All About Jazz

Home » Articoli » Book Reviews

0

Raphael Confiant: Madame St-Clair

By

Sign in to view read count
Madame St-Clair, la regina di Harlem
Raphaël Confiant
240 pagine
ISBN: # 978-8862225663
Stampa Alternativa
2017

Pur non eguagliando i capolavori del genere, "Madame St-Clair" è un esito letterario ben fecondo dell'afrocentrismo contemporaneo. Ne è autore lo scrittore martinicano RaRaphaël Confiant, cantore dell'identità creola-antillana in stretto rapporto con il pensiero panafricano. Ispirandosi alle teorie dell'antropologo Melville Herskovits, Confiant recupera in chiave narrativa la tesi che la cultura degli afroamericani vada ricollegata alla madre nera, a seguito della diaspora africana. Lo testimoniano le diverse citazioni simboliche, che dalla lingua creola toccano la poesia di Countee Cullen, la musica di Duke Ellington e il canto di Bessie Smith.

Va da sé che la parte più interessante del romanzo risieda nell'ambientazione cronologica degli anni Venti, con l'inurbamento delle masse nere nelle metropoli statunitensi e la diffusione dell'Harlem Renaissance. Vi sono poi i mitici luoghi di ritrovo musicale quali il Cotton Club, il Lafayette, il Savoy Ballroom, l'Apollo Theater: "templi della lussuria stregati dai giganti della musica. Louis Armstrong! Duke Ellington! L'ingiustamente sottovalutatoCootie Williams. E tanti altri che hanno addolcito il mio soggiorno su questa terra, dove il negro sembra essere in causa con l'universo intero."

Lo afferma l'eroina del libro Stephanie St-Clair, che dalla Martinica approda a New York via Marsiglia in cerca di fortuna e soldi. La sua è una vita lunga e avventurosa, vissuta sotto le spoglie di personaggi diversi: "giovane negra in Martinica, presunta figlia di un re africano a Marsiglia, gangster celtica della banda dei quaranta ladri a Five Points, galoppina della mafia siciliana, raccoglitrice di scommesse della lotteria clandestina, poi banchiera e infine regina di Harlem (nonché moglie del primo musulmano d'America)." Pur fiera della sua identità afroamericana, Stephanie ben incarna i valori del melting pot statunitense. Lo testimonia il passo finale del romanzo, in cui la protagonista afferma di essere "antillese, francese, italiana, afroamericana, harlemita, ma soprattutto una donna. Une femme—debout, come si dice in creolo, una donna in piedi."

Tags

comments powered by Disqus

Related Articles

Read The Jazz Bubble: Neoclassical Jazz in Neoliberal Culture Book Reviews
The Jazz Bubble: Neoclassical Jazz in Neoliberal Culture
by Ian Patterson
Published: July 3, 2018
Read Fare Thee Well: The Final Chapter of the Grateful Dead's Long, Strange Trip Book Reviews
Fare Thee Well: The Final Chapter of the Grateful...
by Doug Collette
Published: June 16, 2018
Read Uncharted: Creativity and the Expert Drummer Book Reviews
Uncharted: Creativity and the Expert Drummer
by David A. Orthmann
Published: June 3, 2018
Read As Serious As Your Life: Black Music And The Free Jazz Revolution 1957-1977 Book Reviews
As Serious As Your Life: Black Music And The Free Jazz...
by Ian Patterson
Published: May 14, 2018
Read Astral Weeks: A Secret History of 1968 Book Reviews
Astral Weeks: A Secret History of 1968
by Doug Collette
Published: April 14, 2018
Read My Life in the Key of E Book Reviews
My Life in the Key of E
by Richard J Salvucci
Published: March 19, 2018
Read "Jazzing: New York City's Unseen Scene" Book Reviews Jazzing: New York City's Unseen Scene
by David A. Orthmann
Published: August 29, 2017
Read "Claude Ranger: Canadian Jazz Legend" Book Reviews Claude Ranger: Canadian Jazz Legend
by David A. Orthmann
Published: November 15, 2017
Read "All That's Jazz" Book Reviews All That's Jazz
by Phil Barnes
Published: December 6, 2017
Read "The Great Jazz and Pop Vocal Albums" Book Reviews The Great Jazz and Pop Vocal Albums
by Steve Provizer
Published: March 3, 2018