All About Jazz

Home » Tag Center » Tag: Alberto Bazzurro

Content by tag "Alberto Bazzurro"

Dylan Jack: Diagrams

Read "Diagrams" reviewed by Alberto Bazzurro

Il giovane batterista Dylan Jack, nativo del Massachusetts, ci presenta in questo album il suo quartetto e non si può dire che l'incontro non sia interessante: le geometrie del gruppo sono nette, chiare, il suo eloquio, e lo stesso equilibrio fra i vari strumenti, altrettanto, peraltro in un contesto che sa prendersi i suoi rischi, senza ...

Alexander Hawkins / Elaine Mitchener Quartet: UpRoot

Read "UpRoot" reviewed by Alberto Bazzurro

Alexander Hawkins, pianista avventuroso pur senza eccessivi salti nel vuoto, frequenta svariati organici, di cui questo --piano trio più voce --potrebbe anche apparire abbastanza usuale, se non fosse che poi, alla prova dei fatti, tutto procede abbastanza eccentrico rispetto a tale assunto.

La cointestataria del quartetto, la vocalista anglo-giamaicana Elaine Mitchener, per cominciare, ...

Ran Blake: Something To Live For

Read "Something To Live For" reviewed by Alberto Bazzurro

Con copertina diversa, torna a quasi diciannove anni dalla sua prima edizione (1999; incisione Boston, marzo '98) un album certamente prezioso (per quanto magari un po' discontinuo) di quel singolare pianista (e personaggio tout court) che è Ran Blake, oggi ottantatreenne. L'album si compone, adesso come allora, di diciannove brani, per lo più brevi o molto ...

Ryan Keberle, Frank Woeste: Reverso: Suite Ravel

Read "Reverso: Suite Ravel" reviewed by Alberto Bazzurro

Ryan Keberle, trentasettenne trombonista dell'Indiana, e Frank Woeste, quarantaduenne pianista di Hannover, il primo con alle spalle rendez-vous piuttosto variopinti (da David Bowie a Maria Schneider, da Wynton Marsalis a Woody Allen), il secondo ormai da una ventina d'anni inserito nel milieu jazzistico francese, si abbinano a una coppia di musicisti che sembrano in qualche modo ...

ARTICLE: LIVE REVIEWS

Open Papyrus Jazz Festival 2018

Read "Open Papyrus Jazz Festival 2018" reviewed by Alberto Bazzurro

Teatro Giacosa, Sala S. Marta, Caffè del Teatro
Ivrea
22-24.03.2017

Dopo l'anteprima del 17 marzo con Enten Eller e danza al Museo Garda, ancora la danza abbinata alla musica ha aperto in Sala S. Marta (i cui endemici problemi di acustica non sembrano purtroppo risolvibili) la tre giorni finale ...

Cristina Zavalloni: Special Moon

Read "Special Moon" reviewed by Alberto Bazzurro

La coerenza tematica (qui la luna, con tutta evidenza) non sempre è una garanzia verso altre coerenze. Quella stilistica, per esempio, al di là dell'eterogeneità del materiale riunito in questo album (Bellini e “Tintarella di luna" sono--e rimangono--piuttosto lontani, per fare un solo esempio). Il primo trittico di brani, in effetti, rappresenta già un bel caleidoscopio ...

ARTICLE: CD/LP/TRACK REVIEW

Samo Salamon, Szilard Mezei, Achille Succi: Planets of Kei

Read "Planets of Kei" reviewed by Alberto Bazzurro

Tre musicisti, un serbo, uno sloveno e un emiliano, ognuno per suo conto avvezzo a una musica ben altrimenti meditata e strutturata (specie il violista serbo), decidono di riunirsi in una di quelle che una volta si chiamavano “sedute d'improvvisazione" che il sottotitolo dell'album, Free Sessions Vol. 1, c'informa essere la prima di una serie, e ...

ARTICLE: CD/LP/TRACK REVIEW

Florian Stoffner, Paul Lovens, Rudi Mahall: Mein Freund der Baum

Read "Mein Freund der Baum" reviewed by Alberto Bazzurro

Svizzero, classe 1975, Florian Stoffner è il primo firmatario del disco di cui ci occupiamo, che lo vede interagire col cinquantunenne clarinettista tedesco Rudi Mahall e con un'autentica icona della free improvisation europea, Paul Lovens, in un lavoro che appunto l'aleatorietà più esplicita ed eloquente pratica senza mezzi termini. Con tutto il corollario di rito (perché ...

ARTICLE: CD/LP/TRACK REVIEW

Silke Eberhard Trio: The Being Inn

Read "The Being Inn" reviewed by Alberto Bazzurro

Quarantacinque anni, tedesca di Heidenheim an der Brenz (ma ormai di stanza a Berlino), Silke Eberhard guida da alcuni anni il trio protagonista di questo album, diretto, corporeo, al cui interno il suo contralto (più di rado il clarone) si distende con estrema libertà, di misura e di dizione, con un senso della forma che definiremmo ...

ARTICLE: CD/LP/TRACK REVIEW

John Butcher, John Edwards, Mark Sanders: Last Dream at the Morning

Read "Last Dream at the Morning" reviewed by Alberto Bazzurro

Radicalismo improvvisativo duro e puro, per questi tre senatori del ramo, appartenenti alla seconda generazione di musicisti inglesi specializzati nella pratica specifica. Il sassofonismo ispido e acuminato, esplicitamente antigrazioso, di John Butcher (espresso su tenore e soprano, guarda caso) s'ispira palpabilmente a Evan Parker, pontefice massimo in materia (con cui fra l'altro John Edwards ha collaborato ...