nel lontano 1975, ricorrendo spesso alla tecnica delle sovraincisioni. Quindi, praticamente, le varie composizioni non erano mai state suonate in diretta, nella loro interezza, neppure in studio.

L’album originario era piuttosto denso e complicato, piacevolmente frastagliato da un punto di vista ritmico e ricco di sperimentazioni e stratificazioni dei vari strumenti, spesso inusuali nel contesto del rock e del jazz. La versione dal vivo di Bendian e dei suoi degni compari riesce a dare una lettura di queste composizioni ancora più convincente, grazie alla abbondante dilatazione delle strutture compositive che consente ai vari solisti di godere di spazi ampi ma ben calibrati nei quali le evoluzioni e le divagazioni sono sempre interessanti, piacevoli e coerenti.

In particolar modo si mettono in bella evidenza il guizzante violinista Rob Thomas, il torrido chitarrista Glenn Alexander e l’arguto tastierista Adam Holzman che ricordiamo alla corte di Miles Davis nella seconda metà degli anni ottanta. Già dai quindici minuti della iniziale “Eternity’s Breath” possiamo apprezzare il dirompente lavoro alla batteria di Gregg Bendian, le preziose e raffinate sezioni riservate al quartetto d’archi, gli assoli brucianti dei vari solisti che fanno scaturire lava incandescente dalla cima del vulcano. I ricami iniziali della voce di Maria Neckham ci portano per un attimo dalle parte di “In a Silent Way” per poi lasciare spazio al riff trascinante che già nella versione originale era stato una fonte di eccitazione importante per la sezione ritmica dell’epoca, formata dai giovani Narada Michael Walden e Ralph Armstrong.

Questo Return to the Emerald Beyond prosegue rispettando la sequenza originale dei brani e si conclude con tre pezzi inseriti come regalo finale, visto che non provengono dall’album originario. “Smile of the Beyond” faceva parte dell’album Apocalypse che segnò l’esordio della versione allargata della Mahavishnu Orchestra, la stessa che poi registrò anche Visions of the Emerald Beyond. Gli altri due brani, “Vital Transformation” e “Sister Andrea” arrivano invece dalla prima incarnazione della band di McLaughlin, quel quintetto memorabile che con il suo innovativo concetto di jazz-rock e fusion rivoluzionò la storia della musica nei primissimi anni settanta.

In questo lungo concerto, presentato integralmente nei due ampi CD di questa proposta Cuneiform, il genere fusion viene rielaborato, spacchettato e ricombinato con cura, con il giusto respiro e la corretta intensità. Trent’anni non sono passati invano e i punti deboli di quello stile ormai sfilacciato sono mascherati con eleganza, ribaltando i problemi per farli diventare opportunità, come direbbe qualche luminare del marketing. La grande passione che Gregg Bendian mette sempre nei suoi progetti diventa in questo caso quasi una ossessione e, come ben sa chi segue queste cronache, è proprio in quella sottile area che separa la passione dall’ossessione che succedono le cose che contano per davvero.

Track Listing: CD 1: 01. Eternity's Breath (14:30); 02. Lila's Dance (9:00); 03. Can't Stand Your Funk (6:56); 04. Pastoral (10:58); 05. Faith (2:55); 06. Cosmic Strut (5:42); 07. If I Could See (1:51); 08. Be Happy (6:59) CD 2: 01. Earth Ship (11:59); 02. Pegasus (3:40); 03. Opus 1 (2.09); 04. On The Way Home To Earth (8:58); 05. Smile of the Beyond (5:00); 06. Vital Transformation (11:25); 07. Sister Andrea (11:11)

Personnel: Gregg Bendian (batteria, dumbeq); Glenn Alexander (chitarre); Rob Thomas (violino); Adam Holzman (tastiere); David Johnsen (basso); Premik Russell Tubbs (sax, flauto); Katherine Fong & Zach Brock (violino); Nicole Federici (viola); Leigh Stuart (cello); Maria Neckham (voce)

Title: Return to the Emerald Beyond | Year Released: 2007 | Record Label: Cuneiform Records

Tags

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Profiles
Album Reviews
Interviews
Album Reviews
Read more articles
Research

Research

Aggregate Music
2008

buy
 

Return to the Emerald...

Cuneiform Records
2007

buy
Change

Change

Aggregate Music
2005

buy
Bone Structure

Bone Structure

Cryptogramophone
2003

buy
 

Requiem for Jack Kirby

Atavistic Worldwide
2002

buy
 

Espiritu

Aggregate Music
1998

buy

Related Articles

Read Caldera / Sky Islands Album Reviews
Caldera / Sky Islands
By Jakob Baekgaard
May 25, 2019
Read Baby, Please Come Home Album Reviews
Baby, Please Come Home
By Doug Collette
May 25, 2019
Read Reckless Heart Album Reviews
Reckless Heart
By Doug Collette
May 25, 2019
Read Fire Brigade Album Reviews
Fire Brigade
By Phillip Woolever
May 25, 2019
Read Day to Day Album Reviews
Day to Day
By Paul Naser
May 24, 2019
Read Theia Album Reviews
Theia
By Jim Worsley
May 24, 2019