All About Jazz

Home » Tag Center » Tag: Charles Ives

Content by tag "Charles Ives"

Dominique Eade: Town and Country

Read "Town and Country" reviewed by Angelo Leonardi

A sei anni dall'incisione di Whirpool (Jazz Project, 2012), Ran Blake e Dominique Eade ripropongolo la loro esplorazione piano/voce privilegiando l'attenzione dal Great American Songbook ai canti della tradizione popolare e di denuncia sociale. Com'è noto l'83enne Ran Blake è un decano del New England Conservatory di Boston, dove fondò con Gunther Schuller il Third Sream ...

ARTICLE: CD/LP/TRACK REVIEW

Jamie Saft: Solo a Genova

Read "Solo a Genova" reviewed by Doug Collette

Jamie Saft's first solo album in his twenty-five year career, Solo A Genova, captures this restless, daring artist interpreting a selection of songs that reflect his eclectic taste as a reflection of his customary willingness to challenge himself. The sum effect of hearing this recording from Italy in March of 2017 is an altogether glorious experience ...

ARTICLE: INTERVIEWS

Jamie Saft: Jazz in the Key of Iggy

Read "Jamie Saft: Jazz in the Key of Iggy" reviewed by Luca Canini

In 1988 Bill Laswell produced Iggy Pop's album Instinct. Back then, little he could have known that, almost thirty years later, he would have been instrumental in facilitating the iconic singer's first foray in the Jazz world. Loneliness Road (RareNoiseRecords) documents the latest incarnation of James Newell Osterberg Junior, the front man of proto-punk band The ...

ARTICLE: MY FAVOURITE THINGS

Kevin Shea

Read "Kevin Shea" reviewed by Paolo Peviani

Il tratto principale della mia musica
Umana

La qualità che desidero nei musicisti che suonano con me
I cojones.

Come musicista, il momento in cui sono stato più felice
Quando suono!

Come musicista, il mio principale difetto
Essere un musicista.

La mia più grande ...

ARTICLE: MY FAVOURITE THINGS

Roberto Negro

Read "Roberto Negro" reviewed by Paolo Peviani

Il tratto principale della mia musica.
Dare fondo, senso e forma alle composizioni, scritte ed improvvisate.

La qualità che desidero nei musicisti che suonano con me.
L'amore.

Come musicista, il momento in cui sono stato più felice.
Quando ho scoperto la “Sagra della Primavera" di Igor Stravinsky. Sono stato ...

Alberto Pinton e il Questionario di Proust

Read "Alberto Pinton e il Questionario di Proust" reviewed by Paolo Peviani

All About Jazz Italia: Il tratto principale della mia musica.
Alberto Pinton: Intenzione e ambizione di creare musica mia, che rifletta la mia esperienza personale, quello che jazz, composizione e improvvisazione significano per me.

AAJI: La qualità che desidero nei musicisti che suonano con me.
A.P.: Totale libertà espressiva, modestia artistica, ...

ARTICLE: LONDON CALLING

The People Band: Back and playing again

Read "The People Band: Back and playing again" reviewed by Sammy Stein

46 years after their previous release, the People Band are putting out a new CD. Paul Jolly is producing the project and releasing it through his record label, 33JAZZ records. Jolly is also a member of the band. He says, “The reason for a new album is that our last one, released on the Emanem label, ...

ARTICLE: CD/LP/TRACK REVIEW

Rollerball: Post Amen

Read "Post Amen" reviewed by Luigi Sforza

Specializzata in produzioni sorprendentemente realistiche e attuali--aperte in modo onnivoro allo scibile musicale, senza distinzione tra alto e basso, colto e pop--l'importante etichetta El Gallo Rojo documenta in Post Amen il lavoro svolto dal collettivo Rollerball.

Il progetto è il risultato di un processo osmotico che prevede l'acquisizione e l'accumulo al suo interno di ...

ARTICLE: CD/LP/TRACK REVIEW

Re-Evolution Band: The Dark Side of the Wall. 1979-2013

Read "The Dark Side of the Wall. 1979-2013" reviewed by Luigi Sforza

Ci sono dischi che per loro natura richiederebbero un intervento critico d'equipe: un team di specialisti di vari settori musicali in grado di individuarne le caratteristiche e orientarne il senso.
Da qualsiasi angolazione si guardi, The Drak Side of the Wall. 1970-2013 è un disco fittamente costruito, linguisticamente asimmetrico, spiazzante come può essere la musica ...

ARTICLE: CD/LP/TRACK REVIEW

Microscopic Septet: Manhattan Moonrise

Read "Manhattan Moonrise" reviewed by Vic Albani

Solo pochi anni orsono, quando mi trovai a scrivere di History of the Micros, i due straordinari capitoli summa summarum di questa band originariamente attiva dal 1980 al 1992 e tornata alle incisioni dopo più di un decennio di pausa creativa e produttiva agli inizi del nuovo millennio, mi trovai a raccontare delle classiche situazioni underground ...