All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

1

Otis Taylor: Recapturing the Banjo

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Otis Taylor: Recapturing the Banjo
“Se chiedete a qualcuno dove pensa che sia nato il banjo a cinque corde, sicuramente vi risponderà che proviene dal Kentucky o dalla Carolina del Nord”. Dick Weissman, che di folk revival se ne intende, non ha dubbi nell’indicare le strade della verità storica del banjo.

Poi c’è quella canzoncina, “Oh Susanna”, scritta da uno dei padri della musica americana (Stephen Foster) che non lascia ombre di dubbio sull’appropriazione americana dello strumento (“I come from Alabama with my banjo on my knees”). Un cordofono che ha fatto la storia del folk, del blues e del jazz e che sembrava appeso ormai al proverbiale chiodo. Ripreso solo per abbellire fantasiose o esoteriche escursioni nelle timbriche “fighe” o nelle rivisitazioni d’antan.

Otis Taylor, sessanta anni suonati, dall’alto della sua grinta non poteva starci, proprio lui che aveva costruito una carriera sul banjo. Proprio lui che qualche tempo fa sembrava essersi fermato dal rincorrere le note, ha chiamato tre “loschi” figuri (da wanted spaghetti wester, per intenderci) e costruito un viaggio nel tempo per riappropriarsi delle origini, africane, del banjo.

E lo ha fatto senza grandi ondate nostalgiche. Ha scritto, con notevoli risultati, gran parte dei brani (“Ran So Hard…”, “Live Your Life”, “Ten Million Slaves”), ha rivisitato alcune gemme del passato (“Walk Right In”, “Hey Joe”, “Little Liza Jane”, “Deep Blue Sea”, “Les Ognons”), si è affidato al talento creativo dei loschi Guy Davis, Corey Harris, Alvin Youngblood Hart, Keb’ Mo’, Don Vappie; ha tirato fuori un CD che è fuoco e passione, storia e risentimento.

Senza indulgere in filologiche riappropriazioni, di qua e di là ha fatto svolazzare chitarre elettriche distorte, qualche filo di armonica, una cornetta e un po’ di percussioni. Di tempo ne è passato da quando lo xalam (l’antesignano del banjo) comparve nei campi di cotone della Louisiana.

Otis lo ha fatto ritornare a casa.

Track Listing

01. Ran So Hard the Sun Went Down; 02. Prophet’s Mission; 03. Absinthe; 04. Live Your Life; 05. Walk Right In; 06 Bow-Legged Charlie; 07. Hey; 08. Little Liza Jane; 09. Five Hundred Roses; 10. Les Ognons; 11. Deep Blue Sea; 12. Simple Mind; 13. Ten Million Slaves; 14. The Way It Goes.

Personnel

Corey Harris (banjo); Alvin Youngblood Hart (chitarra; lap steel; banjo); Guy Davis (armonica); Don Vappie (Banjo); Cassie Taylor (basso); Otis Taylor (banjo; piano).

Album information

Title: Recapturing the Banjo | Year Released: 2008 | Record Label: Telarc Records

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

Home at Last
Amit Friedman
Entendre
Nik Bärtsch
soundz offfe drzk wähuh
EUPHORIUM_freakestra
Hemingway
Johnny Gandelsman
Solitude
Rich Pellegrin
Ain't No Storm
Caleb Wheeler Curtis
Odd Wisdom
Diego Pinera

Popular

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded albums and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, limited reopenings and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary step that will help musicians and venues now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the sticky footer ad). Thank you!

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.