All About Jazz

Home » Tag Center » Tag: Tigran Hamasyan

Content by tag "Tigran Hamasyan"

ARTICLE: INTERVIEWS

Linda May Han Oh: Talento e Dedizione

Read "Linda May Han Oh: Talento e Dedizione" reviewed by Angelo Leonardi

Tra i bassisti di nuova generazione--nello strumento sia acustico che elettrico--il ruolo di Linda May Han Oh spicca per il lavoro svolto sia come bandleader che partner di protagonisti come Pat Metheny, Dave Douglas, Vijay Iyer, Joe Lovano o Kenny Barron. Nel 2017 ha pubblicato il quarto album a suo nome Walk Against Wind (Biophilia Records) ...

ARTICLE: CD/LP/TRACK REVIEW

Tigran Hamasyan: For Gyumri

Read "For Gyumri" reviewed by Nenad Georgievski

Even on this shorter album, Armenian pianist and composer Tigran Hamasyan displays a tireless ambition with his compositions, performances and eclectic approach. Over the course of his career, this young artist has released a wildly diverse stylistic set of releases that portray his eclectic and sometimes contrasting music tastes. The muse knows no borders or limits ...

ARTICLE: BEST OF / YEAR END

Il Meglio del 2017 Secondo Luca Vitali

Read "Il Meglio del 2017 Secondo Luca Vitali" reviewed by Luca Vitali

Un'annata buona, caratterizzata da alcuni graditi ritorni fuori dai canonici confini del jazz: Arto Lindsay, a tredici anni dal precedente «Salt», Jon Balke, con il secondo capitolo dedicato alla musica arabo andalusa di «Siwan», e in ultimo (ma non per importanza) John Lurie, che dopo diciassette anni di oblio forzato è tornato a farci visita nei ...

ARTICLE: IN PICTURES
ARTICLE: CD/LP/TRACK REVIEW

Mark Guiliana Jazz Quartet: Jersey

Read "Jersey" reviewed by Vic Albani

Ho conosciuto Mark Guiliana una decina di anni fa in un ristorante di Parigi al tempo di una delle sue prime tante collaborazioni con Dhafer Youssef e (in quel caso) con Tigran Hamasyan. A parte l'ininfluente curiosità ovviamente “italiana" di quello strano cognome che sembrava frutto di un classico errore di trascrizione dell'ufficio anagrafe di Floram ...

ARTICLE: LIVE REVIEWS

Fano Jazz By The Sea 2017

Read "Fano Jazz By The Sea 2017" reviewed by Libero Farnè

Fano Jazz by the Sea
Fano
Varie sedi
22-30.7.2017

Quest'anno c'era qualcosa di nuovo sotto il sole, anzi sul mare di Fano. Una prima disorientante sfasatura, di natura visiva, rispetto al passato era costituita dall'assenza, sui programmi di sala e sul palco dei concerti, della storica immagine che riproduceva una ...

Tigran Hamasyan, Arve Henriksen, Eivind Aarset, Jan Bang: Atmosphères

Read "Atmosphères" reviewed by Rosarita Crisafi

Un suggestivo doppio album per l'etichetta ECM mostra il volto misterioso e affascinante di un quartetto di fuoriclasse. In primis l'enfant prodige Tigran Hamasyan, giovane pianista americano di origine armena di eccezionale talento capace di scavalcare con agilità le barriere del jazz. Assieme a Hamasyan alcune vecchie conoscenze dell'etichetta discografica tedesca, il musicista e produttore discografico ...

ARTICLE: LIVE REVIEWS

Jazzkaar 2017

Read "Jazzkaar 2017" reviewed by Martin Longley

Jazzkaar 2017
Tallinn, Estonia
April 21-30, 2017

Jazzkaar covers most territories. This exceptional 10-day festival presents the best players on the indigenous Estonian scene, imports big-name acts from the USA, and also invites some choice artists from around the rest of Europe. Some shows represent jazz in mainstream mode, whilst ...

Joachim Kühn/Chris Jennings/Eric Schaefer: Beauty & Truth

Read "Beauty & Truth" reviewed by Karl Ackermann

German born pianist/composer Joachim Kühn is not without a global following though it's a shame that he is not more widely recognized in the US. Having spent much of his professional life in Paris, he did occupy some time between, residing in California. His musical interests are as broad as the roster of top-tier artists he ...

ARTICLE: BEST OF / YEAR END

Il meglio del 2016 secondo Luca Vitali

Read "Il meglio del 2016 secondo Luca Vitali" reviewed by Luca Vitali

Un 2016 iniziato sotto la stella nera di Bowie e la sua dipartita inimmaginabile e, verrebbe da dire, teatrale... come sempre. Blackstar per mille ragioni è il mio disco dell'anno, ma l'uomo che cadde sulla Terra è tornato su Marte e ci guarda da una diversa prospettiva...

Quaggiù, è stata un'annata niente male che ...