All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

Gianni Lenoci, Kent Carter, Bill Elgart: Plaything

Libero Farnè By

Sign in to view read count
Gianni Lenoci, Kent Carter, Bill Elgart: Plaything
Ancor più di altre incisioni più o meno recenti, Plaything conferma la dimensione "internazionale" della musica di Gianni Lenoci. Non solo perché il pianista barese, per quanto solitamente appartato e schivo, non esposto quanto si vorrebbe nel circuito concertistico, si relaziona e dialoga abitualmente con improvvisatori stranieri d'indiscussa levatura, ma soprattutto per la grana qualitativa e la direzione del suo approccio, tutt'altro che provinciale o allineato su tentativi di ammiccante etnojazz mediterraneo oggi di moda, ma piuttosto appartenente di buon diritto all'internazionalismo della ricerca collettiva di matrice free.

Il disco, disponibile in LP a tiratura limitata ma scaricabile on line in MP3, è frutto di un laboratorio per compositori jazz promosso ogni anno da Kent Carter a Juillaguet, piccola località della Francia centroccidentale: nell'ottobre 2012 ospite era il nostro Lenoci. Cinque dei sette brani sono appunto a firma del pianista, anche se il disco risulta come paritario. Fra questi brani spiccano "Spider Diagram" e "Kretek" d'impronta decisamente lacyana: il primo si basa su una scala ascendente evocativa e sospesa, che dà l'avvio a frasi dapprima frammentarie dall'inflessione malinconica, poi dal senso narrativo più concatenato e filante. La scala discendente che caratterizza "Kretek," più decisa, si trasforma in uno sviluppo dalle movenze più contrastate, in cui la diteggiatura e la complessità armonica sembrano rivisitare modalità del free tayloriano. In "Leeway" prevalgono al contrario rarefatti gesti sonori, un cupo e minuto rumorismo, che si fa via via più inquietante per poi dileguarsi indefinito così come era nato.

In ogni caso i brani di Lenoci si avvalgono dei frastagliati contributi di Carter e Elgart, che conferiscono concretezza e varietà d'idee, di dinamiche e di timbri ad un rapporto di simbiotico interplay. È appunto il contrabbassista americano l'autore del brano d'apertura, il noto "Plaything" dall'andamento dinoccolato: anche questo tema richiama alla memoria il periodo più folgorante di Steve Lacy, che sembra fungere da nume tutelare e comune riferimento per i membri di questo trio.
Il lungo "Drift," con cui si chiude degnamente il disco, è invece a firma del percussionista e concretizza inizialmente una linea pensosa e delicata che può ricordare quella di "Spider Diagram," per poi accentuare la sua atmosfera onirica e vorticosa.

Track Listing

Plaything; Splinter; Contusion; Spider Diagram; Leeway; Kretek; Drift.

Personnel

Gianni Lenoci: piano; Kent Carter: bass; Bill Elgart: drums.

Album information

Title: Plaything | Year Released: 2015 | Record Label: NoBusiness Records

Post a comment about this album

Listen

Watch

Tags

Jazz Near Naples
Events Guide | Venue Guide | Get App | More...

Shop Amazon

More

Sing To The World
Benito Gonzalez
Quasar-Mach
Jeffrey Morgan
Inspirations
Mindaugas Stumbras
Genealogy
CODE Quartet
First Mile
Lamb Anderson Sorgen
What are the Odds?
Dennis Winge

Popular

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded albums and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, limited reopenings and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary step that will help musicians and venues now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the sticky footer ad). Thank you!

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.