All About Jazz

Home » Articoli » Live Reviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

0

Open Papyrus Jazz Festival 2018

Alberto Bazzurro By

Sign in to view read count
Teatro Giacosa, Sala S. Marta, Caffè del Teatro
Ivrea
22-24.03.2017

Dopo l'anteprima del 17 marzo con Enten Eller e danza al Museo Garda, ancora la danza abbinata alla musica ha aperto in Sala S. Marta (i cui endemici problemi di acustica non sembrano purtroppo risolvibili) la tre giorni finale dell'edizione n. 38 del festival eporediese, da qualche anno tornato a svolgersi interamente in città. Il clou della serata era peraltro rappresentato dal trio Cominoli/De Aloe/Zanchi in un set dedicato alla memoria di Garrison Fewell, che a Ivrea si era esibito nell'edizione 2015 appena pochi mesi prima di lasciarci, il 5 luglio di quello stesso anno.

Non essendo stati presenti alla serata, procediamo oltre passando al primo appuntamento al Giacosa, da sempre sede di punta della rassegna. Preceduto dall'abituale appuntamento preserale nuovamente in Santa Marta (presentazione del corposo tomo Il Michelone e successiva esibizione dell'apprezzato quartetto Oba Mundo, impegnato su musiche da film, con la violinista Anais Drago in particolare evidenza), il primo set in teatro ha visto disimpegnarsi ottimamente il sestetto della baritonista (e altro) Helga Plankensteiner (due altoatesini, due berlinesi e due veronesi), gruppo solido, pieno, con belle rifrazioni sonore e percorsi frastagliati, anche se condotti sempre in una logica collettiva.

È salito subito dopo sul palco il New Quartet di Enrico Rava, presenza piuttosto assidua al festival diretto da Massimo Barbiero e Music Studio (terza partecipazione negli ultimi sette anni). Con Francesco Diodati alla chitarra, Enrico Morello alla batteria e, per l'occasione, Francesco Ponticelli al contrabbasso, Rava ha sfornato un concerto coi fiocchi, dai toni alla fin fine piuttosto accesi (solo nella sua ennesima rilettura di «My Funny Valentine», unico brano non suo, il Nostro ha dato voce alla sua vena più incline al lirismo), affrontato interamente al flicorno soprano, su uno strumento che usava per la seconda volta essendogli stato appena costruito ad hoc da un artigiano olandese.

Tutti a nanna dopo un paio d'ore (troppe) di dopofestival al Caffè del Teatro col peraltro apprezzabile Essence Quartet (l'altosassofonista finlandese Sara Karli e il pianista Emanuele Sartoris gli elementi di punta, ma tutti bravi, pur su terreni non particolarmente coraggiosi) e successivo appuntamento ancora nel tardo pomeriggio in Santa Marta con la presentazione, illuminante, del volume Grande musica nera dedicato da Paul Steinbeck all'epopea dell'Art Ensemble Of Chicago, protagonista Claudio Sessa, che ne ha curato l'edizione italiana.

La seconda e ultima serata al Giacosa è partita col duo, di ormai quindicennale cabotaggio, formato da Stefano Benni e Umberto Petrin nel fortunatissimo (e del resto veramente notevole, per bravura dei due performers ed equilibrio fra i vari ingredienti in campo) Misterioso, dedicato com'è noto a Thelonious Monk (e per un segmento a Billie Holiday), con testi di Benni intervallati a perlustrazioni monkiane di Petrin (a partire dal passepartout, prima che anche tutto il resto venisse—come si dice con termine alquanto infelice—sdoganato, vale a dire, ovviamente, «'Round Midnight») e bis per solo piano, dopo un'esibizione fin troppo sintetica per lasciar posto al set conclusivo, protagonista la Lydian Sound Orchestra (più voci), che, nel cinquantennale della morte di Martin Luther King, ha alternato brani del suo direttore, Riccardo Brazzale, alla colemaniana «Lonely Woman», portata su un tempo inusuale, e alla beatlesiana «Blackbird», centrando peraltro il concerto, intitolato non a caso «We Insist», sulla riproposizione della ben nota «Freedom Now Suite» di Max Roach. Set funzionale (anche se la pur impeccabile vocalità di Vivian Grillo è parsa qua e là un po' fuori contesto per specificità timbrico- interpretativa) e applausi per tutti (anche qui con bis finale). La Traditional T.S. Jazz Band ha accompagnato festosamente al Caffè del Teatro i tiratardi verso il transito a un'ora legale ormai incombente.

Foto: Carlo Mogavero.

Tags

comments powered by Disqus

Related Articles

Read Liberty Ellman Trio at Crescent Arts Centre Live Reviews
Liberty Ellman Trio at Crescent Arts Centre
by Ian Patterson
Published: April 22, 2018
Read Tallinn Music Week 2018 Live Reviews
Tallinn Music Week 2018
by Henning Bolte
Published: April 19, 2018
Read James Blood Ulmer and the Thing at Bochum Art Museum Live Reviews
James Blood Ulmer and the Thing at Bochum Art Museum
by Phillip Woolever
Published: April 17, 2018
Read Jocelyn Medina at Jazz at Kitano Live Reviews
Jocelyn Medina at Jazz at Kitano
by Tyran Grillo
Published: April 16, 2018
Read Marbin at The Firmament Live Reviews
Marbin at The Firmament
by Mark Sullivan
Published: April 15, 2018
Read Big Ears Festival 2018 Live Reviews
Big Ears Festival 2018
by Mark Sullivan
Published: April 13, 2018
Read "Tierney Sutton Band at the Newman Center" Live Reviews Tierney Sutton Band at the Newman Center
by Geoff Anderson
Published: January 21, 2018
Read "Jim Ridl: Project 142 at the DiMenna Center" Live Reviews Jim Ridl: Project 142 at the DiMenna Center
by Victor L. Schermer
Published: October 25, 2017
Read "Siena Jazz International Summer Workshop" Live Reviews Siena Jazz International Summer Workshop
by Bruce Lindsay
Published: August 8, 2017
Read "Edgefest 2017: Give the Drummers Some, Part 2-2" Live Reviews Edgefest 2017: Give the Drummers Some, Part 2-2
by Troy Dostert
Published: October 30, 2017