All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

2

Tom Rainey: Obbligato

Libero Farnè By

Sign in to view read count
Ecco un disco bello, intelligente, del tutto convincente in quanto rimane aderente ad una precisa tradizione jazzistica, riuscendo nello stesso tempo a trascenderla e rivitalizzarla.

L'idea è semplice: reinterpretare composizioni storiche del repertorio jazzistico, fra le quali alcuni standard ben noti ed altri meno frequentati, conferendo loro un'insolita veste armonica, strutturale e timbrica, rendendoli cioè musica di oggi. Questa operazione viene condotta da Tom Rainey evitando intellettualismi sofisticati o calligrafici accademismi, rifuggendo gli automatismi del mainstream come il velleitarismo sperimentale. Gli arrangiamenti obliqui, evocativi, a volte un po' evanescenti ma sempre leggibili, comportano un trattamento deformante delle melodie dei brani, che a volte rimangono latenti, appena percepibili sottotraccia. Fra le versioni più riuscite, per la trasfigurazione rigenerante della qualità melodica dei temi, è il caso di citare il monkiano "Reflections" e "If I Should Lose You" di Ralph Reinger. Inevitabilmente più esplicito rimane l'impianto tematico-ritmico di un brano come "Secret Love."

Il progetto riesce a lievitare coerente e propositivo anche per via della condivisione più completa da parte di tutti i membri del gruppo. Ingrid Laubrock, che in altre occasioni non aveva convinto per il fraseggio troppo ricercato e la mancanza di una decisa personalità, in questo contesto offre una prova sorprendente, articolando la voce densa del suo tenore con appropriata varietà di accenti e dinamiche. Ma quello che risulta superlativo è soprattutto l'intreccio continuo, mobile, inventivo dei suoi interventi con il limpido eloquio della tromba di Ralph Alessi: è il loro fitto dialogo a caratterizzare tutto l'andamento del CD. Il piano di Kris Davis emerge perentorio solo a tratti, mentre la batteria del leader e il contrabbasso pulsante di Drew Gress forniscono uno swing scabro e austero ma elegante, rilassato, mai invadente.

A ben vedere, tutto in questa musica (arrangiamenti, senso coloristico e timbrico, interplay e assoli, andamenti ritmici...) guarda con consapevolezza ma con intento rinvigorente ad un precedente stilistico ben preciso: il cool jazz storico. D'altra parte non è questa una delle tendenze più consistenti, articolate e coinvolgenti della ricerca jazzistica attuale? Se questo CD presenta un'identità così spiccata lo si deve certo alla concezione registica del leader e all'affiatamento di tutto il gruppo, ma forse anche al contributo di un esperto tecnico del suono qual è Joe Marciano in fase di registrazione, avvenuta nello studio System Two di Brooklyn nel febbraio 2013.

Track Listing: Just in Time; In Your Own Sweet Way; Long Ago and Far Away; Reflections; Secret Love; Prelude to a Kiss; Yesterdays; If I Should Lose You; You Don't Know What Love Is; Just in Time Again.

Personnel: Ralph Alessi: trumpet; Ingrid Laubrock: soprano and tenor saxophones; Kris Davis: piano; Drew Gress: bass; Tom Rainey: drums.

Title: Obbligato | Year Released: 2014 | Record Label: Intakt Records

Tags

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related Articles

Read Blencathra
Blencathra
By Jack Bowers
Read So Many Stars
So Many Stars
By C. Michael Bailey
Read Knots
Knots
By Glenn Astarita
Read Peaceful
Peaceful
By Mark Sullivan
Read Live in Nuremberg
Live in Nuremberg
By Hrayr Attarian
Read Diversity
Diversity
By Ian Patterson
Read Waves
Waves
By Don Phipps