All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

5

Jøkleba: Outland

Vic Albani By

Sign in to view read count
Jøkleba giunge al quinto capitolo della propria storia approdando finalmente sulle spiagge ECM. Il più imprevedibile dei gruppi della Norvegia contemporanea omaggia il trionfo dell'enfasi elettronica correlando il discorso musicale a quello (citato iconograficamente nel libretto di copertina) del pittore, compositore e scrittore elvetico Adolf Wölfli (1864-1930) che passò oltre metà della propria vita in un ospedale psichiatrico. Il fiume musicale è ricco e minimalista. Parla di colore e pulsione, di collettivo e di ispirazione e sembra voler porre in relazione lo stabile con l'instabile. Come insegnano le note informative del comunicato Ecm che accompagna il lavoro, i titoli di questo Outland pongono riferimenti agli scritti di Sylvia Plath, Laura Restrepo, Sadegh Hedayat, Guy de Maupassant e Ken Kesey, con particolare riferimento alla "descrizione della disintegrazione dell'identità." Ecco, immaginate dunque giustamente una sorta di musica destrutturante e descrittiva di una situazione psichica vicina a ciò che è stato appena citato. Una sorta di "perdita dell'anima" che, "chimicamente" viene tradotta attraverso l'arte musicale.

Un pizzico pretenzioso anche se è vero che qualora i tre baldi protagonisti del progetto (che hanno dato l'incipit del loro cognome al nome di questo gruppo) volessero proprio indagare l'inconscio dell'identità, forse ci hanno preso.

Loro, però. Perché a noi e -credo -all'ascoltatore standard anche delle usuali estetiche ECM, preparati del genere andrebbero propinati a davvero piccole dosi. Su molti farmaci e prodotti farmaceutici è scritto a chiare lettere "usare con cautela." La similitudine calza a pennello per il "prodotto" in questione, partorito dopo un quarto di secolo di esperienza artistica comune. Forse l'approccio alla ECM ha dato idea di "osare" un diverso approccio a quella che potremmo identificare quale una "altra strada" dell'idea dell'improvvisazione. Sicuramente accattivante, l'efficace metodologia del trio colpisce. Il rumore è più vicino al suono soffice e il suono è vicino al rumore soffice. Se è il contrasto che "doveva vincere" allora il discorso si chiude qui. Ma, ripeto e consiglio un'utilizzazione a piccole e austere dosi poiché l'arsenale musicale nascosto qui dentro è davvero immensamente pericoloso.
About Jessica Jones
Articles | Calendar | Discography | Photos | More...

Tags

Jazz Near Oslo
Events Guide | Venue Guide | Get App | More...

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related Articles

Read The People I Love
The People I Love
By Mark Corroto
Read Drone Dream
Drone Dream
By John Sharpe
Read Uppsala 1971
Uppsala 1971
By Chris Mosey
Read Traslaciones
Traslaciones
By Jack Bowers
Read La Proxima
La Proxima
By Dan McClenaghan
Read Combobulated
Combobulated
By John Sharpe