All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

0

Refuge Trio: Refuge Trio

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Un progetto che sulla carta (pregiata e suggestiva della Winter & Winter) ammiccava per accostamenti di strumenti, se non anche solo di talenti (Theo Bleckmann, Gary Versace e John Hollenbeck), lascia all'ascolto un vago senso di disorientamento, per l'aver trascorso un'ora di piacevole vagare senza una meta precisa.

Il progetto, nato una decina d'anni fa per una performance in omaggio a Joni Mitchell, si è nel tempo trasformato in ambiente di pratica compositiva ed espressiva per i tre musicisti coinvolti, le cui differenti versatili ed evidenti personalità rimangono qui perfettamente riconoscibili ma anche docilmente dosate nelle misure, nei modi e nei toni per dar vita a una proposta coerente ed equilibrata, irritata qua e là da occasionali pennellate di calcolato asettico imprevisto.

L'album incede sornione. Dominato da atmosfere languide in cui si susseguono invidie riconoscenti per una scrittura saggia ed efficace à la Annette Peacock, sfocate visioni di Monk e Ornette, didascalici pastiches atonali e imbellettate acidità progressive in particolare quando è Versace ad apporre la firma.

L'ascolto si lascia condurre. Ammaliato e disteso dalle geometrie ipnotiche delle composizioni, senza mai però lasciarsi catturare. Per quanto graziata di indubbio fascino la musica rimane su uno sfondo distante spesso al limite della sfocatura.

Costruite su leziose architetture frattali, basate su unisoni, consonanze, battimenti e controcanti, le composizioni evolvono sinuosamente come i cerchi concentrici generati dalla goccia che cade sul pelo dell'acqua. Immagine tanto affascinante quanto abusata.

Sottratto al senso dell'omaggiare la Mitchell, il progetto pare ancora alla ricerca di una cifra distintiva e univoca che sappia infondere in questi calligrafici esercizi di stile quella scintilla di vitalità e di forza evocativa che li faccia risuonare anche al termine del disco.

Visita i siti di Theo Bleckmann, John Hollenbeck e Gary Versace.

Track Listing: 01. Refuge of the Roads (Joni Mitchell) - 1:09; 02. To What Shall I Compare This Life (Priest Monsei, Theo Bleckmann) - 5:55; 03. Pinwheel (Gary Versace) - 5:36; 04. Rural Bliss (John Hollenbeck) - 2:53; 05. Edges (Gary Versace) - 1:56; 06. Bright Moon (Masahide, John Hollenbeck) - 6:04; 07. Peace (Ornette Coleman) - 6:13; 08. Misterioso (Thelonious Monk) - 3:38; 09. Child's Play (Gary Versace) - 6:59; 10. Yang Peiyi (John Hollenbeck) - 2:30: 11. Hymn (Gary Versace) - 6:20; 12. Happiness (Theo Bleckmann) - 4:48; 13. All Our Yesterdays (Allan Holdsworth) - 4:34.

Personnel: Theo Bleckmann (voce, elettronica); Gary Versace (fisarmonica, pianoforte, tastiere); John Hollenbeck (batteria, percussioni, vibrafono, crotali, glockenspiel).

Title: Refuge Trio | Year Released: 2011 | Record Label: Winter & Winter

About Theo Bleckmann
Articles | Calendar | Discography | Photos | More...

Tags

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related

Read Cobb's Pocket
Cobb's Pocket
By Dan Bilawsky
Read Blues For Charlie
Blues For Charlie
By Jim Worsley
Read Cobb's Pocket
Cobb's Pocket
By Nicholas F. Mondello
Read Cause and Effect
Cause and Effect
By Ian Patterson
Read Geschmacksarbeit
Geschmacksarbeit
By John Eyles
Read Emergence
Emergence
By Geannine Reid
Read Never More Here
Never More Here
By Dan McClenaghan
Read Lanzarote
Lanzarote
By Gareth Thompson