All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

Steve Swell: Planet Dream

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Steve Swell: Planet Dream
La costruzione di un processo creativo condiviso è sempre stata la centro dell'interesse del trombonista Steve Swell, musicista le cui notevoli qualità di improvvisatore non sempre trovano il giusto riconoscimento. Planet Dream, in trio con il sax contralto di Rob Brown e il violoncello di Daniel Levin, si muove proprio sulla condivisione delle traiettorie improvvisative, sulla creazione di un obbiettivo espressivo comune che si nutre delle identità dei singoli musicisti per aprirne il lessico all'inaspettato.

In questo senso, il preciso richiamo che Swell fa, nelle note di copertina, alla figura di William Parker [della cui Little Huey Creative Orchestra è, insieme a Brown, un componente fondamentale] è piuttosto eloquente: questo "pianeta dei sogni" è un luogo dove, nelle parole del musicista, "l'accettazione di se stessi, l'accettazione del cambiamento e l'accettazione degli altri con la loro musica e come l'aria che respiriamo".

Alternando temi scritti a improvvisazioni libere, con una forte attitudine all'astrazione che viene però spesso ricondotta - attraverso un senso del blues lacerato e attualissimo nelle sue fibrillazioni—a un'umanità dai tratti riconoscibili, dolente [i glissando che sia il trombone che il violoncello usano in funzione espressionistica e vocalizzante] ma mai sfiduciata, il trio mette in atto una serie di strategie creative che, se talvolta non hanno nell'immediatezza il loro punto di forza, riescono comunque a non suonare mai autoreferenziali o aride.

A volte entrano in gioco richiami quasi inconsci [pensiamo ai fantasmi di Abdul Wadud e Julius Hemphill, stemperati da una rinnovata ibridazione del gesto] e una semplicità ancestrale, come nell'ostinarsi di "Airtight," ma il piacere di ascolti ripetuti svela continui piani di scambio emotivo, oltre che sonoro. Non facilissimo in certi momenti e forse meno sognante di quanto non preannunci il titolo, ma davvero denso di musica.

Personnel

Steve Swell: trombone.

Album information

Title: Planet Dream | Year Released: 2009 | Record Label: hat ART

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

Solitude
Rich Pellegrin
Ain't No Storm
Caleb Wheeler Curtis
Odd Wisdom
Diego Pinera
Secret Suite
Nick Lombardelli
The One And The Other
Lara Solnicki
Flatbosc & Cautery
Frank Gratkowski, Achim Kaufmann, Wilbert de...
Shuffling Ivories
Roberto Magris

Popular

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded albums and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, limited reopenings and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary step that will help musicians and venues now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the sticky footer ad). Thank you!

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.