Content by tag "Naples"

ARTICLE: LIVE REVIEWS

Ars Ludi al Museo Archeologico Nazionale di Napoli

Read "Ars Ludi al Museo Archeologico Nazionale di Napoli" reviewed by Francesca Odilia Bellino

Miti di Musica 2018 -Ritmi del Mito. Piccole drammaturgie per percussioni-attori
Ars Ludi
Museo Archeologico Nazionale--Sala del Toro Farnese
Napoli
14.06.2018

Il primo appuntamento della rassegna estiva dell'associazione Alessandro Scarlatti dedicata ai Miti di Musica ospita Ars Ludi, un ensemble di percussioni d'eccezione che lavora da trent'anni sul repertorio ...

ARTICLE: ALBUM REVIEWS

Matteo Bortone Travelers: Time Images

Read "Time Images" reviewed by Neri Pollastri

A due anni di distanza dal precedente CD per Zone di Musica, ecco un nuovo, fortunato lavoro del quartetto Travelers di Matteo Bortone, che -assieme alle sue belle collaborazioni con Alessandro Lanzoni e Roberto Gatto -ha fruttato al contrabbassista pugliese il premio del top jazz 2015 come miglior nuovo talento.

Il quartetto italo-francese nasce ...

ARTICLE: ALBUM REVIEWS

Slivovitz: All You Can Eat

Read "All You Can Eat" reviewed by Dave Wayne

Freely grabbing inspiration from all manner of styles, the Neapolitan band Slivovitz functions as a high- efficiency musical omnivore, digesting and reworking different aspects of seemingly disparate raw materials into a seamless, organic whole. All You Can Eat, an appropriate title for the band's fourth long player (and their third for MoonJune), doesn't appear to be ...

ARTICLE: ALBUM REVIEWS

Mirko Signorile: Waiting For You

Read "Waiting For You" reviewed by Angelo Leonardi

Esponente di punta dell'area jazzistica pugliese e già partner di Gianluca Petrella, Roberto Ottaviano e Gaetano Partipilo, il pianista Mirko Signorile ha espresso in poco più di un decennio (dal sorprendente esordio per la Soul Note con In Full Life e i successivi riconoscimenti della critica) un ricco corpus di opere comprendente sei album a suo ...

ARTICLE: ALBUM REVIEWS

Slivovitz: All You Can Eat

Read "All You Can Eat" reviewed by Glenn Astarita

This Italian progressive rock, jazz fusion unit named after an Eastern European plum brandy unleashes a wealth of insightful and melodically focused arrangements via its unique sound and diverse instrumentation. As a long-awaited follow-up to Bani Ahead (Moonjune, 2011), the septet integrates a magnetic series of works, spanning Italian folk, Frank Zappa-esque time signatures and with ...

ARTICLE: GENERAL ARTICLES

Il fascino sostenibile della leggerezza #2

Read "Il fascino sostenibile della leggerezza #2" reviewed by Alberto Bazzurro

In poche parole ci riproviamo: a tagliare una seconda volta in orizzontale, grosso modo a distanza di un semestre, una fetta di produzione discografica, a conti fatti dischi arrivati nell'ultimo paio di mesi (ma in due o tre casi usciti in precedenza), per soppesare quanto il titolo di quel primo “sopralluogo" (a tesi) (clicca qui per ...

ARTICLE: ALBUM REVIEWS

Luca Aquino: OverDOORS

Read "OverDOORS" reviewed by Neri Pollastri

Nelle note annesse al CD Luca Aquino dichiara che i Doors sono in assoluto la sua band preferita, allontanando così ogni possibile sospetto che questo suo lavoro dedicato allo storico gruppo di Jim Morrison possa essere spinto dalla moda dei tributi alle rockstar. Purtroppo, però, non è raro che i lavori dedicati ai propri miti inciampino ...

ARTICLE: GENERAL ARTICLES

I 10 CD nel CD-Player di... Livio Minafra

Read "I 10 CD nel CD-Player di... Livio Minafra" reviewed by Vincenzo Roggero

01. Area -1978 Gli dei se ne vanno, gli arrabbiati restano! (Ascolto -1978).
Mi affascina il jazz-prog-rock... boh, come definirli gli Area? Quel pazzo di Fariselli e quel genio di Stratos. Sono ancora avanti a tutt'oggi.

02. The Don Ellis Orchestra -Electric Bath (Columbia/Legacy -1967).
Fuori dall'ordinario questo artista cangiantissimo non ...

ARTICLE: ALBUM REVIEWS

Giovanni Francesca: Rame

Read "Rame" reviewed by Luigi Sforza

Come già nel precedente disco da leader, anche Rame -secondo progetto a nome del chitarrista beneventano Giovanni Francesca -risente della chiara e riconoscibile influenza di Bill Frisell. Ciò vale soprattutto per alcuni brani, in particolare per “Gocce," “Novela," “Rom" e “Atollo."
Tuttavia, non è assente una personale vena creativa che si manifesta in brani dall'umore, ...

ARTICLE: ALBUM REVIEWS

Francesco Negro, Igor Legari, Ermanno Baron: Aspettando il tempo

Read "Aspettando il tempo" reviewed by Angelo Leonardi

Non ancora trentenne, il pianista e compositore salentino Francesco Negro manifesta una progettualità artistica d'alto spessore, sicuramente insolita nei musicisti della sua generazione.
Questo disco è l'ultimo volume di una trilogia iniziata con Abbagli (Philology, 2008) e proseguita con Silentium (Alfa Music, 2011). Se il primo esprimeva la sua vena di autore attento ai ...