All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

1

Irving Fields - Roberto Rodriguez: Oy Vey... Olé!!!

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
E’ ormai assodato che la cosiddetta “jewish-latin fusion” ha trovato nel percussionista Roberto Rodriguez il suo principale esponente. E’ altrettanto certo però che egli non ha inventato nulla. C’è stato un pianista ebreo, tal Irving Fields che già negli anni ’50 imperversava nelle scalette radiofoniche con il suo, allora davvero originale, crossover di “Bagels and Bongos” che divenne un hit non solo negli Stati Uniti ma anche in Europa e in Giappone, tanto da diventare un sequel con “More Bagels and Bongos” seguito a sua volta da "Pizza and Bongos", "Champagne and Bongos" e addirittura "Bikinis and Bongos".

Cose che capitano nell’industria musicale ed esaurito il filone, di tali “bizzarri” esperimenti con la musica yiddish non se ne seppe più nulla (ad eccezione di quello di Gershon Kingsley, pionere del sintetizzatore Moog, che nel 1973 interpretò col suo strumento alcune composizioni religiose solitamente affidate ai cantori).

Ma nell’accusare Fields di opportunismo musicale andrei cauto perché il pianista già nel 1946 sfoderò il suo primo single “Miami Beach Rumba” con testi in spagnolo ed inglese (per l’occasione, l’etichetta gli affibiò anche un nome spagnoleggiante quale Campos el Pianista (sigh!)) che ottenne un discreto successo. Del resto, Fields ha iniziato a cantare all’età di dieci anni nel coro del cantore Yossele Rosenblatt e all’età di diciotto anni, dopo essere stato ingaggiato come pianista a bordo di una nave da crociera per un tour delle isole caraibiche, al suo ritorno a New York cominciò ad infilare ritmi latini negli standard.

Tutto questo per dire che alla veneranda età di novant’anni, Irving è ancora saldamente ancorato al suo metissage linguistico, tanto da incrociare i suoi tasti proprio con le pelli di Roberto Rodriguez per l’occasione offerta, ancor una volta con encomiabile acutezza, dall’etichetta dell’istrionico John Zorn. A New York le comunità ebraica e cubana non si ignorano di certo e l’esplorazione del percussionista non poteva tralasciare di onorare un maestro riconosciuto.

Lasciata Cuba all’età di nove anni, Rodriguez si stabilì con la famiglia in Florida dove incontrò gli esuli della diaspora, per lo più anziani, che danzavano al suono di mambo e cha cha. Spostatosi a New York negli anni ‘80, si ritrovò nell’alveo del Klezmer revival che gli permise di continuare ad esplorare la musica ebrea collaborando con musicisti quali John Zorn, Anthony Coleman e divenendo membro essenziale dei Los Cubano Postizos di Marc Ribot e del progetto "Diaspora Soul" di Steven Bernstein.

Poi le due incisioni da leader, El Danzon de Moises e

Track Listing: 01. El Danzon de Moises - 5:52; 02. A Turkish Chasseneh - 2:39; 03. El Polaco - 5:28; 04. Miami Beach rumba - 3:05; 05 Dice el Sabio Salomon - 5:42; 06 Elephant Tap Dance - 3:34; 07 Paseo del Prado - 3:55; 08 Managua Nicaragua - 3:27; 09 Piruli - 5:16; 10 Pago Pago (Pango Pango) - 2:59; 11 Wolfie’s Corner - 6:39; 12 Song of Manila - 2:28; Brani 2,4,6,8,10 Irving Fields; Brani 1,3,5,7,9 Roberto Rodriguez

Personnel: Irving Fields (piano); Meg Okura (violino); Gilad Harel (clarinetto); Uri Sharlin (accordion, organo); Jennifer Vincent (basso); Natalie Michan (voce); Roberto Rodriguez (percussioni).

Title: Oy Vey... Olé!!! | Year Released: 2007 | Record Label: Tzadik

Tags

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

IMA IMA (feat. Tom Harrell)

IMA IMA (feat. Tom Harrell)

Meg Okura
IMA IMA

Radio
Album Reviews
Take Five With...
Album Reviews
Read more articles
NPO Trio - Live at the Stone

NPO Trio - Live at...

Chant Records
2018

buy
IMA IMA

IMA IMA

Pan Asian Chamber Jazz Ensemle
2018

buy
Music of Ryuichi Sakamoto

Music of Ryuichi...

Self Produced
2014

buy
Naima

Naima

Self Produced
2010

buy

Related Articles

Read Sheer Reckless Abandon Album Reviews
Sheer Reckless Abandon
By John Kelman
May 19, 2019
Read Gratitude: Stage Door Live @ the Z Album Reviews
Gratitude: Stage Door Live @ the Z
By Jack Bowers
May 19, 2019
Read To My Brothers Album Reviews
To My Brothers
By Victor L. Schermer
May 19, 2019
Read Social Music Album Reviews
Social Music
By Roger Farbey
May 19, 2019
Read Circle Inside The Folds Album Reviews
Circle Inside The Folds
By John Eyles
May 18, 2019
Read Momentum Album Reviews
Momentum
By Jerome Wilson
May 18, 2019
Read Bonsai Club Album Reviews
Bonsai Club
By Roger Farbey
May 18, 2019