All About Jazz

Home » Articoli | Recensioni

CD/LP/Track Review

CD/LP/TRACK REVIEW

Enrico Pieranunzi, André Ceccarelli, Diego Imbert: Monsieur Claude. A Travel with Claude Debussy

Read "Monsieur Claude. A Travel with Claude Debussy" reviewed by

È nota la consuetudine di Enrico Pieranunzi con le monografie, segno d'una concezione virtuosa del disco, come esito di una progettualità coerente, e non come mera necessità editoriale: basti pensare ai lavori dedicati a Duke Ellington (Duke's Dream, 2017), a Domenico Scarlatti (Plays Domenico Scarlatti, 2007), a Ennio Morricone (Play Morricone, 2 voll., 2001-2002), a Bill Evans (Evans Remembered, 2000) e a Wayne Shorter (Plays the Music of Wayne Shorter, 2000). Nel centenario della morte di Claude Debussy ...

CD/LP/TRACK REVIEW

Pete Malinverni: Heaven

Read "Heaven" reviewed by

Il titolo di questo disco allude al cielo non in senso atmosferico. Il pianista Pete Malinverni ha passato 18 anni a suonare alle funzioni della Devoe Street Baptist Church in Brooklyn e dopo essere stato colpito dalla morte della moglie e dal sospetto di una grave malattia, ha pensato di realizzare un album a contenuto spirituale. Diciamo spirituale e non religioso perchè Malinverni manifesta una prospettiva olistica e nella presentazione si riferisce al cielo come dimensione trascendente, non legata a ...

CD/LP/TRACK REVIEW

Quilibrì: Note dei tempi

Read "Note dei tempi" reviewed by

Torna Quilibrì, in formazione del tutto diversa dai suoi album precedenti Il drago è astratto, del 2012, e Ecco Fato, del 2009, se non per la presenza come leader del sempre suggestivo e stimolante sassofonista Andrea Ayace Ayassot, autore di tutte le composizioni tranne quella di apertura, omaggio a Franco D'Andrea, con il quale Ayassot ha da molti anni una feconda collaborazione. Rispetto ai lavori con il pianista di Trento siamo qui in territori piuttosto diversi: comune la ...

CD/LP/TRACK REVIEW

Matt Piet & His Disorganization: Rummage Out

Read "Rummage Out" reviewed by

Appena ventottenne ma già con un numero considerevole di incisioni a suo nome (o cofirmate), il pianista chicagoano Matt Piet dirige in questo bell'album un quartetto bassless che si sbizzarrisce in due soli ampi brani totalmente improvvisati (live al Constellation il 26 maggio 2017). L'avvio è magro e cameristico, col clima che si fa però via via sempre più esplicito e aperto man mano che passano i minuti, facendo fra l'altro leva su interventi solistici assai ispirati. ...

CD/LP/TRACK REVIEW

Otis Sandsjö: Y-Otis

Read "Y-Otis" reviewed by

Conosciuto principalmente per il suo decisivo contributo all'ottimo Speak Low di Lucia Cadotsch, il sassofonista e compositore Otis Sandsjo debutta per l'etichetta finlandese We Jazz con un quartetto di tutto rispetto ed un album dagli intriganti contenuti che non può lasciare indifferenti. Se si esclude la batteria, il resto del quartetto fa ampio uso dei sintetizzatori. Ma non pensate ad un album pesantemente condizionato dall'elettronica perché Sandsjö si rivela ispirato alchimista di suoni sia nella manipolazione dei suoi fiati che ...

CD/LP/TRACK REVIEW

William Parker, Stefano Scodanibbio: Bass Duo

Read "Bass Duo" reviewed by

Ci sono CD che sono storici perché contengono un unicum musicale. Bass Duo rientra nella tipologia dal momento che documenta l'unico incontro musicale mai avvenuto tra i contrabbassisti William Parker e Stefano Scodanibbio realizzato nell'ambito dell'Udin&Jazz Festival del 2008. Due giganti del contrabbasso moderno, molto diversi per modo di suonare e per formazione, nonché per concezione del suono, dello spazio, della melodia, della pulsazione, dell'armonia, che in questa registrazione di cinque tracce riescono a dipanare, prima timidamente, ...

CD/LP/TRACK REVIEW

Sara Serpa: Close Up

Read "Close Up" reviewed by

Finalmente un album pienamente convincente della cantante portoghese (qui anche autrice di tutto il materiale tematico), spesso preziosa, nella sua produzione, ma altrove (anche all'interno di uno stesso lavoro, suo o altrui) un po' disarticolata, quasi schizoide, magari solo curiosa, e comunque alterna nella resa in concreto. Sarà senz'altro anche merito dei due musicisti che l'affiancano, fatto sta che questo suo ultimo album, live alla Pete's House di Brooklyn nel giugno 2017, convince senza arzigogoli o avvitamenti (critici, estetici) di ...

CD/LP/TRACK REVIEW

Odwalla: Ancestral Ritual

Read "Ancestral Ritual" reviewed by

Nuovo album dal vivo per Odwalla, gruppo di percussioni guidato da Massimo Barbiero, che stavolta ha con sé due ospiti speciali tra loro assai diversi --Baba Sissoko e Gaia Mattiuzzi --i quali, arricchendo la tavolozza espressiva, contribuiscono a offrire interpretazioni particolari dei brani in programma, tutti già parte del repertorio della formazione (e non solo, perché in alcuni casi noti anche nelle interpretazioni di Enten Eller, altra formazione storica di Barbiero). La prima peculiarità portata dagli ospiti --in ...

CD/LP/TRACK REVIEW

Andy Sheppard: Romaria

Read "Romaria" reviewed by

ECM rappresenta quasi per antonomasia un'estetica della sottrazione, fatta di tempi dilatati, atmosfere rarefatte e poche, a volte pochissime, note: solo le note necessarie, come vuole la massima di João Gilberto da cui prende il titolo l'autobiografia di Enrico Rava, un artista che non a caso ha legato il suo nome a quello dell'etichetta di Manfred Eicher. A quest'estetica è fedele Andy Sheppard: lo conferma questo Romaria, secondo album del quartetto che il sassofonista inglese ha formato insieme al chitarrista ...

CD/LP/TRACK REVIEW

Barry Altschul: The 3Dom Factor: Live in Krakow

Read "The 3Dom Factor: Live in Krakow" reviewed by

Tutta l'energia del concerto nell'ottimo Alchemia Club di Cracovia (siamo a dicembre del 2016). Garantisce il batterista Barry Altschul, nome imprescindibile del jazz contemporaneo (lo ricordiamo con Paul Bley o con Anthony Braxton), alla guida del trio 3Dom Factor, con Joe Fonda al contrabbasso e un fantasticamente irrequieto Jon Irabagon a tenore e sopranino. Repertorio solido e consolidato, sia nei temi originali di Altschul, già presenti nel primo disco del trio, che nella turgida rilettura della monkiana ...