All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

0

Rich Halley Quartet: Requiem for a Pit Viper

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Rich Halley Quartet: Requiem for a Pit Viper
Con Requiem for a Pit Viper il tenorista Rich Halley fa debuttare un quartetto inedito, anche se composto da due suoi sidemen più fidati, Michael Vlatkovich al trombone e Clyde Reed al basso. A completare la formazione Carson Halley, figlio di Rich, alla batteria.

Si tratta di un'opera con i piedi ben piantati nella cultura afroamericana, di cui vengono evocate alcune delle manifestazioni più dirompenti e significative. Il gruppo, infatti, passa attraverso situazioni differenti e canoni espressivi variegati, attingendo tanto al blues rurale quanto alla new thing, tanto allo spiritual quanto al funk. In questo senso, il tributo alla filosofia di Ornette Coleman, specie quella dei quartetti dell'inizio degli anni '60, è enorme. Si potrebbe anzi dire che è proprio la passione di Halley e degli altri per quella prima fase del free a fungere da elemento unificante del disco.

L'ascolto rivela un suono grezzo e senza molti fronzoli, quasi garage.

Su tutto, spicca il fraseggio di Halley, lirico e teso, anche se gli idoli sassofonistici del tenorista, Ayler, Trane, Webster, si sentono ancora e lasciano poco spazio a qualche istanza di completa originalità. Rimane impresso anche lo stile di Vlatkovich: asciutto, elementare, fatto di poche note, ripetute ossessivamente. Halley jr per ora non convince: impreciso nei passaggi e solisticamente acerbo, sembra però trovarsi a suo agio quando deve spingere dei groove semplici e pesanti, da batterista rock ("Snippet Stop Warp").

Pare inoltre che il gruppo debba ancora sviluppare un affiatamento accettabile, soprattutto nell'esposizione dei temi, spesso sommaria e sgranata: limite che appare ancora più evidente quando i temi vengono ripresi, all'uscita dalle improvvisazioni. Interessante, al contrario, lo swing eccentrico e sghembo generato dal duo Reed-Halley jr: ancora la lezione Ornettiana, appunto.

Tra i punti di forza di questo CD il bellissimo blues di "Maj," una serie di temi ben scritti, come "Requiem for a Pit Viper" e, in generale, il solismo convincente di Rich Halley. Requiem for a Pit Viper presenta comunque diversi lati deboli, tra i quali, non ultime, le note di copertina che accompagnano il disco, decisamente autocelebrative.

Se il gruppo saprà emanciparsi dall'omaggio pedissequo alla tradizione e, pur in quel filone espressivo assolutamente meritorio, ritagliarsi una propria personale voce, potrà imporsi in futuro con sicura autorevolezza.

Track Listing

Requiem for a Pit Viper; Snippet Stop Warp; View from the Underpass; Circumambulation; Purple and Gray; Maj; Wake Up Line; Squeaker; Subterranean Strut; Afternoon in June.

Personnel

Rich Halley: tenor saxophone, percussion; Michael Vlatkovich: trombone, percussion, squeak toys; Clyde Reed; bass; Carson Halley: drums, percussion.

Album information

Title: Requiem For A Pit Viper | Year Released: 2011 | Record Label: Pine Eagle Records

Tags

Shop Amazon

More

Read Love Letter
Love Letter
Jimmy Heath
Read No Base Trio
No Base Trio
Jonathan Suazo / Gabriel Vicens / Leonardo Osuna
Read A Tribute to Alvin Fielder - Live at Vision Festival XXIV
A Tribute to Alvin Fielder - Live at Vision Festival XXIV
Edward 'Kidd' Jordan, Joel Futterman, William Parker, Hamid Drake

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, shelter in place and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary effort that will help musicians now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the bottom right video ad). Thank you.

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.