0

Ran Blake al Teatro Manzoni di Milano

Vincenzo Roggero By

Sign in to view read count
Ran Blake
Aperitivo in concerto
Teatro Manzoni
Milano
01.03.2015

Imbattersi nella musica di Ran Blake equivale a intraprendere un viaggio sorprendente nella sua arte, tanti e diversi sono gli stimoli, le sollecitazioni, i riferimenti ad altre forme espressive oltre a quella propriamente musicale. Ma altresì diventa momento di riflessione personale, un mettersi in prospettiva diversa per andare oltre le apparenze, scoprire cosa si cela dietro forme consolidate, vedere cosa succede quando si levano di torno sovrastrutture, convenzioni, certezze. Il processo con il quale Blake depura la musica, la rende essenziale e nel contempo prismatica, arricchita di molteplici significati, coinvolge inesorabilmente l'ascoltatore, non solo elemento passivo/ricettivo dell'evento ma a suo modo protagonista.

Non stupisce più di tanto quindi se nell'esibizione di un Teatro Manzoni al solito gremito, Blake combina Max Roach con Edith Piaf, Duke Ellington con Stevie Wonder, Nino Rota con la musica Yiddish. Il tutto illuminato dal suo stile unico influenzato dal blues come dal gospel, dalla classica come dal jazz, ma inimitabile nel combinare questi elementi attraverso tocchi quasi impercettibili, silenzi carichi di densità, sparuti ma decisivi cluster, linee pericolosamente in bilico tra tonalità e dissonanze. È musica giocata sui sussurri più che sulle grida ma non per questo meno intensa o penetrante.

Sul palco ad accompagnare Blake si succedono la violinista Eden MacAdam-Somer e il trombonista Aaron J. Hartley. Molto compassato e preciso, quest'ultimo risulta funzionale alla poetica del pianista senza per la verità incidere in maniera significativa sulle sue traiettorie. Decisamente esuberante ed eclettica Macadam-Somer, protagonista di una formidabile versione dell'ellingtoniana "Jump for Joy," una sorta di "one woman band" che l'ha vista contemporaneamente impegnata al violino, alla voce e in una danza percussiva a mo' di accompagnamento.

Ma è la sonorizzazione dei due filmati tratti da "La scala a chiocciola" di Robert Siodmak e da "Dr. Mabuse" di Fritz Lang il momento clou dell'esibizione. La prima, in piano solo, ha permesso di apprezzare appieno l'arte improvvisativa di Blake, la sua capacità di cogliere l'essenzialità delle immagini non solo come rinforzo espressivo ma come punto di partenza per ulteriori sviluppi del processo creativo che, pur tematicamente pertinente, si trasforma in cosa altra. Il secondo, con il trio al completo, ha esaltato le dinamiche, gli accostamenti timbrici, l'originalità degli arrangiamenti e delle combinazioni strumentali.

A concludere, una commovente, sospesa, cristallina interpretazione di "Lush Life," suggella un superbo concerto e celebra un artista tanto schivo e lontano dai riflettori quanto brillante d'idee, obliquamente innovativo, genialmente fuori dagli schemi.

Foto
Roberto Cifarelli.

Tags

Related Video

comments powered by Disqus

More Articles

Read Redwood City Salsa Festival 2017 Live Reviews Redwood City Salsa Festival 2017
by Walter Atkins
Published: October 17, 2017
Read AJAZZGO Festival in Cali, Colombia Live Reviews AJAZZGO Festival in Cali, Colombia
by Mark Holston
Published: October 13, 2017
Read CEO Experiment With Kurt Rosenwinkel at The Sugar Club Live Reviews CEO Experiment With Kurt Rosenwinkel at The Sugar Club
by Ian Patterson
Published: October 11, 2017
Read "Jazzkaar 2017" Live Reviews Jazzkaar 2017
by Martin Longley
Published: May 29, 2017
Read "Fred Hersch's Leaves Of Grass at Jazz at Lincoln Center" Live Reviews Fred Hersch's Leaves Of Grass at Jazz at Lincoln Center
by Dan Bilawsky
Published: September 26, 2017
Read "Jean Luc Ponty Band at the Boulder Theater" Live Reviews Jean Luc Ponty Band at the Boulder Theater
by Geoff Anderson
Published: June 17, 2017

Join the staff. Writers Wanted!

Develop a column, write album reviews, cover live shows, or conduct interviews.