All About Jazz

Home » Tag Center » Tag: Point of Departure, WMPG-FM

Content by tag "Point of Departure, WMPG-FM"

ARTICLE: CD/LP/TRACK REVIEW

Pascal Le Boeuf: Pascal’s Triangle

Read "Pascal’s Triangle" reviewed by AAJ Italy Staff

La musica di Pascal's Triangle si sviluppa nell'alveo di un modern mainstream, basato sul solido interplay dei musicisti. Va elogiato lo sforzo compositivo del leader, autore delle otto composizioni originali del CD. Spiccano linee melodiche morbide e temi godibili, con prevalenza dei tempi medi. Abbandonate per il momento le suggestioni dell'elettronica, l'eclettico leader dà vita ad ...

ARTICLE: CD/LP/TRACK REVIEW

Acquaphonica: Private Enemy

Read "Private Enemy" reviewed by AAJ Italy Staff

Federica Colangelo - pianista romana di studi classici a Londra, poi jazzistici a Roma (con Gwiss) e in Olanda (tra gli altri con John Taylor) - riunisce una band internazionale - statunitense il sassofonista, olandese il chitarrista, bulgaro il contrabbassista, lettone il batterista - per registrare (in Germania!) quest'opera prima di Acquaphonica, quintetto che suona assieme ...

ARTICLE: CD/LP/TRACK REVIEW

Sedo: Sedo

Read "Sedo" reviewed by AAJ Italy Staff

Strano e di difficile collocazione sugli scaffali (che è sempre un bene) questo trio composto dal pianista Daniele Tione (clicca qui per leggere la recensione del suo disco in solo, Nightglow), dal percussionista Gigi Biolcati (già nell'originale trio Alboran, ma anche membro di Banditaliana, quartetto di Riccardo Tesi) e dalla cantante Eleonora Simeone. La particolarità sta nell'eclettismo ...

Miguel Zenon: Oye!!! - Live In Puerto Rico

Read "Oye!!! - Live In Puerto Rico" reviewed by AAJ Italy Staff

Il sassofonista portoricano ha formato il Rhythm Collective un decennio fa per partecipare a un tour in Africa occidentale promosso dal Dipartimento di Stato americano e dal Kennedy Center. Quell'esperienza è stata talmente significativa per i componenti del gruppo - tutti portoricani - che ha continuato a vivere, alimentato dai presupposti iniziali che prevedevano di esaltare l'aspetto ritmico/percussivo. La ...

Will Scruggs Jazz Fellowship: Song of Simeon

Read "Song of Simeon" reviewed by AAJ Italy Staff

"Aiuto, un disco di Natale!". Questo più o meno è stato il pensiero di chi scrive, all'apertura della confezione che conteneva l'oggetto di questa recensione. Ma il sassofonista di Atlanta Will Scruggs, con i suoi Jazz Fellowship, è riuscito nell'ardua impresa: far risultare meno indigesto il repertorio natalizio. Perché uno, da un disco che ha per sottotitolo ...

The Kevin Harris Project: Museum Vo. 1

Read "Museum Vo. 1" reviewed by AAJ Italy Staff

Un riassunto della storia del jazz newyorchese in otto brani: si può definire così Museum Vol. 1, il nuovo disco del Kevin Harris Project. Kevin Harris è un pianista originario di Boston, ma, come molti suoi colleghi-concittadini, si è da tempo stabilito a New York. Ed assolutamente newyorkesi sono le sue radici musicali. Per quanto egli abbia ...

Claudio Ottaviano: Notturno

Read "Notturno" reviewed by AAJ Italy Staff

Contrabbassista in rapida ascesa, molto presente sulla scena jazzistica milanese, Claudio Ottaviano incide col suo pregevole trio comprendente Tino Tracanna ai sassofoni e Michele Franzini al pianoforte. Con compagni di tale levatura è scontato attendersi un prodotto di qualità ma l'album sorprende comunque per raffinatezza, cantabilità e intensità dei percorsi. Il disco di Ottaviano è sostanzialmente un concept album ...

Rafiq Bhatia: Strata EP

Read "Strata EP" reviewed by AAJ Italy Staff

È possibile condensare in meno di quindici minuti un'estetica musicale tutt'altro che monocorde o rigidamente indirizzata, con senso compiuto, peso specifico adeguato e rispetto della forma? A giudicare da questo Strata EP possiamo dire con tranquillità che Rafiq Bhatia ci è riuscito pienamente. Figlio di immigranti dell'Africa Orientale, nato e cresciuto in North Carolina, la musica come missione di vita, il ...

Leo Ciesa: Coat of Arms

Read "Coat of Arms" reviewed by AAJ Italy Staff

Leo Ciesa bazzica da anni gli ambienti off di mezzo mondo - prima di stabilirsi nel 1986 a New York ha vissuto in California, poi in Svezia e suonato nelle località più improbabili - facendo della sperimentazione, della ricerca e dell'anticonformismo la propria ragione artistica. Così lo si è visto frequentare per lungo tempo l'ensemble di avant-rock Doctor Nerve e ...

Songevity: See Dream Blues

Read "See Dream Blues" reviewed by AAJ Italy Staff

L'inizio di See Dream Blues è un tuffo nel passato. Si viene proiettati in piena era bop, nell'atmosfera di quei locali fumosi e chiassosi, dove si soffiavano note all'ultimo respiro fino a portare l'eccitazione a livelli quasi insostenibili, e dove regnava la sensazione di essere al centro del mondo. E “Catch You Cats" prende avvio con tanto di speaker ...