All About Jazz

Home » Tag Center » Tag: Laborie Records

Content by tag "Laborie Records"

Silvia Bolognesi – Angelo Olivieri: Dialogo

Read "Dialogo" reviewed by AAJ Italy Staff

Registrato dal vivo a Teano a fine 2011, questo album convoglia e documenta il lavoro di una miniformazione in cui coabitano due delle voci più interessanti fra quelle emerse in questi ultimi anni sullo scacchiere del jazz nostrano. Emblematiche l'apertura e la chiusura del disco, affidate rispettivamente ad “Art Déco" di Don Cherry e a “Ida ...

ARTICLE: CD/LP/TRACK REVIEW

Angelo Olivieri: Caos Musique Live @ Casa del Jazz

Read "Caos Musique Live @ Casa del Jazz" reviewed by AAJ Italy Staff

Nuovo capitolo della tutto sommato recente saga inanellata dal trombettista toscano Angelo Olivieri, e nuova conferma del suo valore. Nello specifico, non poco contribuiscono Vincent Courtois, di cui non sembra neppure il caso di ritessere le lodi, e Marco Ariano, il cui approccio percussivo risulta ovunque del tutto funzionale, coloristico e obliquo qual è, a una ...

ARTICLE: CD/LP/TRACK REVIEW

Angelo Olivieri & Alípio C Neto Doppio Trio - Omaggio a Mario Schiano: If Not

Read "If Not" reviewed by AAJ Italy Staff

Forse proprio l'estasi non l'abbiamo raggiunta, ma questo nulla toglie alla validità di questo disco. Il titolo If Not richiama infatti quel “If Not Ecstatic, We Refund" (se non andate in estasi vi rimborsiamo) con cui il sassofonista, compositore, artista e attore Mario Schiano, a cui è dedicato questo CD, aveva intitolato una delle sue composizioni. È una dichiarazione d'intenti ...

ARTICLE: CD/LP/TRACK REVIEW

Open Orchestra featuring John Tchicai: The Spiritual Man

Read "The Spiritual Man" reviewed by AAJ Italy Staff

Le note di copertina non lo chiariscono, ma probabilmente è tutto merito di Pierpaolo Faggiano, direttore artistico del Ceglie Jazz Open Festival, se un maestro come il danese John Tchicai, purtroppo ben poco presente nel nostro Paese, è stato chiamato ad impreziosire una larga formazione di notevoli improvvisatori provenienti dall'Italia del Nord e del Sud. Dobbiamo poi a Terre ...

ARTICLE: CD/LP/TRACK REVIEW

Enzo Lanzo Quartet: Boastful Speeches

Read "Boastful Speeches" reviewed by AAJ Italy Staff

Capita talvolta che, nel mezzo alla molteplicità forse un po' eccessiva di proposte discografiche nostrane presenti anche in un ambiente “di nicchia" come il jazz, una svetti inattesa per qualità. È il caso di questo Boastful Speech, CD a nome del batterista tarantino Enzo Lanzo, che raccoglie in quartetto tre nomi di tutto rispetto del panorama italiano: Roberto Ottaviano, Lauro Rossi e ...

ARTICLE: CD/LP/TRACK REVIEW

Emile Parisien Quartet: Original Pimpant

Read "Original Pimpant" reviewed by Jean-Marc Gelin

It's almost incongruous to write about Emile Parisien's Original Pimpant, considering the importance of its collective dimension. This is not only about the soprano saxophonist's quartet. Parisien--young prodigy, pupil and proof of the good reputation of France's Marciac jazz school--is not looking for individual recognition here. His is a distinctive approach that's about a collective construction ...

ARTICLE: CD/LP/TRACK REVIEW

Yaron Herman: A Time for Everything

Read "A Time for Everything" reviewed by AAJ Italy Staff

Primo disco in trio per il giovane pianista israeliano - ma attivo sulla scena francese - Yaron Herman, bene assecondato da Matt Brewer al contrabbasso e da Gerald Cleaver alla batteria. La musica di A Time for Everything si inserisce a pieno titolo in un filone ormai abbastanza battuto, quello [con le dovute differenze pensiamo al trio EST ...

ARTICLE: CD/LP/TRACK REVIEW

Yaron Herman Trio: A Time for Everything

Read "A Time for Everything" reviewed by John Kelman

Sometimes the power of a back story can eclipse the music it supports. For Israeli-born pianist Yaron Herman it's a close call, but A Time for Everything is such a refreshing and multifaceted album that a little background is necessary.



Herman, still in his mid-twenties, began playing piano at sixteen, a shift ...

Yaron Herman: Variations

Read "Variations" reviewed by Dr. Judith Schlesinger

Variations is Israeli-born pianist Yaron Herman's first solo release. Now 25, he didn't start studying piano until he was sixteen. At nineteen he moved to Boston to attend Berklee, but was turned off by its competitive climate; a return stopover in Paris and a spontaneous jam session led to a recording contract and a new home. ...