All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

2

Bob James: Quartette Humaine

Luigi Sforza By

Sign in to view read count
Bob James: Quartette Humaine
Ventisette anni dopo Double Vision, la coppia David SanbornBob James torna insieme, per la rinata Okeh, con un nuovo album, Quartette Humaine, in cui si affrontano con estrema cura e con accattivante generosità temi altamente orecchiabili e un repertorio musicale cristallino.

Delle nove tracce del disco —nato come omaggio alla musicalità del Dave Brubeck Quartet dei primi anni '50—almeno due, "You Better Not Go to College" di Sanborn e "Follow Me" di James, si rifanno chiaramente al repertorio del pianista scomparso il 5 dicembre del 2012 (una settimana prima dell'inizio delle registrazioni). Il primo richiama anche nel titolo gli album Jazz at the College of the Pacific e Jazz Goes to College, il secondo è invece più ricco di elementi riconducibili al celebre "Blue Rondò à la Turk." Tuttavia, è soprattutto la tendenza a piacere ad un pubblico non solo di jazzofili ad accomunare la coppia Sanborn-James a Dave Brubeck.

Per quanto meno incline di Double Vision a seguire le mode di mercato, Quartette Humaine risente delle frequentazioni dei musicisti col mondo del music business (serial televisivi compresi). Se ne ricava un jazz di tradizione, ben fatto, impeccabile, pulito, melodioso, sicuramente affrancato dal ricercare nuovi scenari, e solo in parte tentato da derive smooth in versione acustica (come nel caso del latineggiante "Montezuma" e del funk/R&B "Deep in the Weeds").

Agli strazanti (acuti) quanto rassicuranti suoni dei sassofoni di Sanborn si susseguono, placide e lineari, le note pianistiche di James, in un programma condiviso di astrazioni cool jazz e di propensione al lirismo. Insieme le "voci" di piano e sax dichiarano egregiamente, in un crescendo di consonanti incastri, il raggiungimento di punte di grande valore in brani sia lenti ("Sofia") sia dall'andamento medio ("Another Time, Another Place" e "Genevieve"). Inoltre, la sezione ritmica, affidata a James Genus e Steve Gadd, è un meccanismo perfetto, stabilizzato sulla stessa frequenza dei leader.

Esempio notevole di modernismo ancorato alla tradizione, Quartette Humaine non ha niente di meccanico, anche se a tratti l'estrema e impeccabile precisione esecutiva conferisce paradossalmente un leggero carattere di costumanza.

Track Listing

You Better Not Go To College; Geste Humaine; Sofia; Follow Me; My Old Flame; Another Time, Another Place; Montezuma; Genevieve; Deep In The Weeds.

Personnel

Bob James: piano; David Sanborn: alto saxophone, soprano saxophone, sopranino saxophone; Steve Gadd: drums; James Genus: bass; Javier Diaz.

Album information

Title: Quartette Humaine | Year Released: 2013 | Record Label: Okeh

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

Read Data Lords
Data Lords
Maria Schneider Orchestra
Read Sleepy Town
Sleepy Town
Jamie Pregnell
Read Momento
Momento
Dave Milligan
Read Peace
Peace
Spirit Fingers
Read Warmer Than Blood
Warmer Than Blood
Chris Montague
Read Off Brand
Off Brand
Collage Project
Read Expanding Light
Expanding Light
Whit Dickey Trio
Read Iron Starlet
Iron Starlet
Connie Han

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, shelter in place and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary effort that will help musicians now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the bottom right video ad). Thank you.

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.