All About Jazz

Home » Tag Center » Tag: Alberto Bazzurro

Content by tag "Alberto Bazzurro"

ARTICLE: CD/LP/TRACK REVIEW

Olli Ahvenlahti: Thinking, Whistling

Read "Thinking, Whistling" reviewed by Alberto Bazzurro

Il pianista finlandese Olli Ahvenlahti, classe 1949, in questa che è la sua incisione più recente, datata luglio 2017, dirige un quartetto dalle geometrie nitide, correttissime, quanto assolutamente asservite a un linguaggio decisamente tradizionale. Naturalmente ognuno è libero di suonare (anche bene, come accade appunto qui) la musica che preferisce, ma è ovvio che risentire per ...

ARTICLE: CD/LP/TRACK REVIEW

Norvald Dahl: Organic Chamber

Read "Organic Chamber" reviewed by Alberto Bazzurro

Tre musicisti quarantenni, chi più chi meno, di cui due norvegesi e uno statunitense (ma di chiare origini asiatiche), compongono questo singolare trio che, al di là dell'assenza della batteria, include un praticamente inedito sax mezzosoprano, intermedio fra contralto e soprano, teoricamente più prossimo al primo, in quanto ricurvo e in Fa, quindi un solo tono ...

ARTICLE: CD/LP/TRACK REVIEW

Joshua Trinidad: In November

Read "In November" reviewed by Alberto Bazzurro

Settimo album a nome del trentaquattrenne trombettista di origine messicana (in realtà è nato e vive a Denver) Joshua Trinidad, inciso in Norvegia nel novembre 2015 con musicisti appunto norvegesi (che peraltro collaborano con lui da tempo). Una certa sonorità nordica, controllata, parsimoniosa, evocativa, sta in effetti alla base del disco, che tuttavia è contrassegnato da ...

ARTICLE: CD/LP/TRACK REVIEW

Arturo Stàlteri: Low & Loud

Read "Low & Loud" reviewed by Alberto Bazzurro

Nella trafficata discografia di Arturo Stàlteri (Roma, 1959), figura multiforme la cui indole e inclinazione classica rappresenta comunque una costante benché i suoi primi passi, risalenti addirittura al 1974 (a quindici anni!), lo colgano nel gruppo progressive Pierrot Lunaire (due album, in quello stesso 1974 e nel '77), quest'ultimo lavoro rinforza l'immagine che, come pianista (è ...

ARTICLE: CD/LP/TRACK REVIEW

Enten Eller: Minótauros

Read "Minótauros" reviewed by Alberto Bazzurro

Ripreso all'ultima edizione dell'Open Jazz Festival di Ivrea (per l'esattezza il 17 marzo, ovviamente 2018), questo Minótauros, titolo ancora una volta proveniente dalla mitologia greca, come spesso accade quando c'è di mezzo Massimo Barbiero (quindi anche per Odwalla), ci consegna i riflessi, per forza di cose parziali, di un concerto assai singolare in cui i quattro ...

Atipico 4: Next Planet on the Way

Read "Next Planet on the Way" reviewed by Alberto Bazzurro

Dopo un po' di episodi discografici, cadenzati con larghezza (cioè radi), targati Atipico Trio, Carlo Actis Dato torna alla carica con questa versione “rinforzata" di quel gruppo germinale, i cui membri si sono via via rinnovati (all'inizio c'erano Piero Ponzo e Sandro Cerino) mantenendo peraltro abbastanza intatto (soltanto l'album inaugurale, se vogliamo, aveva caratteristiche un po' ...

J.C. Cholet, Alban Darche, Mathias Rüegg et Grand Ensemble: Le Tombeau de Poulenc

Read "Le Tombeau de Poulenc" reviewed by Alberto Bazzurro

Parafrasando Le Tombeau de Couperin di Ravel, i tre firmatari di questo album dedicano identico trattamento a Francis Poulenc, ispirandosi liberamente --ci viene detto espressamente --"senza tentare il minimo adattamento" alla sua opera. Lo sforzo è anzitutto di scrittura, con ciascuno dei tre che si focalizza attorno a un risvolto specifico (con l'eccezione di “Cadence"): Alban ...

ARTICLE: CD/LP/TRACK REVIEW

Mattias Risberg: Stamps

Read "Stamps" reviewed by Alberto Bazzurro

Due anni fa, insieme col sassofonista--come lui svedese--Fredrik Ljungkvist, Mattias Risberg aveva dedicato a Carla Bley l'abum And Now the Queen (che già il titolo...); oggi trasferisce in solitudine in questo suo nuovo lavoro le sue passioni per le tastiere in senso lato, anche se poi, di fatto, Stamps è un album per piano solo (qua ...

Worldservice Project: Serve

Read "Serve" reviewed by Alberto Bazzurro

È un quintetto ma ha il tiro di una big band (quanto meno di una middle band, ottetto e dintorni); rivela un attento ascolto della musica di Frank Zappa, che ne risulta mani e piedi il referente più esplicito; non sfoggia particolari doti di originalità, stante quanto appena affermato, ma riesce ciò nonostante a colpire nel ...

ARTICLE: CD/LP/TRACK REVIEW

Martin Blume, Tobias Delius, Achim Kaufmann, Dieter Manderscheid: Frames & Terrains

Read "Frames & Terrains" reviewed by Alberto Bazzurro

Tirato in soli 300 esemplari su vinile, quindi con la classica divisione per facciate che giocoforza separa a sua volta in due parti la suite del titolo, peraltro frutto di un'unica seduta di improvvisazione totale, questo lavoro (live a Colonia, 9 giugno 2016) esprime e documenta pregi e difetti della formula, per la verità più i ...