All About Jazz

Home » Articoli » Book Review

0

Raphael Confiant: Madame St-Clair

Maurizio Zerbo By

Sign in to view read count
Madame St-Clair, la regina di Harlem
Raphaël Confiant
240 pagine
ISBN: # 978-8862225663
Stampa Alternativa
2017

Pur non eguagliando i capolavori del genere, "Madame St-Clair" è un esito letterario ben fecondo dell'afrocentrismo contemporaneo. Ne è autore lo scrittore martinicano RaRaphaël Confiant, cantore dell'identità creola-antillana in stretto rapporto con il pensiero panafricano. Ispirandosi alle teorie dell'antropologo Melville Herskovits, Confiant recupera in chiave narrativa la tesi che la cultura degli afroamericani vada ricollegata alla madre nera, a seguito della diaspora africana. Lo testimoniano le diverse citazioni simboliche, che dalla lingua creola toccano la poesia di Countee Cullen, la musica di Duke Ellington e il canto di Bessie Smith.

Va da sé che la parte più interessante del romanzo risieda nell'ambientazione cronologica degli anni Venti, con l'inurbamento delle masse nere nelle metropoli statunitensi e la diffusione dell'Harlem Renaissance. Vi sono poi i mitici luoghi di ritrovo musicale quali il Cotton Club, il Lafayette, il Savoy Ballroom, l'Apollo Theater: "templi della lussuria stregati dai giganti della musica. Louis Armstrong! Duke Ellington! L'ingiustamente sottovalutatoCootie Williams. E tanti altri che hanno addolcito il mio soggiorno su questa terra, dove il negro sembra essere in causa con l'universo intero."

Lo afferma l'eroina del libro Stephanie St-Clair, che dalla Martinica approda a New York via Marsiglia in cerca di fortuna e soldi. La sua è una vita lunga e avventurosa, vissuta sotto le spoglie di personaggi diversi: "giovane negra in Martinica, presunta figlia di un re africano a Marsiglia, gangster celtica della banda dei quaranta ladri a Five Points, galoppina della mafia siciliana, raccoglitrice di scommesse della lotteria clandestina, poi banchiera e infine regina di Harlem (nonché moglie del primo musulmano d'America)." Pur fiera della sua identità afroamericana, Stephanie ben incarna i valori del melting pot statunitense. Lo testimonia il passo finale del romanzo, in cui la protagonista afferma di essere "antillese, francese, italiana, afroamericana, harlemita, ma soprattutto una donna. Une femme—debout, come si dice in creolo, una donna in piedi."

Post a comment

Tags

Shop Amazon

More

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, shelter in place and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary effort that will help musicians now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the bottom right video ad). Thank you.

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.