1

Helga Plankensteiner: Plankton

Paolo Peviani By

Sign in to view read count
Helga Plankensteiner: Plankton Come il plancton si lascia portare dalle onde del mare, la musica del nuovo progetto internazionale di Helga Plankensteiner spazia con grande scioltezza tra diversi stili.

Le note di copertina del CD, che per una volta descrivono e riassumono molto bene le atmosfere contenute nell'album, si aprono con questa puntuale considerazione.

E noi ci permettiamo di aggiungerne altre due. Innanzitutto, il plancton è anche un prezioso nutrimento, così come la buona musica—e in questo CD ce n'è molta—è prezioso cibo per la mente. E infine, Plankton è un gioco di parole che combina il nome della leader con il sostantivo "Ton" (in tedesco, "suono"), e dunque che racchiude in sé l'essenza di questo disco.

Perché Plankton è un album in cui si ritrovano davvero tutte le linee guida artistiche ed estetiche che da sempre caratterizzano il percorso musicale di Helga Plankensteiner. Dall'amore per le song della tradizione ("They Can't Take That Away from Me") a quello per le big band ("Loo"). Dalla complessità affrontata con leggerezza ("The Never Ending Blues") all'energia più torrida ("No Ballad No Crime"), al gusto per le atmosfere retró ("Comes Love").

Ed anche l'organico del sestetto pare riflettere le varie anime musicali della sassofonista, che qui si riserva il ruolo (razionale) di organizzatrice di suoni. Matthias Schriefl e Gerhard Gschloeßl, musicalmente parlando due pazzi scatenati, rappresentano l'estro e la follia. Miki Lösch lo sguardo distaccato, il guizzo ironico. Enrico Terragnoli la creatività sottile, mai sfrontata ma illuminante. Nelide Bandello la solidità di una pulsazione su cui puoi sempre contare.

Un album bello e godibile, una musica che su CD risulta molto misurata nelle dinamiche, ma che nelle esecuzioni dal vivo (lo abbiamo constatato personalmente) esplode in tutta la sua energia ed espressività.

Track Listing: Loo; The Never Ending Blues; Comes Love; 4. Quentin; 5. Meister Schriefl; 6. They Can't Take That Away from Me; No Ballad No Crime; Tangomatango; Tears.

Personnel: Helga Plankensteiner: sax baritono, voce; Matthias Schriefl: tromba; Gerhard Gschloeßl: trombone; Enrico Terragnoli: chitarra, banjo; Michael Lösch: organo Hammond, pianoforte; Nelide Bandello: batteria.

Year Released: 2013 | Record Label: Jazzwerkstatt | Style: Straight-ahead/Mainstream


Related Video

comments powered by Disqus

Shop

More Articles

Read The Big Wig CD/LP/Track Review The Big Wig
by Ian Patterson
Published: May 24, 2017
Read The Dreamer Is the Dream CD/LP/Track Review The Dreamer Is the Dream
by Mark Sullivan
Published: May 24, 2017
Read Bill Evans – Another Time: The Hilversum Concert CD/LP/Track Review Bill Evans – Another Time: The Hilversum Concert
by C. Michael Bailey
Published: May 24, 2017
Read The Failure of Words CD/LP/Track Review The Failure of Words
by Glenn Astarita
Published: May 24, 2017
Read Groove Dreams CD/LP/Track Review Groove Dreams
by Dan Bilawsky
Published: May 23, 2017
Read Kami Fusen CD/LP/Track Review Kami Fusen
by Glenn Astarita
Published: May 23, 2017
Read "Intenso!" CD/LP/Track Review Intenso!
by Roger Farbey
Published: November 1, 2016
Read "Uh Oh!" CD/LP/Track Review Uh Oh!
by Jack Bowers
Published: June 30, 2016
Read "Comes Love - A Tribute To Ella Fitzgerald And Joe Pass" CD/LP/Track Review Comes Love - A Tribute To Ella Fitzgerald And Joe Pass
by Dan Bilawsky
Published: April 6, 2017
Read "Light Shines In" CD/LP/Track Review Light Shines In
by Glenn Astarita
Published: December 2, 2016
Read "Currents 0" CD/LP/Track Review Currents 0
by Karl Ackermann
Published: April 18, 2017
Read "April" CD/LP/Track Review April
by Dan Bilawsky
Published: January 29, 2017

Why wait?

Support All About Jazz and we'll deliver exclusive content, hide ads, hide slide-outs, and provide read access to our future articles.

Buy it!