All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

1

Enten Eller: Pietas

Claudio Bonomi By

Sign in to view read count
Enten Eller: Pietas
25 anni portati benissimo. Parliamo degli Enten Eller, oggi uno dei più vispi e concreti quartetti che il jazz tricolore possa vantare, le cui radici risalgono appunto a circa un quarto di secolo fa, intorno al 1986 quando l'ensemble fondato dal batterista e percussionista Massimo Barbiero, allora ventitreenne, e dal chitarrista elettrico Maurizio Brunod, entrambi piemontesi, comincia a muovere i primi passi. Il debutto discografico risale all'anno successivo, nel 1987, con l'album Streghe, ottima prima prova in chiave "jazz mediterraneo."

Da allora di acqua, ma sarebbe meglio dire musica, ne è passata sotto i ponti e gli Enten Eller hanno tenuto sempre la schiena dritta, generando un jazz "che lotta contro l'oblio," come racconta lo stesso Barbiero nelle eccellenti note di copertina di Pietas (l'estensore è il giornalista e scrittore varesino Davide Ielminio) "Non il jazz-aggiunge il batterista-che intrattiene e consola, perchè quella è musica che tradisce le sue radici e le sue motivazioni sociali. In Italia sembra che anche il jazz abbia abdicato da tempo ad un impegno culturale." Già, più chiaro di così.

In Pietas Barbiero e Brunod sono affiancati dai "veterani" Alberto Mandarini alla tromba e flicorno e Giovanni Maier al contrabbasso. Special guest è il sassofonista Javier Girotto, vecchia conoscenza della band. Sono sette le tracce che compongono Pietas, registrate dal vivo all'Open Jazz Festival di Bollengo (To) e tutte sono frutto di improvvisazioni che a strati nel tempo hanno plasmato architetture, ritmi e melodie. Una musica spesso spigolosa e ispida, ma non per questo meno affascinante proprio per essere il frutto di un mélange di influenze non solo di matrice afroamericana, ma anche europea.

Un approccio storicamente trasversale ai generi, quello degli Enten Eller, avendo sempre come orizzonte le musiche popolari del pianeta. E non è un caso che uno dei brani più riusciti sia il tango obliquo, "Stinko Tango," di Maurizio Brunod. Memorabile anche l'esecuzione di "Indaco" di Alberto Mandarini, da sola vale l'acquisto del CD.

Track Listing

L'Abbandono; Ode to Morton Feldman; Indaco; Sidera Maris; Pietas; Stinko Tango; Pragma.

Personnel

Alberto Mandarini: tromba, flicorno; Maurizio Brunod: chitarra elettrica, loop; Giovanni Maier: contrabbasso; Massimo Barbiero: batteria e percussioni; Javier Girotto: sassofono soprano, flauto.

Album information

Title: Pietas | Year Released: 2014 | Record Label: Splasc(H) Records

Post a comment about this album

Watch

Tags

Shop Amazon

More

Squirmin'
Jazz WORMS
Glowing Life
Sylvaine Hélary
All Figured Out
Derek Brown
Taftalidze Shuffle
Vlatko Stefanovski
Entendre
Nik Bartsch

Popular

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded albums and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, limited reopenings and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary step that will help musicians and venues now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the sticky footer ad). Thank you!

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.