All About Jazz

Home » Articoli » Live Reviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

0

Ran Blake al Teatro Manzoni di Milano

Vincenzo Roggero By

Sign in to view read count
Ran Blake
Aperitivo in concerto
Teatro Manzoni
Milano
01.03.2015

Imbattersi nella musica di Ran Blake equivale a intraprendere un viaggio sorprendente nella sua arte, tanti e diversi sono gli stimoli, le sollecitazioni, i riferimenti ad altre forme espressive oltre a quella propriamente musicale. Ma altresì diventa momento di riflessione personale, un mettersi in prospettiva diversa per andare oltre le apparenze, scoprire cosa si cela dietro forme consolidate, vedere cosa succede quando si levano di torno sovrastrutture, convenzioni, certezze. Il processo con il quale Blake depura la musica, la rende essenziale e nel contempo prismatica, arricchita di molteplici significati, coinvolge inesorabilmente l'ascoltatore, non solo elemento passivo/ricettivo dell'evento ma a suo modo protagonista.

Non stupisce più di tanto quindi se nell'esibizione di un Teatro Manzoni al solito gremito, Blake combina Max Roach con Edith Piaf, Duke Ellington con Stevie Wonder, Nino Rota con la musica Yiddish. Il tutto illuminato dal suo stile unico influenzato dal blues come dal gospel, dalla classica come dal jazz, ma inimitabile nel combinare questi elementi attraverso tocchi quasi impercettibili, silenzi carichi di densità, sparuti ma decisivi cluster, linee pericolosamente in bilico tra tonalità e dissonanze. È musica giocata sui sussurri più che sulle grida ma non per questo meno intensa o penetrante.

Sul palco ad accompagnare Blake si succedono la violinista Eden MacAdam-Somer e il trombonista Aaron J. Hartley. Molto compassato e preciso, quest'ultimo risulta funzionale alla poetica del pianista senza per la verità incidere in maniera significativa sulle sue traiettorie. Decisamente esuberante ed eclettica Macadam-Somer, protagonista di una formidabile versione dell'ellingtoniana "Jump for Joy," una sorta di "one woman band" che l'ha vista contemporaneamente impegnata al violino, alla voce e in una danza percussiva a mo' di accompagnamento.

Ma è la sonorizzazione dei due filmati tratti da "La scala a chiocciola" di Robert Siodmak e da "Dr. Mabuse" di Fritz Lang il momento clou dell'esibizione. La prima, in piano solo, ha permesso di apprezzare appieno l'arte improvvisativa di Blake, la sua capacità di cogliere l'essenzialità delle immagini non solo come rinforzo espressivo ma come punto di partenza per ulteriori sviluppi del processo creativo che, pur tematicamente pertinente, si trasforma in cosa altra. Il secondo, con il trio al completo, ha esaltato le dinamiche, gli accostamenti timbrici, l'originalità degli arrangiamenti e delle combinazioni strumentali.

A concludere, una commovente, sospesa, cristallina interpretazione di "Lush Life," suggella un superbo concerto e celebra un artista tanto schivo e lontano dai riflettori quanto brillante d'idee, obliquamente innovativo, genialmente fuori dagli schemi.

Foto
Roberto Cifarelli.

Tags

Related Video

comments powered by Disqus

Related Articles

Read Copenhagen Jazz Festival 2018: The Community Series at Koncertkirken Live Reviews
Copenhagen Jazz Festival 2018: The Community Series at...
by Henning Bolte
Published: August 19, 2018
Read Sligo Jazz Project 2018: Days 1-2 Live Reviews
Sligo Jazz Project 2018: Days 1-2
by James Fleming
Published: August 18, 2018
Read Alan Broadbent Trio at the Deer Head Inn Live Reviews
Alan Broadbent Trio at the Deer Head Inn
by Victor L. Schermer
Published: August 15, 2018
Read Flow Festival 2018 Live Reviews
Flow Festival 2018
by Anthony Shaw
Published: August 14, 2018
Read Shipp / Lowe / Baker / Ray at Le Poisson Rouge Live Reviews
Shipp / Lowe / Baker / Ray at Le Poisson Rouge
by Karl Ackermann
Published: August 13, 2018
Read 3rd Zbigniew Seifert International Jazz Violin Competition Live Reviews
3rd Zbigniew Seifert International Jazz Violin Competition
by Ian Patterson
Published: August 9, 2018
Read "Terence Blanchard at Christ Church Cranbrook" Live Reviews Terence Blanchard at Christ Church Cranbrook
by Troy Dostert
Published: December 29, 2017
Read "Summer Jazz and Fringe Jazz Fest in Copenhagen" Live Reviews Summer Jazz and Fringe Jazz Fest in Copenhagen
by Jakob Baekgaard
Published: July 12, 2018
Read "Impressions of Monterey Jazz Festival 2017: MJF At 60" Live Reviews Impressions of Monterey Jazz Festival 2017: MJF At 60
by Walter Atkins
Published: October 6, 2017
Read "Curtis Brothers At Scullers" Live Reviews Curtis Brothers At Scullers
by Steve Provizer
Published: February 28, 2018
Read "Buenos Aires International Jazz Festival 2017" Live Reviews Buenos Aires International Jazz Festival 2017
by Mark Holston
Published: January 31, 2018
Read "French Connections - The Jazzdor Experience" Live Reviews French Connections - The Jazzdor Experience
by Henning Bolte
Published: January 25, 2018