All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

0

Michel Reis: Point of No Return

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Un pianista che è un portento. 28 anni, da Lussemburgo a New York ha bruciato tutte le tappe di una carriera che si fa sempre più luminosa. Al terzo disco, dopo A Young Mind e Fairytale, il pianista mette subito in chiaro che non è certo qui di passaggio.

Lo dimostra subito con "The Power of Beauty". L'ostinato prodotto dalla sua mano sinistra ha un afflato rock, monta su come un'onda che si ingrossa fino a infrangersi sul bagnasciuga. "Folk Song" è puro lirismo. Sembra una ballad al chiaro di luna. Le note sono centellinate e scelte una per una. Le accarezza, le coccola e poi le libera in tutta la loro espressività. Michel non ama i fronzoli né i convenevoli, il quartetto che lo sorregge abbellisce la dove è possibile. Anche se già di per sé, il pianista riesce a parlarci direttamente con la sua tecnica.

Tutto sembra al posto giusto. Intimismo, pura contemplazione impressionistica. "Sailing Away at Night" è un viaggio cinematico che parte con ritmiche sostenute e lievemente bop. Le note di Reis sono lucciole nella notte: indicano una strada che può con-fondersi facilmente. Poi scende piano come un velo sulla pelle e le note cercano quasi l'apnea e i silenzi ovattati. Il solo del musicista fa capire tutta la profondità e il silenzio garbato della notte vissuta per mare.

L'espressività ha un che di teatrale: è una commedia musicale che vive a orecchie e occhi aperti. Non è un caso che Reis riconosca di essersi ispirato al cinema, alla raffigurazione cinematica, ai piani sequenza ininterrotti. Il movimento discendente di "It's Only Been a Dream" fa incontrare come d'incanto Fellini e Truffaut, Rota e Morricone, la Francia e il Mediterraneo. Ancora, il potere evocatico della title track propone la forza e l'eleganza di una mano sinistra indissolubile e d'acciaio e di una destra agile come una lepre.

Le tre composizioni finali ("Street of Memories," "Leaning in Towards Tomorrow" e "The Sad Clown") sono il lasciapassare finale alle ambizioni inarrestabili di Michel Reis.

Track Listing: The Power of Beauty; Folk Song; Sailing Away at Night; It's Only Been a Dream; Point of No Return; Riverside Drive; Street of Memories; Leaning Towards Tomorrow; The Sad Clown.

Personnel: Michel Reis: piano; Tal Gamlieli: bass; Adam Cruz: drums; Vivek Patel: flugelhorn (1, 4, 6); Aaron Kruziki: soprano saxophone (1).

Title: Point of No Return | Year Released: 2011 | Record Label: Armored Records

About Michel Reis
Articles | Calendar | Discography | Photos | More...

Tags

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related Articles

Read Traslaciones
Traslaciones
By Jack Bowers
Read La Proxima
La Proxima
By Dan McClenaghan
Read Combobulated
Combobulated
By John Sharpe
Read Travel Sketches
Travel Sketches
By Chris May
Read Plastic Polaroid
Plastic Polaroid
By Geno Thackara
Read scary beautiful
scary beautiful
By Nicholas F. Mondello