All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

0

Chick Corea - Stefano Bollani: Orvieto

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Chick Corea - Stefano Bollani: Orvieto
Questo CD, registrato ad Orvieto il 30 dicembre 2010 nell'ambito di Umbria Jazz Winter, ci riporta un duo senza dubbio indovinato e un concerto memorabile. Non so a chi sia da attribuire l'idea di far suonare assieme Bollani e Corea (e quello umbro non è stato il loro unico incontro); sta di fatto che se l'operazione è pienamente riuscita, ciò è dovuto a molte ragioni concomitanti, a cominciare da un inevitabile e accurato lavoro di management.

Probabilmente alla buona riuscita dell'evento hanno contribuito anche le rilassate condizioni ambientali che hanno accompagnato i due pianisti, favorendo la loro concentrazione e disponibilità. Ma sono stati soprattutto motivi di natura prettamente umana e artistica a determinare il successo dell'incontro (anche se per ragioni anagrafiche si potrebbe pensare ad un rapporto fra maestro e allievo). Notevoli le affinità stilistiche che sono emerse: il tocco prezioso, l'arguta inventiva, la condivisione del patrimonio storico del jazz, lo spirito brillante. Non ultima la personale propensione verso la musica sudamericana, in particolare brasiliana: ben sei dei dodici brani, compresi "A Valsa Da Paula" e "Armando's Rhumba," i due original scritti rispettivamente da Bollani e Corea, appartengono infatti a quella tradizione o a quel tipo di sensibilità.

Il concerto si è retto su un grande rispetto reciproco, su ruoli paritari, su un'idea di elegante classicità, dando luogo a sviluppi di evidente equilibrio e fluidità, ad una sorta di compendio di un certo pianismo jazz, che va da Teddy Wilson e Art Tatum agli stessi Corea e Bollani. Fra i due pianisti si assiste ad una reale, stretta compenetrazione; a tale proposito Bollani afferma nelle note di copertina: "Talvolta, suonando con lui, ho la sensazione che a suonare sia un solo pianista che abbia quattro mani".

Ne risultano interpretazioni ben calibrate, mai sopra le righe, con sapienti e variate elaborazioni dei temi scelti. In "Jitterbug Waltz" di Fats Waller l'intrico creato dalle quattro mani avvia una ricerca briosa ma trattenuta, ottenendo un tono a tratti sognante e sospeso, tutt'altro che muscolare e sfavillante come sarebbe stato lecito aspettarsi. Nei brani sudamericani di cui si diceva, la leggerezza dell'intreccio ottiene esiti di delicata e pensosa poesia, mai effettismi banali o sfrenati. Solo tre gli standard jazzistici, reinterpretati con amore e inventiva: "If I Should Lose You," "Nardis" e "Darn That Dream". Come tre sono le libere, estemporanee improvvisazioni, compreso il blues proposto come bis, caratterizzate da un distillato intreccio delle linee melodiche.

In definitiva un bel disco: sembra quasi che Corea e Bollani si siano corroborati a vicenda, stabilendo tacitamente di tenere la giusta e concentrata misura, di scavare in profondità nei temi affrontati in un istantaneo ascolto reciproco e, diciamolo, escludendo sempre quegli atteggiamenti plateali e umoristici dei quali entrambi in altre occasioni fanno largo uso.

Track Listing

1. Orvieto Improvisation No. 1; 2. Retrato Em Blanco E Preto; 3. If I Should Lose You; 4. Doralice; 5. Jitterbug Waltz; 6. A Valsa Da Paula; 7. Orvieto Improvisation No. 2 - Nardis; 8. Este Seu Olhar; 9. Darn That Dream; 10. Tirititran; 11. Armando's Rhumba; 12. Blues in F.

Personnel

Chick Corea, Stefano Bollani (piano).

Album information

Title: Orvieto | Year Released: 2012 | Record Label: ECM Records

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

Squirmin'
Jazz WORMS
Glowing Life
Sylvaine Hélary
All Figured Out
Derek Brown
Taftalidze Shuffle
Vlatko Stefanovski
Entendre
Nik Bartsch

Popular

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded albums and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, limited reopenings and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary step that will help musicians and venues now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the sticky footer ad). Thank you!

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.