1

Rob Mosher: Polebridge

Alberto Bazzurro By

Sign in to view read count
Rob Mosher: Polebridge Polebridge è una piccola località del Montana a un tiro di schioppo da quel Canada da cui Rob Mosher, polistrumentista ad ancia e compositore, proviene (attualmente vive a Brooklyn). Con tutta evidenza immune da soverchi limiti stilistici, Mosher dichiara esplicitamente che il suo intento è mischiare un bel po' di cose insieme: musica da camera, o classica tout court (cita esplicitamente Schumann e Prokofiev), con stilemi squisitamente country & western (non a caso Stephanie Nilles si divide fra un canonicissimo piano a coda e un ruspante piano verticale da saloon), musica da film (almeno questa è spesso l'impressione che si ha), ballabili vari, turgori klezmer e altro ancora.

L'ascoltatore, di fronte a tutto questo ben di Dio, rimane all'inizio un po' spiazzato. Poi inizia ad apprezzare ciò che attimo dopo attimo gli si dischiude davanti: il chiaro disegno architettonico, la perfezione degli incastri, la costante attenzione timbrica, qualche tutt'altro che disprezzabile apertura all'improvvisazione.

Una musica non agevole da raccontare e ancor meno da incasellare (il che è ovviamente tutt'altro che un difetto), con un gusto per il divertissement inesauribile, ma anche eleganza, arguzia e un chiaro disegno di fondo.

Magari non transiteranno di qui i grandi sistemi della musica contemporanea, ma certo anche tutto ciò che questo album (autoprodotto) racchiude ha assoluto diritto di cittadinanza in un universo in cui il meticciato è come non mai all'ordine del giorno. Con qualche genericità e qualche calligrafismo che qui, per la verità, sono quasi sempre abilmente elusi.

Track Listing: Pass the Beer Bread; Rango’s Tango; Marigold; Sketch #1; Sketch #2; North by Northwest; The Klesmanaughts; Around the Bend; Parade of Two; Didn’t Ask (Breathe Now); Sketch #3; Cowboy Ben.

Personnel: Rob Mosher: sax soprano, clarinetto, corno inglese; Micah Killon: tromba; John Marcus: violino; Stephanie Nilles: pianoforte, piano verticale da saloon, organo, voce; Andrew Small: contrabbasso, viola; Petr Cancura: mandolino; Peter Lutek: fagotto, clarinetto contralto.

Year Released: 2013 | Record Label: Self Produced


Related Video

Shop

More Articles

Read LifeCycle CD/LP/Track Review LifeCycle
by Dan Bilawsky
Published: April 23, 2017
Read Right Up On CD/LP/Track Review Right Up On
by Roger Farbey
Published: April 23, 2017
Read Wanderlust CD/LP/Track Review Wanderlust
by Bruce Lindsay
Published: April 23, 2017
Read Imagination CD/LP/Track Review Imagination
by Geannine Reid
Published: April 23, 2017
Read Evolution CD/LP/Track Review Evolution
by Greg Simmons
Published: April 23, 2017
Read On A Monday Evening CD/LP/Track Review On A Monday Evening
by Dan McClenaghan
Published: April 22, 2017
Read "The Duke Box 2" CD/LP/Track Review The Duke Box 2
by Chris Mosey
Published: December 14, 2016
Read "Loafer's Hollow" CD/LP/Track Review Loafer's Hollow
by Mark Sullivan
Published: March 4, 2017
Read "Moving Still" CD/LP/Track Review Moving Still
by Dan Bilawsky
Published: October 5, 2016
Read "Eastern Smiles" CD/LP/Track Review Eastern Smiles
by Ian Patterson
Published: August 21, 2016
Read "June" CD/LP/Track Review June
by Karl Ackermann
Published: February 19, 2017
Read "Expanding Heart" CD/LP/Track Review Expanding Heart
by Dan Bilawsky
Published: October 21, 2016

Post a comment

comments powered by Disqus

Support All About Jazz's Future

We need your help and we have a deal. Contribute $20 and we'll hide the six Google ads that appear on every page for a full year!