All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

1

David Torn: Prezens

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
David Torn torna a casa base dopo vent’anni e non si lascia scappare l’occasione per posare una nuova pietra miliare per la musica creativa strutturata sulle macerie del jazz e del rock. L’eccellente Cloud About Mercury era uscito nel 1986 per l’ECM e aveva marcato con forza quegli anni piuttosto avari di soddisfazioni per la musica giovane e folle che non si fermava davanti a nulla.

Successivamente c’erano state altre uscite per etichette minori, gravi problemi di salute che per un attimo erano sembrati addirittura insuperabili, una faticosa riabilitazione con la zavorra di danni permanenti all’udito (fortunatamente limitati ad un solo lato), molto lavoro come sound engineer e produttore, molte colonne sonore e progetti che si muovevano nell’ombra. Non era ben chiaro se i postumi devastanti per l’udito di Torn avrebbero mai consentito nuovi capolavori e la prosecuzione a 360 gradi di quella carriera come pifferaio magico per la musica a cavallo fra jazz, rock ed elettronica che sembrava essere alla sua portata alla fine degli anni ottanta.

Fortunatamente la risposta arriva ora forte e chiara: David Torn è di nuovo sul trono, la sua follia creativa, la sua innata capacità di manipolare il suono è di nuovo all’altezza della sua fama. I suoi compagni di viaggio sono di primissimo rango e lo assecondano alla perfezione. Il sax brulicante di idee e carico di energia di Tim Berne si erge incalzante e subisce senza paure il trattamento sonico che Torn applica incessantemente non solo ai suoni che escono dai pick-up della sua chitarra ma anche alle brume sonore che gli crescono attorno.

Le tastiere di Craig Taborn (fondamentalmente il piano elettrico Fender Rhodes, l’organo Hammond B3 e il sempre fascinoso Mellotron) creano l’aura perfetta per gli schizzi di melodia che arrivano da Torn e da Berne, il giusto contesto, carico di nuvole minacciose che grondano di pioggia nerastra, sul quale rilucono in maniera spettacolare i bagliori dei fulmini evocati da Torn. La batteria di Tom Rainey è nervosa, allucinata, frastagliata. Mai rigida, sempre flessibile. Potente nei momenti in cui emergono riff angolari e contorti, sottile quando l’aria si fa più secca e dilatata. La sua scansione ritmica è incalzante e propulsiva, una dinamo che si ricarica senza fine e fornisce l’energia per il moto perpetuo dei suoi compagni interplanetari, senza far notare l’assenza del basso nella strumentazione di base.

Il ritorno del figliuol prodigo Torn non poteva produrre frutti più succosi. La sua musica è pervasa come non mai da vivide seduzioni cariche di profumi talmente esoterici che ti fanno pensare che arrivano da altri mondi, da altri pianeti, da altri sistemi. Presenze aliene legate indissolubilmente a universi ancora più distanti di Mercurio e allo stesso tempo vicinissimi al centro della nostra mente.


Track Listing: Ak; Rest & Unrest; Structural Functions of Prezens; Bulbs; Them Buried Standing; Sink; Neck- deep in the Harrow...; Ever More Other; Ring for Endless Travel; Miss Place, the Mist...; Transmit Regardless.

Personnel: David Torn: guitars, live sampling and manipulation; alto saxophone; Craig Taborn: Fender Rhodes piano, Hammond organ, mellotron, bent circuits; Tom Rainey: drums; Matt Chamberlain: additional drums (10).

Title: Prezens | Year Released: 2007 | Record Label: ECM Records

Tags

comments powered by Disqus

Interviews
Live Reviews
Album Reviews
Live Reviews
Extended Analysis
Live Reviews
Interviews
Album Reviews
Podcast
Album Reviews
Podcast
Album Reviews
Read more articles
Sun Of Goldfinger

Sun Of Goldfinger

ECM Records
2019

buy
only sky

only sky

ECM Records
2015

buy
Prezens

Prezens

ECM Records
2007

buy
 

What Means Solid,...

Cristal Records
2004

buy
 

The David Torn...

Cristal Records
1998

buy
 

GTR OBLQ

Cristal Records
1998

buy

Upcoming Shows

Date Detail Price
Mar13Wed
Sun Of Goldfinger
Zebulon
Los Angeles , CA
$20
Mar15Fri
Sun Of Goldfinger
The Royal Room
Seattle, WA
$20
Mar18Mon
Sun Of Goldfinger
Icehouse
Minneapolis, MN
$20
Mar18Mon
Ches Smith, David Torn
Dakota Jazz Club & Restaurant
Minneapolis, MN
Mar19Tue
Sun Of Goldfinger
Arts + Literature Laboratory
Madison, WI
$20
Mar20Wed
Sun Of Goldfinger (tim Berne, David Torn, Ches Smith)
Spirit
Pittsburgh, PA
$25-30
Mar21Thu
Sun Of Goldfinger
Nublu 151
new york, NY
$20

Shop

Start your shopping here and you'll support All About Jazz in the process. Learn how.

Related Articles

Read In Between the Tumbling a Stillness Album Reviews
In Between the Tumbling a Stillness
By Karl Ackermann
February 20, 2019
Read Gary Album Reviews
Gary
By Dan McClenaghan
February 20, 2019
Read Perception Album Reviews
Perception
By Paul Rauch
February 20, 2019
Read I Love the Rhythm in a Riff Album Reviews
I Love the Rhythm in a Riff
By Mackenzie Horne
February 20, 2019
Read Head First Album Reviews
Head First
By Roger Farbey
February 20, 2019
Read New American Songbooks, Volume 2 Album Reviews
New American Songbooks, Volume 2
By Karl Ackermann
February 19, 2019
Read Live At JazzCase Album Reviews
Live At JazzCase
By Troy Dostert
February 19, 2019