All About Jazz

Home » Articoli | Recensioni

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

Interviews

INTERVIEWS

Ada Montellanico: il jazz militante

Read "Ada Montellanico: il jazz militante" reviewed by

Jazz. Ma non solo jazz. Dentro e fuori la sua musica pulsa un impegno che negli ultimi anni ha rivoluzionato il modo di intendere e, soprattutto, il modo di vivere collettivamente la comunità jazzistica italiana. Perché intorno ad essa possa fiorire una nuova cultura, nel senso più lato e profondo del termine. Abbiamo incontrato Ada Montellanico per un'interessante chiacchierata intorno alle sue collaborazioni, ai suoi più recenti progetti e, naturalmente, intorno alla realtà Associazione Italiana Musicisti di ...

INTERVIEWS

Fazzini e Fedrigo: nuove idee per fare musica oggi

Read "Fazzini e Fedrigo: nuove idee per fare musica oggi" reviewed by

Nicola Fazzini e Alessandro Fedrigo sono i direttori artistici di nusica.org, originale progetto che da qualche anno sperimenta un altro modo di sostenere, produrre e promuovere attività artistiche--qualcosa di molto diverso dalla tradizionale “etichetta discografica"--che pian piano ha iniziato anche a organizzare eventi e festival. Ma i due musicisti sono anche l'anima di XYQuartet, una formazione dalla cifra assai personale, che si è conquistata un proprio posto tra la musica di ricerca italiana, oltre ad avere in piedi alcuni altri ...

INTERVIEWS

William Tatge, un italiano (di radici americane) a New York

Read "William Tatge, un italiano (di radici americane) a New York" reviewed by

Nato in Umbria da genitori statunitensi, cresciuto in Italia dove si è diplomato al conservatorio e ha studiato jazz con vari maestri del nostro paese, oltre un decennio fa il pianista e compositore William Tatge ha poi deciso di trasferirsi a New York, dove ha da poco pubblicato un disco in trio, General Cargo, pubblicato dalla Brooklyn Jazz Underground Records. All About Jazz Italia: Tu sei nato in Italia da genitori statunitensi, ti sei formato in Italia, ma ...

INTERVIEWS

Giorgio Pacorig, ovvero l'arte della collaborazione

Read "Giorgio Pacorig, ovvero l'arte della collaborazione" reviewed by

Nato a Staranzano, in provincia di Gorizia, pianista e specialista del Fender Rhodes, improvvisatore, compositore, eclettico frequentatore di forme musicali diverse, a quarantotto anni Giorgio Pacorig si trova nel pieno della maturità artistica, come dimostra il fatto che il suo nome figura in alcuni dei migliori dischi del 2018, tra i quali Pipe Dream, dell'omonimo quintetto, Floating Lines, in trio con Giovanni Maier e Michele Rabbia, Ethnoschock del Massimo De Mattia Suonomadre e Desidero Vedere, Sento, in quartetto ancora con ...

INTERVIEWS

Maria Borghi: Passione e Insistenza!

Read "Maria Borghi: Passione e Insistenza!" reviewed by

La nascita di una nuova etichetta è sempre un evento da salutare con enorme entusiasmo e interesse, in particolar modo se dedicata, come testimoniano le prime uscite (Pipeline degli Us e St()ma di Cristiano Calcagnile), alla musica più avventurosa e creativa. La scelta, poi, di pubblicare in vinile preziosi cofanetti, ricchi di foto, immagini video e interventi scritti, va nella direzione di un'attenzione all'oggetto disco e ad un ascolto consapevole decisamente controcorrente in tempi di schizofrenica fruizione liquida. Abbiamo chiesto ...

INTERVIEWS

Stefano Amerio: 20 anni di Artesuono

Read "Stefano Amerio: 20 anni di Artesuono" reviewed by

Sono passati ormai diversi anni da quando abbiamo intervistato Stefano Amerio, tecnico del suono e patron di Artesuono, lo studio di registrazione più noto e affermato d'Italia e anche d'Europa, almeno per l'ambito jazzistico. Ma Artesuono è anche un'etichetta discografica con un catalogo ampio e interessante, ancorché popolato di prodotti prevalentemente di area friulana. Un etichetta che quest'anno celebra il suo ventennale. Abbiamo colto l'occasione per recarci da Amerio e fare con lui una chiacchierata sullo stato dell'arte tanto dell'etichetta, ...

INTERVIEWS

Gianni Lenoci, madrelingua jazz

Read "Gianni Lenoci, madrelingua jazz" reviewed by

Pianista, compositore, improvvisatore, Gianni Lenoci è un musicista che unisce rigore e libertà, creatività e rispetto rigoroso della forma. A cinquantacinque anni può vantare una impressionante discografia dalla quale si evidenza la varietà dei mondi musicali con i quali si è misurato. Chi ha avuto modo di ascoltare almeno parte dei lavori nei quali è coinvolto ha potuto apprezzare il modo un cui Lenoci sa offrire in ogni contesto il proprio personale contributo, originale e al tempo stesso sempre opportuno. ...

INTERVIEWS

Anais Drago - Un violino per Zappa (e oltre)

Read "Anais Drago - Un violino per Zappa (e oltre)" reviewed by

Tra i tanti materiali musicali che ci passano quotidianamente tra le mani, ogni tanto ce n'è qualcuno che ci colpisce particolarmente, per un motivo o per l'altro. Questa volta è toccato al CD che rappresenta l'esordio discografico di Anais Drago, sia per l'eclettico curriculum della giovane violinista di Biella che per il fatto di essere un album dichiaratemente ispirato a Frank Zappa. Qui è possibile leggere la nostra recensione del CD che ha stimolato il nostro interesse. ...

INTERVIEWS

Guido Harari, dietro al mirino come un jazzista

Read "Guido Harari, dietro al mirino come un jazzista" reviewed by

"Potresti dire che sono un fotografo jazz, alla faccia di chi mi definisce da sempre un fotografo rock!." Guido Harari scherza volentieri sulla sua nomea di “fotografo musicale," autore di alcuni degli scatti entrati nell'immaginario collettivo e che ritraggono artisti come David Bowie, Tom Waits, Lou Reed, Patti Smith, Leonard Cohen, Fabrizio De André (alcuni dei suoi ritratti più celebrati sono riprodotti nella galleria abbinata a questa intervista: Guido Harari: A Primer, ma la lista è praticamente infinita).

INTERVIEWS

Randy Weston: Brooklyn, Africa e ritorno

Read "Randy Weston: Brooklyn, Africa e ritorno" reviewed by

Per ricordare il grande pianista statunitense, riproponiamo un'intervista del 1999 che ripercorre la sua vita e la sua carriera, dalla nascita a Brooklyn agli anni passati in Africa fino alla consacrazione dopo il rientro negli Stati Uniti. Ogni anno, la facoltà di musica dell'università di Harvard, dedica parte del suo calendario accademico all'analisi ed all'approfondimento della musica di uno dei grandi maestri del jazz. Grazie a questo programma, musicisti del calibro di Bill Evans, Gerry Mulligan, Lester ...

INTERVIEWS

Livio Minafra - pianista diversamente abile

Read "Livio Minafra - pianista diversamente abile" reviewed by

Spesso, intervistando gli amici jazzisti, mi sono reso conto che parlano come suonano: le concatenazioni del loro linguaggio, la coloritura dei termini, le digressioni, la ponderatezza o la spontaneità delle considerazioni rappresentano la trasposizione in parole del loro mondo musicale. E questo è del tutto naturale e comprensibile perché una forte personalità nell'esternarsi si esprime sempre nello stesso modo qualunque sia il linguaggio espressivo che utilizza. Le risposte di Livio Minafra risultano concatenate e dirette ma torrenziali e imprevedibili, piene ...

INTERVIEWS

Pasquale Mirra: la rinascita del vibrafono

Read "Pasquale Mirra: la rinascita del vibrafono" reviewed by

Dopo un paio di decenni di ricerca, di importanti collaborazioni e incisioni che lo hanno portato anche all'estero, il vibrafonista Pasquale Mirra sembra aver raggiunto la piena maturità espressiva ed anche il meritato riconoscimento. Questa estate è presente in un gran numero di festival italiani: dopo essersi esibito a Umbria Jazz in duo con Gianluca Petrella, ottenendo un successo strepitoso, parteciperà con formazioni diverse a Fano Jazz by the Sea, poi in Sardegna a Time in Jazz, a Nuoro Jazz, ...